About

Consulting, System Integration,
Solution Providing, Products, Services.

Multimac implementa le migliori tecnologie di tracciabilità e visibilità all’interno dei flussi delle catene di approvvigionamento.
Mobile Computing per rendere informate le risorse umane in tempo reale, Cloud Labelling per la creazione del dato digitale su etichetta ovunque ci si trovi, Data Capture per l’acquisizione dati digitale in ogni nodo della Supply Chain, RFID per la migliore visibilità in tempo reale di prodotti e asset, Real Time Locating System per visualizzare in tempo reale gli spostamenti, Data Intelligence per la migliore gestione dei flussi attraverso lo studio dei dati acquisiti.

Contatti

Email: info@multimac.it
Numero Verde: 800 593 293

Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Telefono: +39 049 713 267
Fax: +39 049 713 582
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

04 dicembre 2023

Visibilità, Procurement Strategico e Risk Management per rendere la resilienza della supply chain un vantaggio competitivo.

In questi tempi di mercati relativamente calmi e poche interruzioni della catena di fornitura, è forte la tentazione di riposare sugli allori e mettere in secondo piano la resilienza della catena di fornitura. Ma non dobbiamo accontentarci. Il rischio di interruzioni della catena di fornitura è sempre presente e la resilienza della catena di fornitura è ciò che ti preparerà a operare e a riprenderti dalla prossima sfida. Inoltre, essere in grado di riprendersi meglio degli altri nel tuo settore ti dà un vantaggio competitivo. Di seguito sono riportati sei modi per migliorare la resilienza della catena di fornitura e costruire il proprio vantaggio competitivo.

1. Imparare dalle esperienze di rischio.  

Non c’è dubbio che la vostra catena di fornitura abbia subito una buona dose di interruzioni della catena di fornitura negli ultimi anni. Se non avete ancora preso nota delle interruzioni e delle risposte della tua azienda, prendete del tempo per riflettere su queste esperienze. Ponete alcune domande basilari ma importanti:  

Quando abbiamo saputo per la prima volta dei disservizi? 
Come avremmo potuto saperlo prima? 
Cosa potremmo fare in futuro per anticipare tali eventi? 
Quali azioni possiamo intraprendere per mitigare gli impatti in futuro? 

Le risposte dovrebbero guidare il processo di previsione, i piani di emergenza e il manuale sulla resilienza della supply chain. Questi piani dovrebbero essere perfezionati dopo ogni evento di rischio per aggiungere ulteriori lezioni apprese.  

2. Ricordare la varietà del rischio.
I piani di resilienza della catena di fornitura non sono una soluzione valida per tutti, quindi avrete bisogno di una varietà di piani diversi di risposta alle interruzioni. La propria risposta a un tipo di interruzione potrebbe essere completamente diversa dalla risposta necessaria a un altro tipo di interruzione.   

3. Creare visibilità sulla catena di fornitura.  

È più facile rispondere in modo efficace alle interruzioni della catena di fornitura quando puoi vederle arrivare. In alcuni casi, un’interruzione colpirà prima uno dei  vostri fornitori e, a sua volta, l’interruzione potrebbe colpire voi prima di colpire i vostri clienti. A meno che un singolo soggetto non riesca a mitigare efficacemente un’interruzione da sola, ciò avrà effetti a catena lungo tutta la catena di approvvigionamento. Pertanto, è nell'interesse di tutti investire nella visibilità della catena di fornitura.  

Gli strumenti high-tech di visibilità della catena di fornitura possono eliminare silos di dati e colli di bottiglia e consentire di creare funzionalità di monitoraggio e approfondimenti di apprendimento automatico nella catena di fornitura. Tecnologia come l'analisi predittiva, l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico, l’Internet delle cose, i big data e l’analisi avanzata, possono tutti essere integrati in pacchetti software di visibilità della catena di fornitura e possono monitorare i mercati, tenere traccia delle risorse, analizzare modelli e altro ancora. Quindi, quando tutti i partner della catena di fornitura sono collegati sulla stessa piattaforma, possono avere accesso alle stesse informazioni per supportarsi a vicenda e preparare le proprie operazioni.  

Ma per raggiungere questo obiettivo è necessario un metodo antiquato di visibilità della catena di fornitura: costruire relazioni e rimanere in contatto con i partner della catena di fornitura. Conoscendo a fondo ogni fornitore attraverso riunioni e comunicazioni regolari, potrete monitorarli meglio per rilevare potenziali problemi e supportare il partner durante l'interruzione per creare risultati migliori per tutti. Inoltre, se i vostri partner si fidano di voi, saranno più propensi a collaborare su una piattaforma di visibilità della catena di fornitura per fornire alle principali parti interessate le informazioni necessarie per identificare i rischi e fermarli sul loro percorso.  

4. Fare Procurement in modo strategico. 

Un approvvigionamento efficace richiede le pratiche più recenti. La strategia di sourcing recentemente popolare dell’offshoring è diventata meno vantaggiosa poiché molteplici tipi di interruzioni indeboliscono le lunghe catene di approvvigionamento. Le aziende si stanno invece concentrando sulla regionalizzazione o sull’approvvigionamento di materie prime e pezzi finiti da luoghi più vicini a dove viene realizzato o venduto il prodotto finale. Tuttavia, i partner offshore sono parte integrante della resilienza della catena di approvvigionamento, soprattutto perché possono supportare le operazioni globali quando un’interruzione colpisce una parte della catena di approvvigionamento. Inoltre, i partner offshore in genere offrono risparmi sui costi, il che aiuta un’azienda a risparmiare su altri costi di interruzione. Il compito di uno specialista di sourcing e procurement è trovare il giusto mix di sourcing globale e locale per raggiungere la resilienza della supply chain.   

Una strategia fondamentale è quella di evitare il più possibile il single sourcing. Una singola fonte equivale a un punto critico di fallimento che può mettere in ginocchio la catena di approvvigionamento. Dovreste invece diversificare le fonti e i vettori di asset per mitigare il rischio di produzione e aumentare la resilienza. Facendo un ulteriore passo avanti, dovreste anche evitare che i vostri fornitori abbiano sede in una singola regione o addirittura in un singolo paese perché un’interruzione potrebbe colpirli tutti contemporaneamente. Per lo meno, è necessario un piano per passare rapidamente a un fornitore internazionale in caso di interruzione.   

Una tattica semplice ma efficace è combinare fornitori offshore e vicini per ciascuna materia prima. Per una strategia ancora più solida, sviluppare catene di fornitura regionali che gestiscano e distribuiscano prodotti all’interno di un’area e forniscano ridondanza. Quindi, se una sede viene interrotta, interverranno fornitori e partner di altre regioni. 

5. Preparare l'intera catena di fornitura per una risposta al disastro.  

Una catena di fornitura è forte quanto il suo anello più debole. Pertanto, la resilienza della catena di fornitura dovrebbe essere uno sforzo della catena di fornitura.  

Collaborate con i partner della catena di fornitura e assicuratevi che comprendano i vostri piani di prevenzione delle interruzioni. Ciò rafforzerà il vostro rapporto di lavoro e consentirà loro di supportare meglio le vostre operazioni in caso di catastrofe. Prendete in considerazione anche l'aggiunta di un partner logistico di terze parti che possa fungere da rete di sicurezza nelle aree in cui non siete all'altezza durante un'interruzione.  

Allo stesso modo, assicuratevi che i vostri dipendenti conoscano bene i protocolli della vostra azienda e dispongano dell'infrastruttura fisica per garantire il regolare svolgimento delle operazioni durante e dopo il disastro.  

6. Rimanere agili.  

Mettendo insieme tutto questo, le catene di fornitura devono sfruttare tutti questi componenti di resilienza della catena di fornitura per rispondere alle interruzioni con agilità.  

Le principali organizzazioni di procurement operano con una mentalità a 360 gradi. Sfruttano la propria visibilità e sono consapevoli delle tendenze del mercato per i propri clienti, fornitori, prodotti e operatori, nonché delle nuove tendenze tecnologiche. Assorbono varie fonti di dati, anticipano minacce e opportunità e implementano misure preventive molto prima dei loro concorrenti. Questo dà loro il vantaggio competitivo. 

I leader della resilienza della catena di fornitura analizzano anche la varietà di rischi che potrebbero influenzarli e quindi adottano misure per mitigarli. Ad esempio, i produttori possono prevedere la durata media dei componenti e agire per mitigare l’impatto dei guasti dei componenti. Inoltre, possono monitorare gli indicatori anticipatori della capacità di un fornitore di effettuare pagamenti per anticipare il rischio di insolvenza.  

Quando le aziende resilienti sanno che sta per verificarsi un’interruzione, possono anticiparla per prevenirla o mitigarla e mantenere attive le proprie operazioni. Questo può anche essere il momento di passare a un partner di approvvigionamento alternativo o di attuare un piano di interruzione all'interno della propria catena di fornitura.  

In sintesi: sfruttare i vantaggi della resilienza.

Le aziende che sono leader nella resilienza della catena di fornitura guidano il mercato. Durante i trimestri di crisi, le aziende che si sono concentrate sulla resilienza raddoppiano il loro vantaggio rispetto ai concorrenti che non hanno fatto della resilienza della supply chain una priorità.  

Inoltre, l’attenzione alla resilienza della catena di approvvigionamento può avere benefici accessori per le imprese. Questi includono il miglioramento della produzione, la riduzione dei tempi di sviluppo del prodotto, l’aumento del tasso di ordini perfetti, la riduzione delle spese operative, la riduzione dei costi di trasporto, l’aumento del turnover delle scorte e l’aumento della soddisfazione del cliente. E questi miglioramenti fanno un’enorme differenza in termini di vantaggio competitivo.  

Ci sono poche scuse per non investire nella resilienza della catena di approvvigionamento. Alcune aziende esitano a causa dell’aumento dei costi, ma tendono a dimenticare i costi legati al mantenimento dello status quo, affrontando l’ennesima interruzione e perdendo vantaggi competitivi. Istituendo processi proattivamente e mitigando i rischi, la vostra organizzazione avrà la resilienza della supply chain e un vantaggio competitivo quando inevitabilmente si verificano problemi. 

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi