L'AI guida la Rivoluzione Digitale

Quando si discute di una certa tipologia di tecnologie, quelle considerate generalmente più "futuristiche", si utilizzano ancora i verbi al tempo futuro. Per quanto riguarda l'intelligenza artificiale, però, dovremmo cominciare ad abituarci a parlarne al tempo presente, visto che sempre più ricerche e applicazioni la consolidano come una sicura miglioria per una varietà di settori industriali. In questo articolo, tradotto da Cloud Computing News, un recente report condotto da Gartner diviene lo spunto di base per analizzare proprio la situazione attuale dell'AI.

Ignorate le condizioni sfavorevoli, l'intelligenza artificiale (AI) diventerà un positivo motivatore di lavoro. Inoltre, secondo l'ultimo studio di mercato mondiale condotto da Gartner, il 2020 sarà un anno cruciale per le dinamiche occupazionali legate all'AI.

Il numero di posti di lavoro interessati dall'AI varierà a seconda dell'industria. Fino al 2019, la sanità, il settore pubblico e l'istruzione vedranno una domanda di lavoro in continua crescita, mentre l'industria manifatturiera subirà un impatto negativo. A partire dal 2020, la creazione di posti di lavoro legati all'AI attraverserà un momento positivo, raggiungendo due milioni di nuovi posti di lavoro netti nel 2025.

SVILUPPO DEL MERCATO DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE
"Molte innovazioni significative del passato sono state associate ad un periodo di transizione con perdite temporanee di posti di lavoro, seguite dalla ripresa, quindi dalla trasformazione aziendale e l'AI probabilmente seguirà questa strada", ha dichiarato Svetlana Sicular, vicepresidente della ricerca di Gartner.

L'AI migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuovi posti di lavoro altamente qualificati, manageriali e persino una varietà di occupazioni entry-level e scarsamente qualificate.

Purtroppo, la maggior parte degli allarmi legati alla perdita di posti di lavoro confonde l'AI con l'automazione, che mette in ombra il più grande beneficio dalla tecnologia - l'aumento di AI - che è una combinazione di intelligenza umana e artificiale, dove entrambi possono completarsi a vicenda.

I leader IT non dovrebbero concentrarsi solo sul previsto aumento netto dei posti di lavoro. Ogni investimento nelle tecnologie basate sull'intelligenza artificiale deve prendere in considerazione i posti di lavoro perduti, i posti di lavoro che verranno creati e come trasformerà il modo in cui i lavoratori collaboreranno con gli altri e prenderanno decisioni.

"È giunto il momento di avere un impatto reale sulla direzione a lungo termine dell'intelligenza artificiale", ha dichiarato Sicular. "Per il massimo valore, concentratevi sull'aumento del personale con l'IA. Arricchire i posti di lavoro delle persone, ripensare i vecchi compiti e creare nuove industrie. Trasformate la vostra cultura per renderla rapidamente adattabile alle opportunità o alle sfide legate all'AI."

Gartner ha identificato ulteriori previsioni per l'AI:
- L'AI è già stata applicata ad attività altamente ripetibili in cui grandi quantità di osservazioni e decisioni possono essere analizzate per pattern.
- Tuttavia, l'applicazione dell'AI a lavori meno ordinari, che si caratterizzano per essere più vari a causa della minore ripetibilità, inizierà presto a produrre benefici superiori.
- L'AI applicata al lavoro non routinario ha più probabilità di assistere gli esseri umani piuttosto che sostituirli, poiché le combinazioni di esseri umani e macchine funzionerà in modo più efficace di quanto lo faranno gli esperti umani o le macchine AI che lavorano da sole.
- Entro il 2022, un lavoratore su cinque che svolge prevalentemente mansioni non di routine si affiderà all'AI per svolgere un lavoro.
- Entro il 2022, gli sforzi dei rivenditori multicanale per sostituire i venditori associati attraverso l'AI non avranno successo, anche se i lavori di cassa e operativi saranno "disrupted".
- Nel 2021, l'aumento dell'AI genererà 2,9 trilioni di dollari in valore aziendale e recupererà 6,2 miliardi di ore di produttività dei lavoratori.

"L'AI può adempiere compiti ripetitivi e banali, liberando gli esseri umani per altre attività, ma la simbiosi degli esseri umani con l'AI sarà più sfumata e richiederà reinvestimenti e reinvenzione invece di automatizzare semplicemente le pratiche esistenti", ha dichiarato Mike Rollings, vice presidente della ricerca di Gartner.

Piuttosto che avere una macchina che replica i passi che un essere umano compie per raggiungere un determinato giudizio, l'intero processo decisionale può essere ridisegnato per utilizzare i relativi punti di forza e di debolezza sia della macchina che dell'uomo, per massimizzare la generazione di valore e ridistribuire il processo decisionale e aumentare l'agilità.

Articolo tradotto da:
Cloud Computing News

Topic:
Intelligenza Artificiale

Contattaci
 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi