Briciole di pane


07 Aprile 2021

4 imperativi per digitalizzare e automatizzare la Supply Chain: Intelligenza, Architettura, Eccellenza operativa e pianificazione, e Resilienza.

Il quadro di reinvenzione della catena di fornitura di Ernst & Young raccomanda quattro imperativi per permettere alla catena di fornitura di un'organizzazione di trasformarsi in una in cui le decisioni sono maggiormente guidate dai dati e a prova di futuro. Trasformare le catene di approvvigionamento è un viaggio arduo e individualizzato in cui il successo dipende dall'impegno dei collaboratori, così come dei partner affiliati e dei fornitori. Man mano che questi sforzi vengono intrapresi da sempre più aziende in tutto il mondo, la catena di approvvigionamento globale si trasformerà in una catena di approvvigionamento basata sulla rete, digitalizzata e autonoma che abbraccia le 3R: Reattività, Riconfigurazione e Resilienza.

La catena di approvvigionamento globale è una creazione del passato, mal adattata al mondo in rapido cambiamento di oggi. È stata progettata con la linearità in mente: un focus unico sulla minimizzazione dei costi di trasporto attraverso la costruzione di infrastrutture di distribuzione punto a punto ad alta capacità. Queste infrastrutture esistenti possono essere riutilizzate anche se alternative più nuove e veloci sono state e continueranno ad essere sviluppate. E poiché il commercio globale si è accelerato negli ultimi decenni, maggiori livelli di investimento e manodopera sono stati dedicati all'espansione della capacità per raggiungere l'efficienza dei costi.

Tuttavia, l'interruzione dovuta a COVID-19 è stato un campanello d'allarme: la catena di approvvigionamento globale è sempre più mal equipaggiata per il mondo di oggi e deve diventare digitale e autonoma se vuole essere in grado di identificare e rispondere automaticamente agli eventi esterni.

Modernizzazione della Supply Chain globale: i Tre fattori che stanno guidando l'obsolescenza della catena di approvvigionamento globale.

In primo luogo, il cambiamento nella domanda dei consumatori sta accelerando. Il Future Consumer Index di EY, lanciato all'inizio della pandemia, ha rivelato che i consumatori di tutto il mondo stanno progressivamente spostando le loro aspettative verso prodotti e servizi digitali, locali e sostenibili. La visione di un accesso a internet veramente universale e fulmineo si sta realizzando grazie alla continua adozione di smartphone, l'emergere di dispositivi Internet of Things e le infrastrutture di telecomunicazione di prossima generazione come il 5G e le costellazioni di satelliti in orbita bassa. Il futuro immaginato in Megatrends 2018 prevede che gli acquisti e le decisioni dei consumatori saranno sempre più guidati dalla voce e dalle macchine, con un rapporto delle aziende con i clienti machine-to-machine, basato sui valori e digital-first.

In secondo luogo, i fattori ambientali cominciano a esercitare una maggiore influenza. Secondo l'International Air Transport Association (IATA), COVID-19 ha contribuito a un calo previsto del 66% del traffico aereo nel 2020. Inoltre, il cambiamento climatico sta alimentando una maggiore frequenza e gravità degli eventi meteorologici estremi. Uno studio scientifico peer-reviewed ha stimato che la frequenza di inondazioni e tempeste intense potrebbe raddoppiare entro 13 anni e, solo quest'anno, abbiamo già visto gravi inondazioni in Cina e in India, incendi in California, inondazioni estreme indotte da tifoni in Giappone e l'uragano Laura, il 16° uragano più costoso da record. A più lungo termine, l'innalzamento del livello del mare potrebbe potenzialmente portare scompiglio in molti porti e aeroporti situati a livello del mare. Le aziende - specialmente quelle con grandi impronte fisiche - dovrebbero aspettarsi interruzioni legate al clima come la norma per i decenni a venire.

Infine, l'ordine globale si sta fondamentalmente rimodellando. L'impatto del sistema globale riequilibrato, discusso in Megatrends 2018, ha delineato la crescente probabilità che la multipolarità sarà lo stato finale, mentre la Cina cerca di stabilire la propria sfera di influenza in opposizione all'Occidente, guidato dagli Stati Uniti. L'escalation delle tensioni sul commercio, l'innovazione tecnologica e l'assistenza sanitaria suggeriscono che è altamente improbabile tornare al passato cooperativo che ha caratterizzato il periodo successivo all'ammissione della Cina all'Organizzazione Mondiale del Commercio nel 2001. Eppure la cooperazione sarà la chiave.  Parag Khanna, Managing Partner di Futuremap, prevede una maggiore enfasi sul regionalismo, dove le economie vicine saranno più inclini a coordinarsi.

Quattro imperativi per digitalizzare e automatizzare la Supply chain

Quindi, come si fa a rendere la catena di approvvigionamento a prova di futuro? Basta iniziare confrontando le preferenze prevalenti dei consumatori con le dimensioni di performance della propria catena di approvvigionamento: costo, qualità e consegna.

La catena di fornitura globale lineare, progettata con poca flessibilità in mente, ha cercato di soddisfare le richieste dei consumatori abbassando i costi attraverso la scala, minimizzando i tempi di consegna attraverso l'accumulo di scorte e l'espansione della capacità logistica, e sostenendo la qualità con processi di approvvigionamento rigorosi. Eppure lo sforzo è evidente. Questi approcci non sono scalabili e sono in contrasto con la flessibilità necessaria per i consumatori di oggi, mentre la gravità e la frequenza degli eventi climatici e il panorama normativo commerciale in continua evoluzione stanno rendendo insostenibile la catena di approvvigionamento globale lineare.

La risposta? Applicare le tecnologie moderne per consentire maggiori livelli di automazione. Consideriamo la storia delle telecomunicazioni. Il costo crescente dell'instradamento manuale di ogni chiamata, unito alla crescita della domanda, ha portato all'invenzione dello switch Strowger, un PBX (Private Branch eXchange) automatico in grado di instradare meccanicamente le telefonate con la minima facilitazione umana.

La catena di approvvigionamento globale si trova oggi dove l'industria delle telecomunicazioni si trovava 60 anni fa. La sua unica strategia di trasformazione sostenibile è quella di diventare completamente digitale e autonoma, in grado non solo di identificare e rispondere automaticamente agli eventi causati dai disastri naturali e dalla geopolitica, ma anche di consentire attività in tempo reale, tracciabilità e risposte ai clienti, comunicando senza soluzione di continuità tra gli asset, i sistemi e il front e back end. La condivisione delle informazioni in tempo reale permetterà una catena di fornitura autonoma che riduce al minimo il coinvolgimento umano - proprio come l'arrivo del PBX automatico ha reso superfluo il lavoro dell'operatore telefonico umano.

Non aspettiamoci che qualsiasi tecnologia emergente - blockchain, intelligenza artificiale, stampa 3D, data lake basati su cloud, gemelli digitali, automazione del magazzino, droni di consegna - sia una panacea per la supply chain. Il quadro di reinvenzione della catena di fornitura di Ernst & Young raccomanda quattro imperativi per permettere alla catena di fornitura di un'organizzazione di trasformarsi in una in cui le decisioni sono maggiormente guidate dai dati e a prova di futuro.

Intelligenza della catena di approvvigionamento: I dati di reparto isolati sono comuni, quindi l'inizio di qualsiasi viaggio di reinvenzione della catena di approvvigionamento è quello di investire nel giusto mix di infrastrutture e talenti addestrati per consentire una visibilità end-to-end e in tempo reale. Questo permette l'identificazione dei punti deboli specifici dell'azienda, del settore e delle aree geografiche.

Architettura della catena di approvvigionamento: La visibilità permette la progettazione di un modello operativo ottimale della catena di approvvigionamento, dalla struttura alla governance e ai processi. Questa intelligenza aiuta anche a pesare i pro e i contro per determinare il mix ottimale tra capacità di sourcing e produzione locale, regionale e globale.

Eccellenza operativa integrata e pianificazione della catena di approvvigionamento: Questo è spesso il passo più arduo e continuo: esaminare individualmente gli elementi chiave come l'approvvigionamento, la produzione, la logistica e l'adempimento mentre si adotta una mentalità di sistema per sviluppare piani di implementazione a tutto campo che impiegano tecnologie come la fabbrica intelligente, l'adempimento digitale e la pianificazione digitale integrata.

Sostenibilità e resilienza della catena di approvvigionamento: Una volta raggiunta l'eccellenza della supply chain, il prossimo passo evolutivo è l'adozione di modelli di business futuri per sostenere il vantaggio competitivo. Per i prodotti freschi, ad esempio, l'agricoltura verticale promette di consentire la produzione nel punto di consumo, riducendo drasticamente le impronte di carbonio. Nella moda, dove l'iper-personalizzazione potrebbe essere un fattore di differenziazione chiave, le strutture di stampa 3D vicino ai clienti e le fabbriche intelligenti in località vicine potrebbero rivelarsi opzioni valide. E nei settori in cui lo smaltimento delle batterie inquinanti è stato un problema noto e persistente, l'adozione di un'operazione di supply chain circolare attraverso il riuso e il riciclaggio potrebbe essere un passo positivo verso il raggiungimento degli obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG).

Le imprese si trovano di fronte a una crescente pressione degli stakeholder per costruire business sostenibili. Secondo l’ultimo sondaggio di EY sulla reinvenzione della supply chain, i dirigenti della supply chain classificano la sostenibilità come la loro seconda priorità nei prossimi tre anni, subito dopo la loro priorità numero uno, l'efficienza della supply chain.

Una possibilità di vantaggio competitivo

Non si sta dicendo che trasformare le catene di approvvigionamento sia facile: è un viaggio arduo e individualizzato in cui il successo dipende dall'impegno dei collaboratori, così come dei partner affiliati e dei fornitori. Man mano che questi sforzi vengono intrapresi da sempre più aziende in tutto il mondo, la catena di approvvigionamento globale si trasformerà in una catena di approvvigionamento basata sulla rete, digitalizzata e autonoma che abbraccia le 3R: Reattività, Riconfigurazione e Resilienza. Le aziende che si muovono in anticipo con intenzione otterranno un vantaggio competitivo sostenuto per gli anni a venire.

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2021. All rights reserved

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi