"Costruire catene di fornitura più intelligenti che consentano la connessione tra imprese, lavoratori e consumatori in un mondo a metà tra fisico e digitale."

Le aziende sono entità globali con Supply Chain complesse alle quali è richiesta una sempre maggiore agilità ed un time-to-market il più rapido possibile; garantire la soddisfazione dei clienti e sviluppare la loro fedeltà non è solo ciò che guiderà il loro successo e la loro crescita, ma è anche ciò che determinerà se continueranno a prosperare nel lungo termine.

È così che i processi della Supply Chain diventano la spina dorsale delle organizzazioni, e la corretta visibilità di ogni nodo consente il bilanciamento di tutto l'ecosistema. L'innovazione e la digitalizzazione dei processi assumono un ruolo primario nello sviluppo delle imprese, perché consentono di ottenere estrema visibilità, flessibilità e gestione della filiera.

Strategia e tecnologia permettono di guidare le operazioni in tempo reale trasferendo intelligenza aumentata ad ogni operatore tramite l'analisi di dati storicizzati, unita all'interpretazione del momento stesso in cui si ha il bisogno di informazioni.

La contaminazione digitale rende i processi più efficaci estendendo i confini della visibilità umana, dando risposte costanti e geolocalizzando asset e uomini all'interno di plant produttivi e logistici.

Da una modalità System of Record, dove è sempre stato l'uomo ad iniziare la domanda ed il sistema a rispondere, si va verso una modalità System of Reality, dove è la macchina che interagisce continuamente con l'uomo lavorando nell'ottica di fornire la prossima miglior mossa.

Mission

Richiedi informazioni

Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria

Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati

Cliccando sul pulsante di invio, esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell'informativa incluso l'eventuale trattamento in Paesi membri dell'UE o in Paesi extra UE.

EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

29 aprile 2022

Una nuova ricerca dell’IMF illustra i benefici delle Supply Chain diversificate: il reshoring lascia le aziende più esposte agli shock.

Una mancanza di dati significa che l'analisi del fondo si ferma a metà del 2021, dopo di che una serie di eventi sfortunati, dalle navi bloccate alla guerra, ha portato a ritardi nei porti e all'aumento dei costi. Ciononostante, il fondo ritiene che il modello possa suggerire il modo migliore per proteggere un'economia dalle interruzioni. La risposta non è il reshoring della produzione, ma la diversificazione: approvvigionarsi di input da una più ampia varietà di paesi, e usare componenti che possono essere facilmente sostituiti in caso di problemi di fornitura.

Nel quarto di secolo prima della pandemia, la produzione globale è stata trasformata dall'emergere di complesse catene di fornitura, attraverso le quali le aziende potevano produrre in modo efficiente tutti i tipi di beni a basso costo e su scala enorme. La pandemia ha messo a dura prova queste catene di approvvigionamento, causando oscillazioni selvagge nella domanda e costringendo a ripetuti blocchi che hanno frustrato sia la produzione che la distribuzione. Il risultato è stato un'ondata di ritardi nelle spedizioni, carenze di componenti critici e un'impennata dei prezzi.

I governi sono diventati più desiderosi di aumentare la produzione interna, per ridurre la loro vulnerabilità alle interruzioni delle forniture estere. Ma un nuovo studio dell'Imf suggerisce che questo sarebbe incauto. Le catene di approvvigionamento hanno retto meglio durante la pandemia di quanto spesso si pensi, e una maggiore autosufficienza è probabile che lasci i paesi più vulnerabili agli shock futuri, non meno.

La recessione della pandemia è stata insolita. Il commercio di beni è sceso bruscamente al suo inizio - del 12% nel secondo trimestre del 2020, rispetto alla fine del 2019 - ma poi ha rimbalzato più velocemente di quanto sia stato comune nelle recenti flessioni. Per capire meglio queste oscillazioni, gli economisti del fondo hanno costruito un modello che predice i modelli commerciali basati sui livelli di spesa all'interno delle economie. Hanno trovato grandi differenze tra la quantità e il tipo di commercio previsto dal modello e ciò che è effettivamente accaduto durante la pandemia - un segno di stranezza legata al covid.

Il virus ha distorto il commercio in parte attraverso i suoi effetti sulle economie nazionali. I luoghi che hanno sperimentato un maggior numero di casi e chiusure più restrittive hanno importato più beni del previsto, dato il colpo al PIL complessivo, per esempio. Questo in parte riflette uno spostamento della domanda dai servizi verso beni come l'elettronica domestica e le attrezzature protettive. Covid ha anche interferito con la produzione di alcuni beni in patria, che poi hanno dovuto essere importati.

Ma i blocchi in alcuni luoghi hanno avuto anche effetti di ricaduta altrove. Durante la prima metà del 2020, notano i ricercatori, circa il 60% del calo delle importazioni di un paese potrebbe essere spiegato dai blocchi nei suoi partner commerciali. Questi effetti a catena hanno colpito i beni che si affidavano a lunghe catene di approvvigionamento più duramente. Ma l'attrito era minore quando i luoghi bloccati avevano una maggiore capacità di telelavoro. E soprattutto, l'effetto delle restrizioni è diminuito nel tempo, man mano che i modelli di lavoro e le catene di approvvigionamento si adattavano. Gli esportatori nei luoghi che hanno terminato prima le restrizioni hanno visto grandi guadagni nella quota di mercato, con maggiori aumenti nella produzione di beni ad alta intensità di fornitura.

Una mancanza di dati significa che l'analisi del fondo si ferma a metà del 2021, dopo di che una serie di eventi sfortunati, dalle navi bloccate alla guerra, ha portato a ritardi nei porti e all'aumento dei costi. Ciononostante, il fondo ritiene che il modello possa suggerire il modo migliore per proteggere un'economia dalle interruzioni. La risposta non è il reshoring della produzione, ma la diversificazione: approvvigionarsi di input da una più ampia varietà di paesi, e usare componenti che possono essere facilmente sostituiti in caso di problemi di fornitura.

Nella maggior parte dei paesi, la stragrande maggioranza dei componenti utilizzati per produrre beni tende ad essere di provenienza nazionale. Circa il 69% dei componenti in Europa e più dell'80% nell'emisfero occidentale sono prodotti in casa, per esempio. Se un'impresa dovesse invece scegliere di importare un componente critico, si troverebbe di fronte a una scelta più diversificata: la quota di mercato del paese esportatore medio nell'industria media è poco meno di un terzo. Il re shoring tenderebbe quindi a ridurre la diversificazione di una catena di approvvigionamento piuttosto che aumentarla, rendendo la produzione ancora più dipendente da un solo paese: l'economia nazionale. Questo potrebbe rivelarsi costoso. Il fondo stima che di fronte a una grande perturbazione (una che causa un calo del 25% dell'offerta di lavoro in un singolo grande produttore di input critici), l'economia media potrebbe subire un calo del pil di circa l'1%. Una maggiore diversificazione potrebbe ridurre il danno di circa la metà.

Incoraggiare la diversificazione è una questione delicata. Il fondo suggerisce che abbassare le barriere al commercio e investire in infrastrutture potrebbe aiutare. Le tensioni geopolitiche, purtroppo, significano che l'apertura a un'integrazione più profonda è a corto di risorse. Ma i guadagni da ottenere, almeno, sono ora più chiari. 

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi