Briciole di pane


25 Marzo 2021

Produttori e Retailer rivedono le strategie sulla Supply Chain per rimodellarsi al nuovo futuro.

Un nuovo rapporto del “Capgemini Research Institute” sull'impatto delle interruzioni dell'ultimo anno sulle Supply Chain dei prodotti di consumo e del retail (CP&R), ha scoperto che il 66% delle organizzazioni afferma che la propria strategia cambierà significativamente nei prossimi 3 anni, adattandosi alla pandemia e incorporando la resilienza nelle proprie operazioni.

Solo il 23% delle organizzazioni di prodotti di consumo e il 28% dei retailer ritengono che la loro catena di approvvigionamento sia abbastanza agile da supportare le esigenze di business in evoluzione.

COVID-19 è stato un campanello d'allarme per le aziende CP&R: L'85% delle organizzazioni di prodotti di consumo e l'88% dei retailer dicono di aver affrontato delle perturbazioni, mentre il 63% delle organizzazioni di prodotti di consumo e il 71% dei retailer dicono che ci sono voluti almeno tre mesi perché le loro catene di approvvigionamento si riprendessero dalle perturbazioni. Di conseguenza, le organizzazioni stanno riallineando le loro strategie per concentrarsi su tre aree critiche.

1)Il passaggio al rilevamento della domanda

Più di due terzi delle organizzazioni (68%) affermano di aver incontrato difficoltà nella pianificazione della domanda a causa della mancanza di informazioni accurate e aggiornate sulla fluttuazione della domanda dei clienti durante la pandemia. Per migliorare la previsione, il 66% delle organizzazioni prevede di segmentare le catene di fornitura in base ai modelli di domanda, al valore del prodotto e alle dimensioni regionali dopo la pandemia, mentre il 54% afferma che utilizzerà analitica/AI-machine learning per la previsione della domanda per far fronte all'impatto della COVID-19.

2)La visibilità diventa critica

Il 75% delle aziende di prodotti di consumo ha incontrato difficoltà quando ha dovuto aumentare o diminuire rapidamente la capacità produttiva a causa di COVID-19. Per creare l'agilità necessaria a rispondere ai cambiamenti improvvisi della domanda, i produttori possono identificare le opportunità per migliorare la visibilità, cita il rapporto. Questo può aiutare ad affrontare la sfida delle decisioni strategiche, tattiche e operative in tempo reale. Le organizzazioni comprendono l'importanza degli investimenti digitali per migliorare la visibilità. Il 58% dei retailer e il 61% delle organizzazioni di prodotti di consumo stanno pianificando di aumentare gli investimenti nella digitalizzazione delle catene di approvvigionamento. In particolare, il 47% delle organizzazioni prevede di investire nell'automazione, il 42% nella robotica e il 42% nell'intelligenza artificiale. Il 64% e il 63% delle organizzazioni stanno anche pianificando di fare un uso estensivo dell'intelligenza artificiale e dell'apprendimento automatico rispettivamente nel trasporto e nell'ottimizzazione dei prezzi.

3)Dalla globalizzazione alla localizzazione

Per prevenire future interruzioni, le organizzazioni stanno riconoscendo l'importanza della localizzazione e stanno investendo attivamente. Le organizzazioni CP&R stanno passando dalla globalizzazione alla localizzazione della base dei fornitori e della produzione. Il 72% delle organizzazioni di prodotti di consumo e il 58% dei retailer dicono che stanno investendo attivamente nella regionalizzazione o localizzazione della loro base produttiva o nel nearshoring della produzione.

Il 65% delle aziende CP&R sta anche investendo nella regionalizzazione e localizzazione della propria base di fornitori, che sale all'83% nel Regno Unito e al 73% in India. In linea con queste strategie, tra tre anni i fornitori globali rappresenteranno solo il 25% della capacità dei retailer, rispetto all'attuale 36%. Nei prodotti di consumo, i produttori globali rappresenteranno solo il 17%, dal 26% di oggi.

In linea con il passaggio alla localizzazione, i dark store, che hanno operazioni indipendenti e sono più vicini ai luoghi di consegna, stanno diventando un'alternativa sempre più utile per evadere gli ordini online, dato che il calpestio fisico diminuisce. Una precedente ricerca di Capgemini ha mostrato che se le consegne dai dark store aumentassero del 50%, i margini di profitto potrebbero crescere del 7% come risultato di costi di consegna più bassi e di una maggiore capacità di consegna rispetto ai negozi (pur non influenzando le operazioni del negozio).

"I CPG e i retailer riconoscono il grande rischio di perturbazioni future, e hanno l'opportunità di essere in prima linea nel creare agilità e resilienza per adattare le loro reti di supply chain", afferma Lindsey Mazza, Global Retail Supply Chain Leader di Capgemini. "La pandemia è stata un evento di apprendimento accelerato. Le organizzazioni si rendono conto che le nuove tecnologie possono consentire l'agilità di cui c'è molto bisogno - dal miglioramento delle previsioni della domanda, al potenziamento dell'adempimento fino a consegne dell'ultimo miglio più veloci e convenienti. Investendo ora, le organizzazioni si mettono in buona posizione per supportare in modo sicuro i consumatori nel momento del bisogno - quando ci sarà la prossima perturbazione del settore".

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2021. All rights reserved

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi