Briciole di pane



La differenza tra l'Agilità Intelligente e la risposta impulsiva

La differenza tra l'Agilità Intelligente e la risposta impulsiva

16 Ottobre 2019

In tempi recenti, i rapidi cambiamenti tecnologici nella manifattura e nella vendita al dettaglio stanno spingendo i produttori ad accelerare i processi al fine di tenere il passo con le richieste del mercato. Il seguente articolo, tratto da Manufacturing, sottolinea perché una strategia sia sempre utile in fase di implementazione di nuove tecnologie.
 
La velocità di risposta è sempre stata fondamentale nella produzione. Dalle catene di montaggio dell'era di Henry Ford ai moderni strumenti di configurazione di oggi, la velocità e l'efficienza sono state le priorità per i produttori orientati al profitto."Il tempo è denaro" potrebbe essere il grido di battaglia dietro la maggior parte delle iniziative chiave di produzione - dai processi Lean al miglioramento continuo e alla conformità ISO. La riduzione dei minuti dai cicli di lavoro è diventata fondamentale. Ma a quale costo?

Ora, le tecnologie digitali hanno messo in primo piano l'agilità. La capacità di reagire alla volatilità sul mercato è fondamentale. Tuttavia, rispondere al cambiamento non è sufficiente. I produttori devono anche anticipare le tendenze future e sforzarsi di prevedere le esigenze dei clienti per prepararsi e adattarsi adeguatamente in anticipo. Mentre la tecnologia moderna supporta questo approccio, la continua corsa al cambiamento incontrollato può iniziare ad assomigliare a un cane che insegue la propria coda. La strategia non può essere trascurata perché senza obiettivi significativi, la velocità del cambiamento può essere caotica. Mentre sempre più produttori intraprendono viaggi digitali, ora è il momento di mettere in pausa e considerare la continua ricerca di velocità e metterla in prospettiva.

Una pausa da considerare

Ogni esperto veterano della produzione ricorda i giorni di apprendistato, programmi di formazione e job shadowing. Non c'erano manuali, flussi di lavoro automatizzati o timestamp sui batch. Ma c'era un grande orologio sul muro e un caposquadra con appunti. A volte, viene coinvolto un esperto di efficienza, insieme al suo cronometro e zelo per studi sul tempo, analisi delle attività ed eliminazione delle interruzioni dei lavoratori.

Era raro che un impianto di produzione non avesse poster motivazionali nella caffetteria o striscioni attraverso l'ingresso che ricordavano ai lavoratori il valore di sicurezza, qualità ed efficienza. Raramente i banner predicavano "Rendi felice un cliente" o "L'innovazione inizia qui" perché la velocità ha sempre battuto tutto il resto.

Eppure, eravamo incredibilmente lenti, per gli standard di oggi. La tecnologia ha continuamente ridefinito le risposte tempestive, le aspettative per i tempi di risposta e ciò che costituisce una giornata di lavoro altamente produttiva. Anche il commercio B2B è rapido. I nostri smartphone, tablet e app ci danno una gratificazione istantanea quando clicchiamo "acquisto" e sappiamo esattamente quando possiamo aspettarci la consegna. Ma gli ingegneri che possono specificare dimensioni personalizzate per le principali attrezzature industriali, come i generatori, possono aspettarsi la consegna durante la notte? Vogliamo che le apparecchiature mission-critical - come i dispositivi medici o le attrezzature minerarie - vengano seguite rapidamente attraverso test e ispezioni? Forse no. Alcune cose non dovrebbero essere affrettate.

Rischi da un'enfasi eccessiva sulla velocità

Ci sono sicuramente aspetti negativi nel concentrarsi solo sulla velocità. Sappiamo che la velocità senza restrizioni cautelative o parametri limitati può essere pericolosa. Dare a un cliente "tutto" ciò che chiedono può distruggere i margini. Lo stesso vale per i livelli di velocità. Ad un certo punto, l'accelerazione supererà il ROI, con un costo maggiore per tagliare i tempi di consegna in più rispetto a quelli che si possono ottenere da vendite extra o fidelizzazione dei clienti. Qualcuno nell'organizzazione deve sapere dove si trova quel punto e assicurarsi che gli sforzi in corso per accelerare i processi mantengano valore e si traducano in maggiori vendite e impatto sui profitti.

Oggi, usiamo il termine "agilità" quando parliamo di fare perno verso nuovi mercati, adeguare la catena di approvvigionamento in risposta ai modelli meteorologici e anticipare le esigenze dei clienti. L'agilità implica la capacità di muoversi rapidamente, mantenendo una solida base e un certo grado di grazia. Non sta correndo a tutta velocità. Non sta saltando ciecamente su ogni tendenza. È la differenza tra un cavallo da corsa che corre a tutta forza fuori dal cancello e uno che si fa avanti per correre l'intera corsa e fare un forte aumento nel tratto finale per vincere.

Immergersi in un nuovo mercato di nicchia o affrettarsi a investire in una linea di prodotti alla moda solo perché si vuole essere lì per primi è ad alto rischio se non ci si ferma abbastanza a lungo per fare i dovuti ragionamenti. Gli strumenti tecnologici che generano dati e tendenze previsionali possono aiutare a semplificare le decisioni, ma non possono eliminare la necessità di definire le priorità a livello di C-suite e determinare le aree di interesse. La disciplina per non inseguire ogni opportunità è essenziale nel panorama odierno che sta esplodendo in raffiche di idee. Non tutte le idee o le scorciatoie per risparmiare tempo portano a una maggiore redditività.

Quale livello di accelerazione è corretto?

I produttori spesso prendono decisioni rapide che sono in gran parte automatizzate, domande complesse semplificate nelle scelte di base "Vai" o "Non andare". La sfida è sapere quando affidarsi all'automazione e quando indirizzare le escalation a un essere umano per la firma o un intervento personalizzato. Molte tecnologie hanno protezioni integrate per evitare che risposte "rapide" siano errate. Ad esempio, le soluzioni Configura Preventivo hanno anche delle limitazioni integrate, pertanto l'utente non può superare i parametri di sicurezza o di ingegneria.

Ogni produttore deve trovare il proprio equilibrio di agilità, accelerazione, automazione e vincolo - per conformarsi ai propri atteggiamenti di avversità al rischio e priorità di crescita. Il principale decollo di questa riflessione sui meriti e sui rischi della velocità è che i produttori dovrebbero premere l'acceleratore per tenere il passo con le richieste del mercato, ma non abbandonare il buon senso quando si tratta di creare scorciatoie. Una strategia è sempre essenziale, anche se ciò significa mettere in pausa il turbine delle attività.

Articolo tratto da:
Manufacturing

Topic:
Digital Supply Chain

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi