Briciole di pane


03 Giugno 2021

Il nuovo Confine Digitale: Ripensare la strategia per l'era postpandemica.

Un recente sondaggio di McKinsey conferma che il futuro apparterrà alle aziende che metteranno la tecnologia al centro delle loro prospettive, capacità e mandato di leadership.A un anno dalla crisi di COVID-19, l’ultima indagine globale McKinsey sulla strategia digitale indica che la pandemia ha aumentato il ritmo del business e che le capacità tecnologiche saranno fondamentali per le strategie di uscita da COVID-19 delle aziende e per ciò che verrà dopo. Dopo aver visto come la pandemia abbia accelerato l'adozione delle tecnologie digitali di diversi anni, la ricerca di McKinsey ha dato un'occhiata più da vicino a come le aziende stanno ripensando il ruolo della tecnologia digitale nella loro strategia aziendale complessiva e a come condurre gli affari al ritmo sempre più veloce che è ora necessario per operare.

L'imperativo di un approccio strategico alla tecnologia è universale, ma alcune aziende sono già in testa; le loro risposte mostrano che le migliori capacità tecnologiche complessive, il talento, la leadership e le risorse (ciò che viene chiamato "dotazione tecnologica" di un'azienda) sono collegate a migliori risultati economici. Allo stesso tempo, i risultati confermano che molte organizzazioni potrebbero perdere l'opportunità di investire nelle aree dei loro modelli di business che sono più a rischio di interruzione digitale.
La nostra precedente indagine ha mostrato che nelle aree chiave del modello di business, l'adozione complessiva delle tecnologie digitali da parte delle aziende ha subito un'accelerazione da tre a sette anni nel giro di pochi mesi. I risultati più recenti mostrano che questa accelerazione sta avvenendo anche a livello di pratiche aziendali fondamentali: quella che nel 2018 era considerata la velocità best-in-class per la maggior parte delle pratiche aziendali è ora più lenta della media. E nelle aziende con le dotazioni tecnologiche più forti, gli intervistati dicono che stanno operando a un ritmo ancora più veloce.
Ma non è solo il ritmo degli affari che la crisi di COVID-19 ha cambiato radicalmente. Secondo il sondaggio, molti intervistati riconoscono che i modelli di business delle loro aziende stanno diventando obsoleti. Solo l'11% crede che i loro attuali modelli di business saranno economicamente sostenibili fino al 2023, mentre un altro 64% dice che le loro aziende hanno bisogno di costruire nuovi business digitali per aiutarle ad arrivare.
Allo stesso tempo, la pandemia ha creato nuove vulnerabilità e nuove opportunità di future interruzioni
. Sappiamo per esperienza che i clienti, i dipendenti e i partner della Supply Chain hanno tutti aumentato l'uso della tecnologia, il che ha reso le barriere all'interruzione digitale ancora più basse rispetto a prima della crisi e ha aperto la strada a cambiamenti più rapidi e guidati dalla tecnologia in futuro. Nel sondaggio, gli intervistati di ogni settore affermano che le loro aziende hanno vulnerabilità significative, specialmente nelle loro strutture di profitto, nella capacità di raggruppare i prodotti e nelle operazioni.
Sono state anche esaminate le aree del business in cui le industrie hanno investito e, per la maggior parte, questi investimenti non si allineano con le aree che sono più inclini alla perturbazione (o che offrono i più alti ritorni). Per esempio, molte aziende sanitarie e farmaceutiche stanno investendo per adattare le loro offerte, consentire l'accesso on-demand a prodotti e servizi e migliorare l'esperienza complessiva del cliente. Eppure, secondo il sondaggio, queste aziende affrontano maggiori rischi di interruzione nelle loro Supply Chain, nella struttura dei loro costi operativi e nei tipi di prodotti che offrono.

Per soddisfare le nuove richieste, le aziende stanno facendo investimenti digitali e tecnologici in tutto il modello di business.
Un indicatore della crescente importanza della tecnologia sia per la strategia che per le operazioni è che le aziende hanno dedicato più risorse alle loro capacità digitali e tecnologiche durante la pandemia, anche se hanno tagliato risorse da altre parti del business. Secondo i risultati del sondaggio, il finanziamento delle iniziative digitali e tecnologiche è aumentato, così come il numero di equivalenti a tempo pieno nei ruoli digitali e tecnologici.
Coerentemente con i risultati dell'anno scorso che i dirigenti hanno iniziato ad avere una visione più strategica della tecnologia, pensandola come più di un semplice driver di costo, più della metà degli intervistati di quest'anno dicono che le loro aziende stanno guardando alla tecnologia come un modo per differenziarsi strategicamente dai concorrenti.

Le aziende più performanti hanno fatto investimenti più audaci nella tecnologia e possiedono capacità generali più forti.
Sappiamo dalle ricerche passate che gli investimenti in tecnologia più audaci e su larga scala hanno molte più probabilità di sostenere una trasformazione di successo rispetto a quelli di portata più ridotta. Per raggiungere le loro ambizioni, è fondamentale che le organizzazioni capiscano cosa significhi davvero differenziarsi dagli altri sulla loro tecnologia, soprattutto perché "tecnologia" e "digitale" sono termini così ampi e significano cose diverse in organizzazioni diverse. Quindi è stato chiesto agli intervistati quali sono gli elementi specifici della tecnologia che, in base all’esperienza e alle ricerche precedenti, sono alla base delle trasformazioni digitali di successo e costituiscono la dotazione tecnologica di un'azienda. I risultati suggeriscono un chiaro legame tra la dotazione tecnologica e la sovra-performance economica. Quando si esaminano le singole capacità della dotazione tecnologica (il sondaggio ne ha chieste 13 in totale), i migliori esecutori economici del decile sono già significativamente più avanti dei loro pari in quasi tutte le capacità. Per esempio, questi intervistati hanno quasi il doppio delle probabilità rispetto agli altri di affermare di coprire tempestivamente i ruoli tecnologici chiave con talenti di alta qualità. Allo stesso tempo, i risultati confermano che anche i top performer hanno spazio per migliorare e rafforzare le loro dotazioni tecnologiche.
Il talento rappresenta una sfida perenne per le aziende che stanno trasformando il loro business attraverso il digitale e la tecnologia, come molti degli intervistati dicono di voler fare. Mentre le organizzazioni fanno i loro piani per colmare le lacune critiche di talento nella tecnologia, dal consiglio di amministrazione alla prima linea, i risultati suggeriscono che non c'è una pallottola d'argento per colmare le lacune di competenze. I top performer economici riportano una maggiore fiducia nell'assunzione di nuovi dipendenti. In altre aziende, gli intervistati riferiscono un'uguale attenzione all'assunzione e alla riqualificazione del loro personale attuale, e i due gruppi si affidano in egual misura alla collaborazione o all'appalto.
Raggiungere i leader (e ancor meno superarli) sarà sempre più difficile, perché i top performer economici hanno già intrapreso più azioni dei loro pari per raggiungere i loro obiettivi tecnologici. Le loro risposte mostrano che queste organizzazioni sono più propense a investire nel talento, a creare nuove partnership (anche con i concorrenti) e ad aumentare la loro spesa in R&S.
I top-decile hanno anche adottato un approccio più audace all'innovazione e ora ottengono una quota molto più grande delle loro vendite da prodotti o servizi che non esistevano un anno fa.
Inoltre, i migliori esecutori stanno facendo piani più aggressivi per differenziarsi con la tecnologia, con alcuni che si preparano a reinventare del tutto la loro proposta di valore.

La leadership esperta di tecnologia ha aiutato a distinguere i top performer e sarà ancora più preziosa in futuro.
Data la crescente importanza della tecnologia per il successo aziendale, non è forse sorprendente che i top performer hanno quasi il doppio delle probabilità di avere leader tecnologici che modellano attivamente la strategia generale. Sono anche più propensi a dare ai leader tecnologici un ruolo importante nell'innovazione e nello sviluppo dei prodotti.
Nonostante l'importanza di coinvolgere i leader tecnologici nelle decisioni aziendali, non è sufficiente per le aziende avere un unico leader tecnologico responsabile della guida di una strategia aziendale al top delle prestazioni e abilitata al digitale. E’ stato chiesto come i consigli di amministrazione, i leader della C-suite e i capi delle unità aziendali si stanno impegnando nella tecnologia. Gli intervistati delle aziende con le migliori performance economiche sono quasi 2,5 volte più propensi a dire che sette o più di questi ruoli sono alla guida del pensiero legato alla tecnologia per le loro organizzazioni. Ci sono differenze ancora più grandi nelle organizzazioni con una dotazione tecnologica di primo decile: questi intervistati sono più di sette volte più propensi del decile inferiore a segnalare almeno sette leader esperti di tecnologia.
L'importanza del digitale pone una sfida per i leader aziendali: pochi sono abituati a impegnarsi con la tecnologia, anche se questa sta trasformando i requisiti di quasi tutti i ruoli e sta diventando parte del lavoro di tutti. Ai consigli di amministrazione viene chiesto di comunicare al mercato gli investimenti della loro organizzazione nelle tecnologie digitali e come questo permetterà loro di tenere il passo con i concorrenti. I responsabili delle risorse umane devono non solo assumere nuovi tipi di talenti, ma anche affrontare le domande sul ruolo dell'intelligenza artificiale nel cambiare i tipi e il numero di persone che il loro business richiede. I CFO devono prendere decisioni più grandi e più veloci sugli investimenti in tecnologie digitali e, in molti casi, guidare l'acquisizione di aziende digitali. Eppure, secondo il sondaggio, la maggior parte dei leader attuali non ha la conoscenza o l'esperienza per essere pionieri nell'applicazione delle nuove tecnologie o per identificare in modo coerente come le nuove tecnologie possono trasformare il loro business. Hanno bisogno di diventare "leader" tecnologici - piuttosto che "facilitatori " o "ostacolatori " - nelle loro rispettive organizzazioni.

Guardando avanti.
La ripresa aziendale dalla crisi COVID-19 comporterà cambiamenti permanenti in molte dimensioni di un'organizzazione: il ritmo con cui conduce il suo business, la natura stessa della proposta di valore di quel business, e il talento, le capacità e la leadership che sono necessari per il successo. Con le interruzioni digitali e tecnologiche che creano dinamiche da vincitore in sempre più settori, solo un piccolo sottoinsieme di organizzazioni è destinato a prosperare - e anche queste aziende hanno molto più spazio per rafforzare le loro dotazioni tecnologiche. I risultati del sondaggio confermano non solo che una solida base tecnologica è fondamentale, ma anche che le aziende leader sono molto più avanti dei concorrenti nel costruire la loro. Per tutti gli altri, il momento è ora di fare investimenti audaci nella tecnologia e nelle capacità che equipaggeranno le loro aziende per superare gli altri in un panorama in rapida evoluzione.

Conclusione.
Per le aziende è il momento di fare investimenti coraggiosi nella tecnologia e nelle capacità che permetteranno alle loro aziende di superare gli altri.

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2021. All rights reserved

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi