Contacts

Email: info@multimac.it

Customer care: 800 593 293

Telefono: +39 049 713267

Orario: Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

Operations: Via Baffin 10, Padova (Italy)

Company info

Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

21 settembre 2021

Un futuro brillante per i nuovi nuovi sistemi di visione artificiale: produttori, operatori di magazzino e aziende di logistica ne fanno sempre più uso.

A detta di tutti, la visione artificiale è una tecnologia molto matura. La matematica e la scienza alla base delle soluzioni odierne hanno quasi 90 anni e oltre 100 aziende hanno venduto soluzioni di visione artificiale a partire dagli anni '90. Infatti, ABI Research prevede che 94 milioni di sistemi di visione artificiale saranno installati negli impianti di produzione industriale entro il 2025.

Eppure, alcuni esperti sostengono che questa sofisticata tecnologia sta vivendo una sorta di rinascita proprio ora, mentre i produttori, gli operatori di magazzino e i responsabili della logistica cercano di perfezionare i processi dell'Industria 4.0 nel contesto di un'economia post-COVID-19 e on-demand. Donato Montanari, vicepresidente e direttore generale della visione artificiale di Zebra Technologies, è uno di loro.

Mai prima d'ora la domanda di beni è stata così categoricamente elevata sia nel settore dei consumatori che in quello commerciale - o la catena di approvvigionamento è stata così tesa su scala globale. Sebbene la pandemia abbia contribuito notevolmente all'impennata del volume degli ordini e alle carenze di forza lavoro che continuano a smorzare le capacità di adempimento, ci sono molti altri fattori di disturbo che sopprimono la capacità di produzione. Con l'instabilità che inizia a sembrare la "nuova normalità", le organizzazioni stanno considerando i modi in cui possono migliorare l'efficienza operativa, la precisione e l'agilità. In molti casi, l'automazione sta venendo alla ribalta, con scanner industriali fissi e telecamere di visione artificiale sempre più valutati per l'uso nei flussi di lavoro di qualità e controllo dei processi.

"Negli ultimi 12 mesi, abbiamo visto un'impennata della domanda di soluzioni automatizzate per l'acquisizione dei dati, dato che la necessità di informazioni accurate e in tempo reale diventa più onnipresente. Abbiamo anche visto crescere l'interesse per le tecnologie che possono automatizzare l'analisi dei dati e il processo decisionale, soprattutto per quanto riguarda l'inventario", spiega Montanari.

Dal momento che gli impianti di produzione vengono spinti in overdrive, tutto, dai farmaci e chipset farmaceutici al legname e cibo, deve essere attentamente esaminato per la conformità con i severi standard normativi e dei clienti. Se un articolo non supera l'ispezione, deve essere ritirato e sostituito immediatamente, prima che arrivi al cliente e venga respinto. Ma con l'aumento della velocità operativa e della pressione di adempimento, aumenta anche il rischio di sviste.

"In una frazione di secondo, un lavoratore deve essere in grado di verificare 'sì, questo prodotto può andare' o 'no, questo bullone a testa esagonale non ha superato l'ispezione perché la lunghezza della filettatura è troppo lunga', per esempio", nota Montanari. "Lo stesso vale dal punto di vista della logistica inversa. Gli operatori di magazzino devono essere in grado di confermare che gli articoli restituiti sono rientrati nelle loro strutture e sono di qualità accettabile, in modo che possano essere risistemati e rivenduti rapidamente".

Ma anche l'occhio umano addestrato non può - e non vuole - vedere ogni difetto o imperfezione mentre gli articoli si muovono lungo un nastro trasportatore. È qui che entrano in gioco i sistemi fissi di scansione industriale e di visione artificiale. Possono identificare i prodotti, cercare danni o errori di progettazione e persino assicurare che l'etichetta non sia stata scambiata su un articolo in modo altamente automatizzato e fornire agli utenti un'enorme quantità di fiducia nella qualità delle loro operazioni.

"Il processo di ispezione e decisione è molto semplice e diretto", spiega Montanari.

Eppure, alcuni leader della supply chain hanno fatto fatica a vedere il valore di queste tecnologie, e molti ingegneri hanno rinunciato del tutto alle soluzioni di visione artificiale, a causa di esperienze negative con alcuni tipi di sistemi.

"Non è un segreto che la visione artificiale convenzionale è molto complessa, e non c'è molto che si possa fare per aggirarla. È molto facile scegliere l'attrezzatura sbagliata e, anche se si hanno i componenti giusti, una soluzione del genere può essere molto difficile da impostare, implementare, far funzionare e risolvere i problemi", dice Montanari. Ma è proprio questo il motivo per cui stiamo vedendo l'innovazione orientarsi maggiormente verso telecamere e sensori intelligenti rispetto ai tradizionali sistemi di visione multi-camera basati su PC". Molti degli attuali lavoratori in prima linea e dei manager sono nativi digitali, abituati ad avere informazioni in tempo reale a portata di mano attraverso dispositivi facili da usare".

Comprendendo la flessibilità e la semplicità richieste dalle odierne soluzioni di automazione, Zebra ha progettato meticolosamente un ecosistema di tecnologie di scansione dei codici a barre industriali e di telecamere intelligenti, alimentate da una piattaforma software unificata. Infatti, gli scanner industriali fissi appena introdotti sono diversi da qualsiasi altro sul mercato. Possono essere usati per seguire e tracciare parti o prodotti finiti mentre si muovono lungo una linea di produzione, prelievo, imballaggio o spedizione. E, con un semplice aggiornamento del software, possono trasformarsi in un sistema di visione artificiale per ispezioni di qualità o di controllo del processo.

"Come abbiamo imparato, i produttori e le aziende di logistica troveranno valore nella visione artificiale solo se possono facilmente adattare e scalare il sistema secondo le necessità, senza dover strappare e sostituire l'infrastruttura o riqualificare i dipendenti", dice Montanari. "Quindi, abbiamo evoluto l'ecosistema per dare loro esattamente ciò di cui hanno bisogno e che vogliono dall'Industria 4.0 e 5.0: l'automazione".

Se c'è mai stato un momento per lasciarsi il passato alle spalle e considerare ciò che è possibile con la visione artificiale, è ora. I sistemi semplici e intelligenti che abbiamo sperato sono arrivati.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi