"Costruire catene di fornitura più intelligenti che consentano la connessione tra imprese, lavoratori e consumatori in un mondo a metà tra fisico e digitale."

Le aziende sono entità globali con Supply Chain complesse alle quali è richiesta una sempre maggiore agilità ed un time-to-market il più rapido possibile; garantire la soddisfazione dei clienti e sviluppare la loro fedeltà non è solo ciò che guiderà il loro successo e la loro crescita, ma è anche ciò che determinerà se continueranno a prosperare nel lungo termine.

È così che i processi della Supply Chain diventano la spina dorsale delle organizzazioni, e la corretta visibilità di ogni nodo consente il bilanciamento di tutto l'ecosistema. L'innovazione e la digitalizzazione dei processi assumono un ruolo primario nello sviluppo delle imprese, perché consentono di ottenere estrema visibilità, flessibilità e gestione della filiera.

Strategia e tecnologia permettono di guidare le operazioni in tempo reale trasferendo intelligenza aumentata ad ogni operatore tramite l'analisi di dati storicizzati, unita all'interpretazione del momento stesso in cui si ha il bisogno di informazioni.

La contaminazione digitale rende i processi più efficaci estendendo i confini della visibilità umana, dando risposte costanti e geolocalizzando asset e uomini all'interno di plant produttivi e logistici.

Da una modalità System of Record, dove è sempre stato l'uomo ad iniziare la domanda ed il sistema a rispondere, si va verso una modalità System of Reality, dove è la macchina che interagisce continuamente con l'uomo lavorando nell'ottica di fornire la prossima miglior mossa.

Mission

Richiedi informazioni

Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria

Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati

Cliccando sul pulsante di invio, esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell'informativa incluso l'eventuale trattamento in Paesi membri dell'UE o in Paesi extra UE.

EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

11 maggio 2022

Sono nuovi giorni per il magazzino e la distribuzione: le esigenze dei clienti si stanno evolvendo e con esse i centri di distribuzione e le tecnologie che li supportano.

Le aziende non sono mai state così sotto pressione per mantenere i propri clienti soddisfatti. Stanno ancora lottando con i postumi della pandemia, la continua carenza di manodopera e forniture e una serie infinita di interruzioni. Questi, tuttavia, sono limitati nel tempo e passeranno. Altri cambiamenti, come l'aumento esponenziale delle vendite di e-commerce e le consegne dirette al consumatore, sono permanenti. Tutto scorre fino al centro della distribuzione, che gestisce più singoli articoli che mai, pur dovendo farlo in modo accurato e con maggiore velocità. L'asticella non è mai stata così alta per le aspettative dei clienti. In breve: una volta data per scontata, e forse anche ignorata, i Distribution Center sono ora una componente vitale della strategia di go-to-market di un'azienda.

"Gli ultimi quattro o cinque anni per i leader della supply chain sono stati molto simili all'inizio del secolo per i leader IT", ha affermato Rob McKeel , CEO di Fortna, in una recente intervista a Modern Material Handling . “Prima dell'anno 2000, l'IT era una funzione dietro le quinte e non aveva posto al tavolo. Dopo l'anno 2000, l'IT era in cima all'agenda della sala riunioni. La stessa cosa sta accadendo ora con la catena di approvvigionamento, poiché la catena di approvvigionamento e l'evasione degli ordini in particolare sono più visibili all'interno delle aziende e più stressanti per le persone in quella funzione".

Pandemia, carenza di manodopera e caos ai porti potrebbero non essere il modo in cui si vuole farsi notare, ma le sfide spesso si trasformano in opportunità.

McKeel aggiunge che i fattori sopra elencati hanno portato a un "mondo sempre attivo" per i DC (distribution center). Sempre più strutture sono in funzione 24 ore su 24 e il tempo di attività dei sistemi e delle persone non è mai stato così critico. Sempre più spesso, i centri di distribuzione si stanno rivolgendo a livelli sempre più elevati di automazione, raccolta dati e software per adattarsi al mondo sempre attivo. Altrettanto importante per l'automazione, aggiunge McKeel, è la capacità di integrare quei sistemi per creare un processo senza interruzioni, che fornisca anche chiarezza sullo stato delle operazioni. L'industria della movimentazione dei materiali e i clienti che serve stanno innovando come mai prima d'ora. Quello che segue è uno sguardo a cinque centri di distribuzione: ciascuno illustra come i centri di distribuzione e la tecnologia di movimentazione dei materiali si stanno evolvendo per affrontare queste nuove sfide, dalle strutture gestite da organizzazioni di piccole e medie dimensioni a produttori e rivenditori globali. È davvero un nuovo giorno in magazzino.

SB Logistics: Il magazzino a luci spente

In tempi come questi, quando la manodopera è costosa, difficile da reclutare e ancora più difficile da mantenere, chi potrebbe incolpare i gestori dei centri di distribuzione per aver sognato ad occhi aperti la DC perfetta, una senza lavoratori. Per la maggior parte, è solo un sogno ad occhi aperti. Ma a Tokyo, SB Logistics , il braccio di e-fulfillment di Softbank, sta lavorando per trasformare in realtà una struttura a luci spente. "Il nostro obiettivo finale è un magazzino completamente automatizzato", afferma Masashi Okabe , project manager e ingegnere di produzione per Softbank Robotics, e un membro del team che ha progettato la struttura altamente automatizzata di 600.000 piedi quadrati a Ichikawa City. Parte di quella visione include lo sviluppo di una struttura a luci spente, in cui il numero limitato di persone che lavorano in una struttura è principalmente lì per la manutenzione e la supervisione, e non per i processi di magazzino. Non ci sono ancora. "Ci sono stati pochissimi prodotti che non siamo stati in grado di inviare alle celle del sistema robotico", aggiunge Okabe. SB Logistics ritiene che la struttura di Ichikawa sia il primo centro logistico di e-commerce ad automatizzare completamente il processo di prelievo e imballaggio dopo aver ricevuto gli ordini dei clienti. Dal punto di vista di Okabe, la tecnologia per ottenere la piena automazione è già disponibile; semplicemente non è ancora in grado di fornire il ROI richiesto. "Ma credo che nei prossimi anni saremo in grado di raggiungere questo obiettivo", afferma Okabe.

Gruppo tecnologico HARTING: design per efficienza e sostenibilità

Come si progetta un magazzino per supportare vendite di 1 miliardo di euro all'anno? Soprattutto se quel magazzino sarà necessario per supportare più canali di business, incluso il servizio ai clienti B2B regionali e il rifornimento di una rete di distribuzione globale. E, cosa altrettanto importante, come si fa a farlo in modo sostenibile in linea con gli obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) di un'azienda? Queste sono state le domande che MMH ha posto al team logistico di HARTING Technology Group nel 2012 quando ha iniziato la progettazione di un nuovo centro di distribuzione europeo di 61.000 piedi quadrati. L'organizzazione è il braccio logistico di HARTING, uno dei maggiori fornitori mondiali di prodotti che consentono l'automazione industriale. "Dopo 20 anni, il software che gestiva il nostro centro di distribuzione europeo esistente era instabile e avevamo bisogno di più spazio e capacità di produzione", ricorda Achim Meyer, amministratore delegato della logistica per l'azienda tedesca. Il team di Meyer ha lavorato con un integratore di sistemi ( Koerber AG ) per progettare una vetrina per l'automazione, che includeva sistemi di stoccaggio e prelievo automatizzati per la movimentazione di pallet e casse (AS/RS), un sistema navetta, moduli di sollevamento verticale, pallettizzazione e depallettizzazione robotizzate e RFID per il monitoraggio. Oltre all'attenzione all'automazione, la sostenibilità è stata al centro del design. "La sostenibilità è una componente chiave della strategia HARTING 2030", osserva Meyer, aggiungendo che tutta l'energia nella struttura proviene da fonti rinnovabili, comprese le tecnologie geotermiche e del biogas per il riscaldamento e il raffreddamento. La frenata rigenerativa sulle gru di stoccaggio e recupero restituisce energia al sistema e un sistema di gestione dell'energia garantisce che la struttura ottimizzi l'energia che utilizza. Allo stesso modo, l'ergonomia ha giocato un ruolo chiave nel design. "Il cuore di ogni magazzino sono ancora le persone", afferma Meyer. "Volevamo le postazioni di lavoro più ergonomiche possibile." Ad esempio, le postazioni di lavoro sono state progettate con un team che includeva ingegneri, specialisti in ergonomia e collaboratori. I team si sono affidati ai principi Kaizen per determinare la posizione di ogni scatola, penna e strumento in una stazione di prelievo o imballaggio. Da quando è entrata in funzione, la struttura ha ricevuto numerosi premi di design e architettura. Ancora più importante, posiziona HARTING per il futuro mentre illustra dove potrebbe essere diretta l'automazione del magazzino in futuro. "Ora siamo flessibili e veloci nell'adattarci alle esigenze dei nostri clienti", afferma Meyer.

Fornitura di assistenza NorthShore: anche i ragazzini stanno adottando l'automazione

Dicono che la necessità sia la madre dell'invenzione o, nel caso di NorthShore Care Supply, la madre dell'innovazione. Situato a nord di Chicago, NorthShore Care Supply è un fornitore online di prodotti per l'incontinenza, prodotti essenziali per la salute e il benessere dei clienti dell'azienda. Di conseguenza, i processi di evasione degli ordini dell'azienda sono guidati da precisione e velocità. Aggiungi al mix che le dimensioni relativamente ridotte dell'azienda e la posizione vicino ai principali centri logistici gestiti da artisti del calibro di Amazon, Uline e Medline hanno creato sfide lavorative anche prima della pandemia. Nonostante le dimensioni relativamente ridotte di NorthShore Care, Adam Greenberg, fondatore e CEO dell'azienda, ha optato per alti livelli di automazione quando ha aperto una nuova struttura di 173.000 piedi quadrati nel 2020. Il fulcro era un sistema di prelievo robot-merce progettato da Numina Gruppo che ha utilizzato robot mobili autonomi (AMR) di Waypoint Robotics, da quando è stato acquistato da Locus Robotics. Una caratteristica unica era la capacità dei robot di trasportare carichi molto più pesanti di un tipico robot mobile autonomo, fino a 700 libbre. Questo era essenziale poiché NorthShore Care spediva casse complete di prodotti ai propri clienti. Tali casse sono state consegnate a una linea automatizzata di imballaggio, etichettatura e spedizione. Quella era la fase uno. Un anno dopo, Greenberg ha avviato la fase due automatizzando la ricezione e la pallettizzazione con un pallettizzatore robotizzato (Exact Automation e Fanuc). Greenberg ha abbracciato l'automazione per diversi motivi: in primo luogo, il prezzo era ora alla portata di società di fascia media come NorthShore Care Supply; il secondo era che l'automazione gli permetteva di sviluppare capacità e fare di più con meno. "Stavamo lottando per trovare persone in cerca di un lavoro permanente per i cinque anni prima del Covid, e i temporanei volevano passare da un magazzino all'altro", ha riferito. I risultati sono stati notevoli. Gli AMR hanno fornito un miglioramento dal 40% al 50% della velocità di prelievo insieme a una maggiore precisione; e la pallettizzazione robotica ha ridotto il tempo necessario per elaborare un container in entrata da 8 ore uomo a 3 ore uomo per la maggior parte dei container. Ha anche creato un ambiente di lavoro più sicuro. Greenberg non ha finito con l'automazione, dando un'occhiata ai carrelli elevatori autonomi per alcune operazioni. "Ritirare gli ordini è così fondamentale per noi", ha affermato. “L'automazione ci rende più facile avere il controllo del nostro destino. Se puoi permetterti di fare gli investimenti giusti, puoi offrire l'esperienza del cliente di cui hai bisogno per avere successo".

Gap Inc.: una piattaforma globale per l'e-commerce

Quando si tratta di rivenditori specializzati, Gap Inc. ha trasformato la distribuzione in una forma d'arte . Nel corso degli anni, l'azienda è stata una delle prime ad adottare tecnologie che sarebbero poi diventate una parte standard del kit di strumenti, inclusi i sistemi di stoccaggio automatizzato mini-load e i putwall robotici, solo per citarne due. L'azienda ha avuto a lungo un atteggiamento verso l'innovazione in cui fallire e riprovare. E, quando trova una tecnologia che funziona, la adatta alle piattaforme che ha progettato per standardizzare le operazioni in tutto il mondo. L'esempio più recente è la significativa espansione del principale centro di distribuzione di e-commerce di Gap Inc. fuori Columbus, Ohio, presentata nel gennaio 2021. La struttura era già grande, a 800.000 piedi quadrati, prima che Gap Inc. aggiungesse altri 400.000 piedi quadrati all'edificio, insieme a nuove apparecchiature e tecnologie automatizzate. Il progetto ha raddoppiato la capacità di produzione.Secondo Kevin Kuntz , vicepresidente senior della logistica globale, il progetto è stato guidato dai principi operativi fondamentali di Gap Inc.. Mantieni la semplicità: "Questo è il numero 1", ha riferito Kuntz. “Sappiamo che assumeremo personale stagionale per superare il picco. Se il design non è semplice, la formazione sarà difficile”. Sii efficiente: "Lavorare in un centro di distribuzione è impegnativo, quindi cerchiamo sempre di mantenere la manodopera in primo piano e al centro del nostro design", ha osservato Kuntz. "Facciamo tutto il possibile in modo che i compiti non siano troppo impegnativi dal punto di vista fisico". Massimizzare lo stoccaggio: le strutture di Gap Inc. utilizzano tecnologie di stoccaggio e prelievo automatizzate, tra cui il sistema di stoccaggio e prelievo automatizzato mini-load (AS/RS) per lo stoccaggio di cartoni e lo stoccaggio di pallet in corsie molto strette. Apporta modifiche ripetibili: per quanto possibile, Gap Inc. utilizza una piattaforma globale, con l'obiettivo di implementare sistemi operativi comuni e tecnologie collaudate in tutta la rete. Per questo motivo, Gap ha esaminato come incorporare strumenti che erano già stati sperimentati in altre strutture, come putwall robotici (Kindred AI) e un sistema di esecuzione del magazzino (Vargo). La struttura risultante ora include 14 miglia di nastro trasportatore, 24 gru AS/RS mini-carico, un sistema di smistamento del vano bombe, un ampio sorter a nastro incrociato e 40 putwall robotizzati, con piani per aumentarlo a 60. All'epoca in cui abbiamo pubblicato la storia, la struttura elaborava 600.000 unità al giorno per Old Navy e Gap Inc., con l'intenzione di portarle a 1 milione di unità al giorno utilizzando i selezionatori del vano bombe. Dopo la pubblicazione, Gap Inc. ha annunciato che stava pianificando di implementare gli AMR di Exotec per gestire i resi in alcune delle sue strutture. "Non c'è dubbio che questa struttura determinerà la nostra rete del futuro", ha affermato Kuntz.

CJ Logistics: affrontare la sfida dell'integrazione

Potrebbe avere 12 lettere, ma l'integrazione, come osserva Rob McKeel di Fortna, è spesso pronunciata dal nostro settore come se fosse una parola di quattro lettere. Certo, abbiamo più software e strumenti di automazione che mai, ma farli funzionare bene l'uno con l'altro è ancora una grande sfida. Troppo spesso, questo porta a isole di automazione. Il risultato sono operazioni non ottimali che non realizzano mai il pieno potenziale di un sistema integrato ottimizzato in tutti i processi. L'integrazione è stata un ostacolo da superare per il fornitore di servizi logistici di terze parti CJ Logistics quando ha deciso di aggiungere robot mobili autonomi, carrelli elevatori automatizzati, transpallet elettronici e tecnologie vocali e visive in una struttura di 1,1 milioni di piedi quadrati a Dallas. Un passo importante non è stato solo l'integrazione di queste tecnologie insieme, ma anche con il sistema di gestione del magazzino (WMS) della struttura di Blue Yonder. CJ Logistics ha affrontato la sfida dell'integrazione con un'esclusiva piattaforma di integrazione basata su cloud da una startup della catena di approvvigionamento (SVT Robotics). Per farlo funzionare, SVT Robotics integra i punti di integrazione necessari dai vari fornitori di soluzioni sulla sua piattaforma, così come quelli di una miriade di altri fornitori di soluzioni e software, e quindi consente a un cliente come CJ Logistics di integrare insieme le soluzioni di cui ha bisogno per creare i suoi processi. Inoltre, una volta che un set di soluzioni viene convalidato e distribuito, diventa una parte permanente della cassetta degli attrezzi del provider 3PL e può essere applicato ad altre strutture e per altri clienti. Per CJ Logistics, un fornitore globale di logistica di terze parti (3PL) con sedi in Corea e negli Stati Uniti a Des Plaines, Illinois, questa è stata un'iniziativa strategica. È stato progettato per automatizzare il maggior numero possibile di spostamenti orizzontali senza valore aggiunto nella struttura, oltre ad aggiungere l'automazione ai processi di prelievo manuale, ma per farlo in modo da poter essere poi implementato in altre strutture. Una delle prime, ma non solo, sfide è stata l'integrazione delle varie tecnologie di automazione in modo che potessero essere gestite dal WMS di CJ Logistics. Ed è qui che è entrata in gioco la piattaforma. La piattaforma gestisce anche le decisioni di orchestrazione in modo che, ad esempio, un'attività per il movimento dei pallet sulla banchina possa essere assegnata a un transpallet elettronico (EPT) anziché a un carrello elevatore automatizzato (AFL) se si tratta solo di viaggiare senza immagazzinamento. In un altro esempio, l'acquisizione del lotto non era un requisito per ogni prodotto, quindi utilizzando la piattaforma, CJ Logistics poteva determinare in quali zone renderlo disponibile. "Uno dei successi di questo progetto è che la tecnologia si sta evolvendo molto rapidamente", afferma Kevin Coleman , co-CEO, CJ Logistics America. “E non so dove finisce. Ora abbiamo la flessibilità di sostituire un punto finale con un altro e ricollegarlo ai requisiti dei nostri clienti".

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi