"Costruire catene di fornitura più intelligenti che consentano la connessione tra imprese, lavoratori e consumatori in un mondo a metà tra fisico e digitale."

Le aziende sono entità globali con Supply Chain complesse alle quali è richiesta una sempre maggiore agilità ed un time-to-market il più rapido possibile; garantire la soddisfazione dei clienti e sviluppare la loro fedeltà non è solo ciò che guiderà il loro successo e la loro crescita, ma è anche ciò che determinerà se continueranno a prosperare nel lungo termine.

È così che i processi della Supply Chain diventano la spina dorsale delle organizzazioni, e la corretta visibilità di ogni nodo consente il bilanciamento di tutto l'ecosistema. L'innovazione e la digitalizzazione dei processi assumono un ruolo primario nello sviluppo delle imprese, perché consentono di ottenere estrema visibilità, flessibilità e gestione della filiera.

Strategia e tecnologia permettono di guidare le operazioni in tempo reale trasferendo intelligenza aumentata ad ogni operatore tramite l'analisi di dati storicizzati, unita all'interpretazione del momento stesso in cui si ha il bisogno di informazioni.

La contaminazione digitale rende i processi più efficaci estendendo i confini della visibilità umana, dando risposte costanti e geolocalizzando asset e uomini all'interno di plant produttivi e logistici.

Da una modalità System of Record, dove è sempre stato l'uomo ad iniziare la domanda ed il sistema a rispondere, si va verso una modalità System of Reality, dove è la macchina che interagisce continuamente con l'uomo lavorando nell'ottica di fornire la prossima miglior mossa.

Mission

Richiedi informazioni

Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria

Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati

Cliccando sul pulsante di invio, esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell'informativa incluso l'eventuale trattamento in Paesi membri dell'UE o in Paesi extra UE.

EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

02 maggio 2022

Puntare alla flessibilità delle catena di approvvigionamento in uno stato di continua interruzione.

La pandemia ha mostrato il valore della preparazione alle irregolarità della catena di approvvigionamento. Per essere sempre preparate, le aziende stanno investendo nelle relazioni e riconsiderando le strategie just-in-time.

Poche industrie sono state immuni dalle interruzioni della catena di approvvigionamento negli ultimi due anni. All'inizio si trattava di prodotti alimentari e di carta; poi c'erano chip per computer, attrezzature per esercizi a casa e maschere per il viso. Più recentemente, il materiale da costruzione, i test COVID-19 a casa e le automobili hanno avuto il loro turno di esaurimento. L'interruzione si è certamente verificata su larga scala. Ma come hanno sottolineato gli esperti della catena di approvvigionamento e delle operazioni in una tavola rotonda durante la conferenza sulla produzione del MIT del 2022 ospitata dal programma di collegamento industriale del MIT , l'interruzione non è nuova e non sta andando via.

"Questa è davvero l'unica costante che si ha, è il cambiamento e l'interruzione", ha affermato Erez Agmoni, vicepresidente senior per l'innovazione e la crescita strategica presso la compagnia di navigazione  Maersk . "Le persone non torneranno al modo normale di pensare, 'Andrà tutto bene.'"

Uno studio McKinsey ha rilevato che le aziende possono aspettarsi interruzioni della catena di approvvigionamento della durata di un mese o più almeno una volta ogni quattro anni. Un altro ha affermato che, in media, le interruzioni della catena di approvvigionamento costano alle aziende il 45% dei profitti di un anno nel corso di un decennio.

In che modo le organizzazioni possono prepararsi a un'interruzione che si verificherà sicuramente, senza sapere dove, quando o perché accadrà o per quanto tempo? Una maggiore resilienza della catena di approvvigionamento aiuta, insieme a una mente aperta su cosa aspettarsi e alla volontà di ripensare la produzione just-in-time.

Prepararsi all'incertezza

Gestire l'incertezza può essere complicato, soprattutto quando lo "stato stazionario" non è più stabile come una volta, ha affermato Jarrod Goentzel , fondatore e direttore del MIT Humanitarian Supply Chain Lab . La risposta giusta, tuttavia, può aiutare le organizzazioni a prepararsi per il futuro.

Sulla scia dell'uragano Maria nel 2017, ad esempio, molti ospedali hanno dovuto affrontare carenze di soluzione salina a causa della capacità produttiva limitata a Porto Rico. Ciò ha motivato i dirigenti ospedalieri a pensare di stabilire relazioni più dirette con i propri fornitori. Ciò si è rivelato vantaggioso all'inizio della pandemia, ha affermato Goentzel, poiché questi ospedali erano meglio preparati ad affrontare potenziali interruzioni con i loro fornitori e hanno dovuto affrontare meno pressioni per accumulare articoli che potrebbero scarseggiare.

Goentzel ha confrontato il modo in cui le aziende si preparavano a grandi interruzioni alle vecchie mappe che raffiguravano draghi dove gli esploratori dovevano ancora calpestare. "Questi draghi si stanno manifestando di più nelle nostre operazioni", ha detto. “Devi essere disposto ad avventurarti di tanto in tanto in acque inesplorate. Ti aiuta a sapere dove e quando potresti espandere i tuoi confini ed essere comunque redditizio. Impari a conoscere l'oceano e tutte le sue complessità".

In poche parole, le organizzazioni devono presumere l'incertezza nel loro stato operativo, ha affermato il professore di gestione delle operazioni del MIT SloanRetsef Levi. Ha delineato tre aspetti per gestire questa incertezza:

_Conoscere il confine tra operazioni regolari e irregolari. Molte aziende sono cieche rispetto ai limiti delle loro operazioni: essere consapevoli ti consente di sapere quando sono in arrivo problemi.

_Progettazione e implementazione di sistemi per rendere l’azienda più resiliente e robusta, consentendo una transizione relativamente agevole dalle operazioni regolari a quelle irregolari.

_Costruire una flessibilità sufficiente in quei sistemi per mantenere operazioni irregolari.

Costruire la resilienza della catena di approvvigionamento con un investimento alla volta

Le organizzazioni si preparano al meglio all'interruzione della catena di approvvigionamento attraverso investimenti incrementali, ha affermato Goentzel. Questo rende più facile implementare il cambiamento e c'è meno di un colpo finanziario da assorbire.

"Costruire hard capacity che non sarà utilizzata molto tempo probabilmente non è il giusto tipo di investimento", ha detto. Ma investire nelle persone, investire nelle relazioni e mappare le principali reti di approvvigionamento: "questi tipi di investimenti avranno più valore a lungo termine".

"Spesso, un livello moderato di investimento ti darà guadagni sorprendentemente elevati in termini di flessibilità e resilienza", ha affermato. Al momento di decidere dove investire, Levi ha consigliato di considerare tre domini di risposta alle interruzioni. Uno è la sopravvivenza a lungo termine , o avere scorte sufficienti per superare una lunga interruzione delle normali operazioni. Il secondo è un recupero più rapido , che include cose come la ricerca di fonti di approvvigionamento alternative. Il terzo è la gestione dell'esposizione , prendendo provvedimenti come il rinvio delle consegne, se necessario.

Da lì, le organizzazioni dovrebbero progettare un portafoglio di interventi che consentano una risposta rapida ovunque un sistema sia più vulnerabile, ha affermato Levi. Qui entra in gioco il vantaggio della flessibilità. "Se sei in grado di rilevare un problema una settimana prima dei tuoi concorrenti, questo potrebbe darti un enorme vantaggio competitivo", ha affermato. "E a volte, mancano solo poche ore prima della competizione."

Adottare un approccio end-to-end alla catena di approvvigionamento

Prima della pandemia, molte aziende gestivano la catena di approvvigionamento come una transazione, il che poneva limiti alla flessibilità. "Questo non può aiutarti in tempi di problemi", ha detto Agmoni. "Hai bisogno di partnership... se vuoi che la tua catena di approvvigionamento sia molto più resiliente."

Un approccio end-to-end potrebbe, ad esempio, affidare a un fornitore l'intero viaggio di spedizione. Poco prima della pandemia, i tempi di transito dalla Cina al Midwest degli Stati Uniti erano in media da 34 a 74 giorni, ha affermato Agmoni: una fluttuazione di 40 giorni rende difficile progettare la catena di approvvigionamento.

Questa variabilità porta all'incertezza, che porta a un accumulo di scorte di sicurezza, un inventario che mantiene le operazioni in corso in caso di ritardi lunghi e imprevisti. In un modello end-to-end, un'azienda esaminerebbe quella finestra di consegna, troverebbe una via di mezzo accettabile e riterrebbe responsabile il fornitore.

"Potresti dire: 'Non ne ho bisogno nel miglior tempo, ma ne ho bisogno in 50 giorni, con una finestra di più o meno tre giorni'", ha detto Agmoni. “Quindi, ora hai una breve finestra di eccezioni di una settimana. Puoi lasciare che il fornitore lo indichi come desidera, invece di procedere passo dopo passo. Ciò porta più stabilità e molta più resilienza”.

Uno sguardo nuovo alla produzione just-in-time

Uno dei vantaggi del modello end-to-end è una riduzione delle scorte di sicurezza, in modo che le aziende possano spendere meno per l'inventario in un momento in cui il costo dei beni materiali e del trasporto è in aumento.

Ciò potrebbe anche contribuire a un calo della produzione just-in-time , poiché le aziende hanno meno beni a disposizione per finire i prodotti su richiesta. "Just-in-time per tutto non è economicamente sostenibile", ha detto Goentzel.

Invece di eliminare la produzione just-in-time, Levi ha affermato che le circostanze attuali possono offrire alle aziende l'opportunità di ripensarci. Per fare ciò, ha incoraggiato i produttori a dare un'occhiata approfondita ai prodotti finiti stessi.

“Abbiamo prodotti eccessivamente complessi e diversificati e abbiamo una mancanza di standardizzazione in molti settori. Ciò non ti consente di passare da un componente all'altro di diversi fornitori", ha affermato Levi. Ciò aumenta la probabilità di un rallentamento della produzione in caso di interruzione di un fornitore, poiché le fonti alternative di componenti altamente personalizzati o complessi sono limitate. 

Levi ha consigliato di riprogettare i prodotti per renderli più flessibili e modulari e di creare standard intersettoriali che consentano la flessibilità di passare da un fornitore all'altro.

"COVID, l'esperienza degli ultimi due anni, dovrebbe farci pensare alla flessibilità in un modo molto più completo rispetto a ... just in time o just in case".

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi