"Costruire catene di fornitura più intelligenti che consentano la connessione tra imprese, lavoratori e consumatori in un mondo a metà tra fisico e digitale."

Le aziende sono entità globali con Supply Chain complesse alle quali è richiesta una sempre maggiore agilità ed un time-to-market il più rapido possibile; garantire la soddisfazione dei clienti e sviluppare la loro fedeltà non è solo ciò che guiderà il loro successo e la loro crescita, ma è anche ciò che determinerà se continueranno a prosperare nel lungo termine.

È così che i processi della Supply Chain diventano la spina dorsale delle organizzazioni, e la corretta visibilità di ogni nodo consente il bilanciamento di tutto l'ecosistema. L'innovazione e la digitalizzazione dei processi assumono un ruolo primario nello sviluppo delle imprese, perché consentono di ottenere estrema visibilità, flessibilità e gestione della filiera.

Strategia e tecnologia permettono di guidare le operazioni in tempo reale trasferendo intelligenza aumentata ad ogni operatore tramite l'analisi di dati storicizzati, unita all'interpretazione del momento stesso in cui si ha il bisogno di informazioni.

La contaminazione digitale rende i processi più efficaci estendendo i confini della visibilità umana, dando risposte costanti e geolocalizzando asset e uomini all'interno di plant produttivi e logistici.

Da una modalità System of Record, dove è sempre stato l'uomo ad iniziare la domanda ed il sistema a rispondere, si va verso una modalità System of Reality, dove è la macchina che interagisce continuamente con l'uomo lavorando nell'ottica di fornire la prossima miglior mossa.

Mission

Richiedi informazioni

Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria

Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati

Cliccando sul pulsante di invio, esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell'informativa incluso l'eventuale trattamento in Paesi membri dell'UE o in Paesi extra UE.

EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

29 ottobre 2021

Per ottenere la vera tracciabilità, le organizzazioni devono migliorare la visibilità della catena di approvvigionamento.

La visibilità della catena di approvvigionamento è ora più importante che mai: I dati di prima linea possono aiutare a migliorare la tracciabilità, la produttività e molto altro ancora, a partire dalle logiche di ESG (Environmental, Social and Governance).

Mentre le richieste dei consumatori continuano a salire durante la pandemia di COVID-19, si è potuto vedere un maggiore controllo sulla disponibilità, l'origine, la sicurezza e la sostenibilità dei prodotti. Oltre a soddisfare la domanda dei consumatori, i segni crescenti del cambiamento climatico negli ultimi anni sono un chiaro segnale che i modi di produrre prodotti e merci ad alta intensità di risorse e sprechi semplicemente non possono continuare.

"Le questioni etiche e di sostenibilità rimangono un fattore chiave per quasi un terzo dei consumatori, che affermano di aver smesso di acquistare alcuni marchi a causa di preoccupazioni correlate", secondo una recente ricerca di Deloitte. Questo significa che la visibilità della catena di approvvigionamento è ora più importante che mai, da cibo e bevande a mobili e materiali da costruzione. La visibilità e la tracciabilità della catena di fornitura end-to-end, e la capacità di tracciare ogni fase del viaggio del prodotto, dalle materie prime alla porta di casa del consumatore fino alla fine della vita del prodotto, è ora una priorità per i produttori.

Ma questo non può essere realizzato senza le giuste tecnologie e gli strumenti digitali che possono catturare le informazioni, compresi i dati dalle operazioni di prima linea, che possono poi essere analizzati rapidamente per migliorare in definitiva non solo la sostenibilità, ma anche la sicurezza, la produttività e la qualità.

La visibilità della catena di approvvigionamento porta alla tracciabilità.

Quando si guarda al futuro della sostenibilità - dagli obiettivi zero alla riduzione delle emissioni dello scopo 3 - niente di tutto ciò è possibile se le aziende non capiscono prima cosa, quando, dove, perché e come vengono rilasciate le emissioni, in ogni fase della catena di fornitura. La tracciabilità è la base fondamentale.

Capire la tracciabilità può confondere le diverse organizzazioni che sono ora obbligate o tenute ad avere programmi per ottenerla. Cosa stanno effettivamente cercando di ottenere?

"Quando si considera un prodotto o un servizio, la tracciabilità può riguardare l'origine dei materiali e delle parti, la storia della lavorazione, e la distribuzione e l'ubicazione del prodotto o del servizio dopo la consegna", ha detto Liz Sertl, direttore senior presso GS1. "Avere la capacità di parlare la stessa lingua, che si tratti di una definizione di tracciabilità o della standardizzazione di tutti gli elementi di dati che seguono un prodotto attraverso la catena di approvvigionamento, è molto importante".

Per ottenere la tracciabilità, le organizzazioni devono iniziare con la visibilità. Se hanno entrambe le cose, i produttori saranno in grado di realizzare altri obiettivi riguardanti la rifabbricazione, il riutilizzo e il riciclaggio, e altri fattori che alla fine permetteranno di raggiungere gli obiettivi "net-zero".

Eppure, un sondaggio tra i professionisti della supply chain, condotto da SAP e Oxford Economics all'inizio del 2021, ha scoperto che la visibilità nei processi dei fornitori rimane bassa nel settore manifatturiero.

La visibilità di solito si ferma all'ultimo punto di contratto. I produttori devono essere in grado di andare indietro e identificare oltre chi è il fornitore di quell'ultimo spazio contrattuale.

Quando si tratta di tracciabilità, c'è più lavoro da fare. In un sondaggio del 2020 condotto dal World Economic Forum e da Bain & Company, l'85% dei dirigenti aziendali non ritiene che le loro attuali capacità consentano loro di fornire casi d'uso legati alla tracciabilità in modo coerente. "Mentre la maggior parte delle aziende ha iniziato a costruire alcune capacità di tracciabilità, fanno fatica a integrarle o a creare valore in modo coerente. Le ragioni più comuni erano barriere di dati, seguite da barriere tecniche e organizzative", secondo il rapporto.

Prendiamo la produzione alimentare, per esempio. La stragrande maggioranza delle catene di approvvigionamento per la produzione alimentare attualmente non ha una tracciabilità end-to-end dal contadino, che è la fonte della materia prima, fino al prodotto finale.

Quando pensiamo alla tracciabilità ora, e in particolare alla tracciabilità digitale, la domanda è: possiamo assicurarci che quando progettiamo sistemi di tracciabilità, li stiamo progettando in modo flessibile e agile in modo che i dati acquisiti possano guidare altre metriche di sostenibilità?

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi