Briciole di pane


06 Maggio 2020

Implementazione della Tecnologia Sanitaria nelle strutture di assistenza temporanea

Non esiste un approccio unico all'utilizzo della tecnologia in ambienti sanitari remoti, ma esistono soluzioni tecnologiche collaudate e buone pratiche che dovrebbero essere ampiamente applicate.

James Woo, Healthcare Practice Lead (APAC) di Zebra, e due dei North America Healthcare Account Manager di Zebra, Kathy Marchant e Katie Johnson, parlano in un'interivista rilasciata al Blog di Zebra di ciò che serve per sostenere un ospedale temporaneo, dal punto di vista tecnologico.

Questi esperti condividono alcune delle sfide chiave e delle best practice derivate dalle prime linee di questi progetti, nella speranza che altri sistemi sanitari possano imparare dalla loro epserienza.

Siete già stati tutti coinvolti nella creazione di flussi di lavoro e sistemi tecnologici simili in un ospedale tradizionale. In che modo le cose sono diverse in questo nuovo ambiente?

James: La maggior parte delle decisioni relative al personale ospedaliero, al flusso di lavoro, alle attrezzature e alla tecnologia si basano sul trattamento di pazienti con problemi che vanno da condizioni critiche non infettive, come gli infarti e gli ictus, a casi di traumi gravi derivanti da incidenti automobilistici o industriali e infezioni virali come l'epatite C. Il nuovo ambiente derivante dal COVID-19 li costringe a ripensare e rivedere il loro personale esistente, i flussi di lavoro e l'adozione della tecnologia. Devono essere in grado di aumentare rapidamente il loro numero nel caso in cui si verifichi un'altra grave perturbazione e causare un'altra crisi sanitaria secondaria, con un conseguente aumento dell'afflusso di pazienti simile all'attuale pandemia di COVID-19.

Katie: Per quanto riguarda James, però, questo è un territorio inesplorato. Molti clienti con cui ho lavorato negli Stati Uniti non sapevano necessariamente di cosa avevano bisogno dal punto di vista tecnologico quando hanno iniziato a studiare questi progetti ospedalieri temporanei. Sapevano di aver bisogno di determinate capacità di flusso di lavoro, ma non erano sicuri che lo stesso hardware che utilizzavano all'interno delle mura di un ospedale tradizionale sarebbe stato in grado di connettersi in un ambiente remoto. Naturalmente, c'erano anche considerazioni relative all'infrastruttura di rete e al software. Potevano implementare una simile capacità di infrastruttura IT sul campo o utilizzare le stesse applicazioni mobili per facilitare i flussi di lavoro specifici legati al COVID-19. E potrebbero fare tutto questo in due o tre settimane sapendo che normalmente ci vorrebbero dai tre ai sei mesi?

Kathy: Un'altra sfida è l'incapacità dei fornitori di soluzioni di essere sul posto per sostenere gli sforzi degli operatori sanitari con la stessa capacità che avrebbero avuto per altre implementazioni tecnologiche. Una volta mi trovavo in ospedale almeno una volta alla settimana con il nostro Sales Engineer, e questo si è dimostrato prezioso quando si comprende l'applicazione del cliente e si fornisce supporto durante l'implementazione e la messa a punto della soluzione. Ora quasi tutto deve essere svolto da remoto a causa delle restrizioni di viaggio e della distanza sociale, quindi è un po' più difficile.

Quali sono le best practice adottate finora?

James: Gli ospedali devono rivedere le loro attuali pratiche, i processi e il livello di adozione della tecnologia per garantire che ci sia un fattore "moltiplicatore di forza" incorporato nella loro progettazione. Quando si combatte una guerra contro un'epidemia virale, non è possibile mantenere lo status quo al livello di preparazione pre-COVID-19, a meno che il vostro ospedale non abbia il giusto livello di adozione per gestire l'impennata e la capacità di condividere i dati con le agenzie governative in modo quasi in tempo reale per sostenere il processo decisionale in materia di sicurezza pubblica.

Anche se, se dovessi raccomandare un pilastro tra i tre pilastri chiave (processo, persone, tecnologia) per salire di scala per primo, sarebbe la tecnologia - e la tecnologia mobile in particolare. In questo modo si ottiene l'indispensabile effetto moltiplicatore di forza quando se ne presenta la necessità, consentendo al personale attuale di gestire volumi più elevati di pazienti ricevuti in una crisi sanitaria in modo più sicuro ed efficiente. Possono collaborare a livello multidisciplinare, ricevere e agire in tempo reale gli avvisi di monitoraggio dei pazienti, tracciare l'uso di risorse critiche e/o verificare rapidamente l'identità dei pazienti e lo stato di salute per una rapida segregazione e un trattamento accurato. Permettetemi di chiarire che gli altri due pilastri (processo e persone) devono essere rivisti e lavorati in modo che i tre pilastri lavorino di pari passo per trarre il massimo beneficio dall'adozione delle nuove tecnologie sanitarie.

Naturalmente, in condizioni infettive, c'è un ulteriore vantaggio nell'utilizzo di dispositivi mobili per svolgere le attività quotidiane: il distanziamento sociale. È possibile scansionare braccialetti e codici a barre - e comunicare - da lontano per ridurre al minimo il rischio di trasmissione tra gli operatori sanitari e i pazienti.

Tuttavia, è altrettanto fondamentale pulire regolarmente dispositivi mobili, scanner e stampanti durante il giorno con disinfettanti di tipo medico.

Kathy e Katie, ci sono stati ulteriori apprendimenti in Nord America?

Kathy: In questa fase iniziale direi che la più grande lezione appresa negli Stati Uniti è che non eravamo preparati, come paese o sistema sanitario, a gestire questo tipo di pandemia. Una nota positiva è che ho visto una comunità di venditori, fornitori di servizi sanitari e persino membri del pubblico riunirsi per fare ciò che è necessario per portare a termine il lavoro con le nostre risorse. I programmi personali sono stati messi da parte.

Katie: La creazione di "kit" per le azioni di emergenza può essere una soluzione fantastica, soprattutto per automatizzare l'etichettatura dei campioni per migliorare l'accuratezza del flusso di lavoro. Abbiamo anche imparato molto sulla logistica di approvvigionamento e sull'implementazione di tecnologie in strutture remote. Ci vuole un esercito per fare quello che stiamo facendo. Non abbiate paura di attingere alle competenze e alle risorse collettive di più fornitori di soluzioni, partner della catena di fornitura e distributori, nonché ai numerosi e diversi stakeholder clinici, amministrativi e IT dei sistemi sanitari - quelli che considerate consulenti di fiducia.

James, secondo te, in quanto ex CIO di un ospedale, qual è il rischio maggiore di non agire rapidamente per ampliare le capacità di assistenza?

James: Come abbiamo visto più volte negli ultimi mesi, l'improvviso aumento del volume di pazienti in cerca di cure può rapidamente sopraffare una struttura sanitaria. Quando si protrae per un periodo di tempo prolungato, si possono verificare possibili lacune nella sicurezza del paziente e una diminuzione della qualità delle cure.
Tra le aree che soffrono di un tale prolungato aumento del volume dei pazienti troviamo:

- Benessere del personale: ci vuole tempo per reclutare altro personale sanitario qualificato per soddisfare l'aumento della domanda. Nel frattempo il rapporto tra personale e pazienti aumenta di più volte e il personale regolare deve lavorare su più turni, con conseguente burnout e un aumento del rischio di sviste che incidono sulla sicurezza dei pazienti.
- Utilizzo delle attrezzature: I medici o gli infermieri non sono in grado di localizzare rapidamente le attrezzature critiche in un ambiente già stressante, creando inefficienze nell'allocazione di queste limitate risorse.
- Occupazione dei posti letto/ripartimento: un'elevata occupazione dei posti letto porta a far smistare i pazienti e ad assegnarli ai corridoi, a tempi di attesa prolungati per le cure e a tutti coloro che corrono dappertutto, portando potenzialmente al caos.
- Decisioni di trattamento: Le strutture di prova che non sono in grado di ottenere risultati abbastanza rapidi lasciano il personale indeciso sul miglior ciclo di trattamento.
- Accuratezza dei dati: In una situazione di fretta, il personale potrebbe commettere errori nei test o nel controllo delle cartelle cliniche dei pazienti.

Diverse situazioni possono derivare da un tale scenario:

- I pazienti molto malati potrebbero essere trascurati al pronto soccorso, poiché gli ospedali lavorano per gestire il grande volume di pazienti in cura.
- La sicurezza dei pazienti può essere compromessa in termini di identità non verificata o di decisioni e azioni terapeutiche.
- Ci può essere un'interruzione delle comunicazioni - sia a causa di ritardi che di errori di comunicazione.
- I risultati potrebbero richiedere più tempo del necessario per raggiungere il personale sanitario in prima linea.

Che consiglio dareste a chi è in attesa di vedere cosa succede prima di iniziare a costruire o a chi sta tornando ai processi cartacei perché si affida ancora ai metodi tradizionali - spesso prolungati - di approvvigionamento per l'acquisizione di tecnologia?

James: Prendetevi il tempo necessario per rivedere la vostra infrastruttura di rete, l'attuale livello di adozione della tecnologia e i piani e la tabella di marcia per l'adozione futura. Chiedetevi se avete le soluzioni per soddisfare le vostre esigenze end-to-end ora e nei prossimi anni. E se avete partner di fiducia con soluzioni in grado di soddisfare le vostre esigenze tecnologiche a breve e a lungo termine. Non sappiamo quanto durerà il COVID-19 o se si ripresenterà ogni anno in una forma diversa. La maggior parte dei media ha riferito che gran parte della sfida ospedaliera in una pandemia sanitaria di questo tipo è la mancanza di DPI, attrezzature di terapia intensiva, medicina e persino di medici in terapia intensiva, ecc.  Il mio consiglio è di considerare la vostra tecnologia sanitaria per garantire che non si aggiunga ai problemi di risorse precedentemente menzionati. In alternativa, potreste utilizzare la tecnologia sanitaria per mitigare i vostri problemi operativi derivanti da un'impennata del volume dei pazienti e metterli fuori gioco.
In altre parole, è fondamentale migliorare la prontezza tecnologica della vostra istituzione sanitaria ora in modo che siate preparati per un'altra futura crisi sanitaria. Non aspettate che le cose si mettano male per apportare cambiamenti, perché potreste non avere né il tempo né l'attenzione per farlo. Rimanete proattivi, soprattutto quando si tratta di tecnologia, dato che il suo effetto "moltiplicatore di forza" può fornire la spinta e l’efficienza al personale quando il carico di lavoro diventa impegnativo.

Articolo tratto da:
Zebra Blog

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2020. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi