Briciole di pane



Mobile Computing e Normalizzazione del Rischio: le best practice da seguire

Mobile Computing e Normalizzazione del Rischio: le best practice da seguire

28 Febbraio 2020 La scelta delle giuste soluzioni di mobilità di livello enterprise per il settore sanitario può comportare dei rischi, anche a causa delle molte opzioni hardware e software disponibili sul mercato. La chiave da cui iniziare è innanzitutto stabilire le aspettative di prestazione che si vogliono ottenere. Vediamo come, nel seguente articolo tratto dal blog di Zebra e redatto da Chris Sullivan, Global Healthcare Practice Lead di Zebra Technologies.

Di recente ho discusso dei diversi modi in cui gli smartphone di livello consumer possono compromettere la salute, la sicurezza e in generale l'assitenza dei pazienti. Tuttavia, alcuni clinici e manager del settore sanitario hanno indicato negli ultimi mesi di aver bisogno di aiuto per selezionare le giuste soluzioni di mobilità di livello aziendale per i loro modelli operativi e flussi di lavoro. Esistono molte opzioni hardware e software diverse e un singolo dispositivo robusto può essere disponibile in più configurazioni. Quindi, come fate a sapere se state scegliendo gli strumenti di comunicazione giusti per i medici?

La chiave è innanzitutto stabilire le aspettative di prestazione per la soluzione di mobilità totale piuttosto che per il solo dispositivo.

- Definire tutti i potenziali casi d'uso: la soluzione di mobilità verrà utilizzata solo per recuperare o aggiornare i record e facilitare le comunicazioni del team di assistenza? O dovrà anche essere in grado di comunicare con stampanti desktop industriali per produrre un braccialetto o stampanti portatili per generare etichette dei campioni? Hai bisogno di funzionalità push-to-talk o di una soluzione di comunicazione più collaborativa come Workforce Connect? E considera come verranno utilizzati i dispositivi mobili per facilitare applicazioni sanitarie più "intelligenti" nella successiva ondata di modernizzazione. Si interfacciano con i sistemi di informazione sanitaria e i dispositivi medici per segnalare lo stato del paziente e avvisare i team di assistenza in merito ai cambiamenti in tempo reale. Comunicheranno con le macchine per la risonanza magnetica, le tecnologie di laboratorio e persino i sistemi di automazione utilizzati nelle suite di chirurgia per informare le decisioni del team medico.

- Considerate la conformità: i vostri dispositivi saranno sufficientemente sicuri per proteggere le informazioni sensibili dei pazienti in base ai requisiti normativi locali? (Non dimenticate che anche le stampanti possono rappresentare un rischio per la sicurezza se non vengono correttamente protette.) Lo smartphone sarà in grado di scansionare gli ID dei pazienti, le confezioni di pillole o i dispositivi medici per garantire la conformità con le linee guida stabilite dagli enti regolatori globali, come la Direttiva sui medicinali falsificati?

- Determinare tutti i potenziali canali di comunicazione del team di assistenza in modo da poter confermare le capacità di integrazione del sistema, in che modo i medici invieranno gli ordini alla farmacia o al laboratorio o si assicureranno che i registri dei pazienti siano inviati correttamente per la fatturazione. La soluzione di mobilità dovrà fornire l'accesso ai sistemi di informazione condivisi con terzi per garantire la continuità dell'assistenza durante i trasferimenti di pazienti in entrata da tecnici medici di emergenza (EMT) sul campo o i trasferimenti in uscita verso strutture di assistenza a lungo termine?

In effetti, è stata quest'ultima considerazione che ha spinto il sistema sanitario di Nemours Children a migrare da una configurazione frammentata di comunicazioni basate su dispositivi di consumo a un'architettura di mobilità aziendale ben collegata. Ma questo sistema sanitario non ha semplicemente implementato nuovi smartphone clinici; ha eretto un centro di "comando e controllo" modellato sui sistemi utilizzati dai controllori del traffico aereo e dal Centro di controllo delle missioni della NASA. I paramedici esperti presso il centro high-tech utilizzano computer palmari touch-screen di livello ospedaliero con un flusso di lavoro specializzato per monitorare la salute di 250 pazienti in due diverse località - una in Delaware e una in Florida - nonché gestire le escalation di allarmi e comunicare con pazienti quando necessario. Questi paramedici posizionati in remoto condividono rapidamente informazioni critiche con i quasi 700 caregiver armati con quegli stessi smartphone clinici per accelerare l'assistenza salvavita quando necessario.

Ovviamente, il miglioramento dei tempi di risposta è stato solo uno dei molti vantaggi che Nemours (e altri ospedali) hanno ottenuto investendo nella giusta soluzione di mobilità. Come ha spiegato James Schnatterer, Responsabile delle applicazioni cliniche presso Nemours Children's Health System, in un recente comunicato stampa quando gli è stato chiesto perché alla fine hanno deciso di passare a una soluzione di livello aziendale (che si basa su una piattaforma di elaborazione mobile Zebra):

"... offre significativamente più capacità rispetto agli smartphone di livello consumer ... [è] un dispositivo durevole, di livello ospedaliero, facile da pulire e disinfettare. Offre prestazioni e durata della batteria migliori per un turno completo, fondamentale per il nostro personale. Inoltre, è appositamente progettato per l'ambiente sanitario e i flussi di lavoro che ci consente di connettere il paziente giusto all'assistenza giusta con conseguente miglioramento dei risultati del paziente".

Parole sue, non mie. Anche se credo che riassumano i punti che ho cercato di evidenziare.

Un pensiero finale

Qualche mese fa, l'esperto di mobilità Bob Ashenbrenner ha parlato della "normalizzazione del rischio". In particolare, ha sottolineato come "la normalizzazione del rischio ha portato molte organizzazioni a prendere decisioni rischiose in materia di tecnologia mobile che alla fine hanno comportato un costo maggiore in perdite (tempo, denaro, clienti) rispetto a quello che avrebbero mai potuto guadagnare".

La mia preoccupazione è che negli ultimi anni si sia verificata una certa "normalizzazione del rischio" durante la selezione dei dispositivi mobili in ambito sanitario. Forse qualcuno ha detto: "Ho pulito il mio dispositivo iOS un paio di volte a casa con salviette disinfettanti, quindi dovrebbe andare bene anche in ospedale". O forse qualcuno nell'IT ha affermato di aver trovato un dispositivo di consumo che "soddisfa i nostri requisiti minimi di sicurezza" o "potrebbe essere configurato per scansionare i braccialetti dei pazienti, con un po' di lavoro" o "può sincronizzarsi con le applicazioni più utilizzate, che per ora è sufficiente se ci sono computer desktop nella postazione dell'infermiera. "

Il problema è che ognuna di queste affermazioni comporta un certo livello di compromesso, indipendentemente dalle metriche di prestazione, sicurezza o sicurezza della soluzione mobile. Non scendete a compromessi, non su questo. Altrimenti rischierete di compromettere la capacità di fornire l'assistenza di qualità che i pazienti meritano e che la vostra organizzazione è orgogliosa di offrire.

di Chris Sullivan, Global Healthcare Practice Lead, Zebra Technologies.

Articolo tratto da:
Zebra Blog

Topic:
Healthcare

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2020. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti su multimac.it è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi