Velocità, Precisione, Manualità grazie al Voice

Nelle operazioni per la supply chain, i lavoratori stanno sempre più facendo uso dei comandi vocali per eseguire i processi di raccolta, imballaggio e rifornimento.

Secondo Chris Heslop, Senior Marketing Manager di Honeywell, negli hub delle catene di fornitura di retailer e società di logistica è in atto già da diverso tempo la tendenza ad utilizzare la tecnologia vocale.

"I driver chiave per l'attivazione vocale nel magazzino sono dati dal fatto che i vostri dipendenti hanno bisogno di operare nel modo più efficiente possibile e i fondamenti della voce stanno nella proposta di poter lavorare senza mani e ad occhi liberi", afferma.
Elenchi cartacei e dispositivi mobili non aiutano i lavoratori in quest'ottica, aggiunge Heslop. "Sei distratto. Sei gravato. È necessario riporre gli elenchi di carta o gli scanner per liberare le mani. Non sei più produttivo come potresti essere e forse non sei così accurato".

Lavorare con la voce rende i dipendenti del magazzino tra il 20 e il 25 per cento più produttivi e li vede raggiungere tassi di precisione di oltre il 99 per cento. È qui che entra in gioco la tecnologia Vocollect di Honeywell: i lavoratori indossano una cuffia specializzata che filtra i rumori esterni delle operazioni di magazzino e consente loro di ricevere semplici istruzioni tramite gli auricolari. Poi parlano nel microfono dell'auricolare per confermare che un determinato compito è stato completato.

Così, ad esempio, gli si può inviare un'istruzione, 'Vai al corridoio 7', dal back-end del sistema di gestione del magazzino (WMS). Quando arrivano, confermano: 'Corridoio 7'. Potrebbero quindi essere indirizzati da un comando d andare fino allo Slot 42 presente in quel corridoio, dove leggeranno un carattere di controllo a tre cifre nello slot per confermare la loro posizione. Il comando successivo gli potrebbe indicare di raccogliere due elementi, e l'operatore confermerà poi di aver effettuato il compito.
In ogni fase dell'operazione, il lavoratore riceve dei comandi semplici e conferma le proprie azioni utilizzando una gamma limitata di vocaboli, spiega Heslop; in genere non più di 25 frasi impostate, tra cui 'sì' e 'no', i numeri da uno a nove , e 'ripetere' quando non capiscono un comando la prima volta.

Velocizzare le operazioni
È estremamente utile per aiutare gli addetti meno esperti durante i periodi di punta, quando sono necessari ulteriori lavoratori stagionali. È anche un grande aiuto per le aziende che utilizzano il lavoro all'estero nelle loro operazioni di magazzino, in quanto il sistema può fornire e ricevere istruzioni nelle lingue natali - polacco, lituano o portoghese, ad esempio.

Ma a prescindere dalle abilità linguistiche, in un momento in cui i clienti si aspettano sempre più la consegna il giorno successivo o anche nel corso del giorno stesso dell'ordine, la voce è un buon modo per far sì che tutti i lavoratori terminino i loro compiti più velocemente.

Honeywell Vocollect è utilizzata da una vasta gamma di aziende nelle loro attività di supply chain, tra cui i supermercati Morrisons e Waitrose, l'editore musicale Faber Music e il produttore di biciclette Raleigh. Molte aziende iniziano con operazioni di raccolta, dice Heslop, ma in seguito passano ad altri processi della catena di approvvigionamento, compresa il rifornimento e l'imballaggio.

Una visione sul futuro
JDA Software offre un WMS che si integra già con Honeywell Vocollect, ma nel tempo i lavoratori del magazzino potrebbero anche interagire più direttamente con la voce con i dispositivi indossabili, i robot, i macchinari e altri dispositivi connessi tramite l'Internet of Things, secondo Suresh Acharya, responsabile di JDA Labs, il ramo di JDA dedito a ricerca e sviluppo.

Lui e il suo team hanno sperimentato, ad esempio, i Google Glass e i Microsoft HoloLens, nonché il robot Pepper di Softbank, per esplorare il potenziale del riconoscimento vocale nelle operazioni di supply chain.
I robot cognitivi come Pepper, afferma Acharya, potrebbero assumere molte delle attività fisiche attualmente svolte dagli esseri umani - muoversi per il magazzino, raccogliere oggetti, imballarli e così via - ma in molti casi saranno comunque controllati tramite comandi vocali dagli esseri umani.

Con il passare del tempo, questo apre le porte a una raccolta di dati molto più ampia e, da lì, una maggiore comprensione dei clienti. "La voce fa parte di un quadro più ampio che coinvolge anche l'apprendimento delle macchine. Quindi i dati che possono derivare dai comandi vocali e dalle risposte potrebbero essere successivamente analizzati per aiutare a individuare le tendenze riguardanti la domanda del cliente".

La voce, sembra, sta già facendo sentire la propria presenza nella catena di approvvigionamento. Ma nel tempo, come tutti siamo ormai abituati a "parlare" a Siri, a Google o ad Alexa di Amazon, sarà il metodo di interazione sempre più preferito da coloro che lavorano nei magazzini e nei centri di distribuzione.    

Contattaci
 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi