About

Consulting, System Integration,
Solution Providing, Products, Services.

Implementiamo le migliori tecnologie di tracciabilità e visibilità all’interno dei flussi delle catene di approvvigionamento.
Mobile Computing per rendere informate le risorse umane in tempo reale, Cloud Labelling per la creazione del dato digitale su etichetta ovunque ci si trovi, Data Capture per l’acquisizione dati digitale in ogni nodo della Supply Chain, RFID per la migliore visibilità in tempo reale di prodotti e asset, Real Time Locating System per visualizzare in tempo reale gli spostamenti, Data Intelligence per la migliore gestione dei flussi attraverso lo studio dei dati acquisiti.

Contatti

Email: info@multimac.it
Numero Verde: 800 593 293

Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Telefono: +39 049 713 267
Fax: +39 049 713 582
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

05 novembre 2022

Supply Chain 2023: superare le sfide di inflazione, recessione, Cina, N-Tier e ESG.

Con l'avvicinarsi della fine dell'anno, molti dirigenti della supply chain saranno impegnati nel processo di pianificazione strategica annuale della loro azienda. Prima di farlo, vale la pena di rivedere le principali tendenze che avranno un impatto sulla gestione della supply chain per l'anno prossimo e oltre. Di seguito sono riportate le principali tendenze a cui i dirigenti devono prestare attenzione prima di iniziare le riunioni di pianificazione strategica.

Inflazione
Negli Stati Uniti, i prezzi al consumo sono aumentati del 9,1% rispetto al giugno 2022. Secondo l'Ufficio Statistico del Lavoro degli Stati Uniti, si è trattato dell'aumento più consistente degli ultimi 40 anni. In Europa la situazione è peggiore. I dati preliminari di lunedì scorso (31 ottobre) riportano che l'inflazione nell'Eurozona ha raggiunto il 10,7% nel mese di ottobre. Si tratta della lettura mensile più alta mai registrata dalla creazione della zona euro.

Per i responsabili della supply chain, questo è un buon momento per iniziare a prendere in considerazione la riduzione delle unità di stoccaggio (SKU) (riduzione del numero di prodotti e delle varianti di prodotto prodotte). I reparti vendite spesso si oppongono a queste riduzioni, ma il contesto inflazionistico offre ai responsabili della supply chain ulteriori munizioni per portare avanti queste iniziative.

Poiché i clienti sono sempre più sensibili ai prezzi, è importante anche analizzare le distinte base dei prodotti e verificare se ci sono materie prime e componenti che sono particolarmente responsabili dell'aumento dei costi dei prodotti. È possibile riprogettare il prodotto con fattori sostitutivi a basso costo?

Imminente recessione
Le banche centrali rispondono all'inflazione elevata continuando ad aumentare i tassi di interesse - e quindi a rallentare la crescita economica - finché l'inflazione non torna a livelli accettabili. Negli Stati Uniti, un livello accettabile di inflazione è definito come il 3% o meno. Spesso, ma non sempre, l'aumento dei tassi di interesse porta una nazione in recessione. Tuttavia, con un'inflazione così elevata, le possibilità di un "atterraggio morbido", cioè di riportare l'inflazione sotto controllo senza far precipitare il paese in recessione, sono molto ridotte.

Esiste un manuale per le aziende che devono affrontare una recessione. È difficile prevedere il calo della domanda. I segnali tendono a ritardare l'andamento del mercato. Le svalutazioni delle scorte sono comuni. Le aziende tendono anche a ridurre la produzione. Pertanto, se la recessione appare probabile, le aziende devono sbagliare una previsione prudente, prepararsi a licenziare i lavoratori prima del tempo e iniziare a ridurre le scorte di sicurezza. Le aziende in grado di monitorare i segnali della domanda a valle e di utilizzare questi dati per fare previsioni più frequenti vedranno la loro accuratezza di previsione migliorare molto più rapidamente rispetto alle aziende che utilizzano metodi di previsione tradizionali.

Molte aziende cercano di risparmiare liquidità pagando più lentamente i propri fornitori. Questo deve essere fatto con attenzione, perché l'azienda deve assicurarsi di non costringere i suoi fornitori chiave al fallimento. Nel frattempo, le soluzioni di gestione del rischio della supply chain possono essere utilizzate per monitorare la salute finanziaria dei fornitori a monte, in modo da garantire tempestivamente fonti di approvvigionamento alternative se i fornitori chiave sono in difficoltà.

Gli aumenti salariali, il turnover e la fidelizzazione dei dipendenti sono stati argomenti importanti per tutto l'anno. Le richieste di aumento dei salari da parte dei dipendenti sono destinate a crescere con l'aumento dell'inflazione e la diminuzione del potere di spesa dei lavoratori. Allo stesso tempo, poiché le aziende si trovano ad affrontare una recessione, non vogliono bloccare gli aumenti salariali proprio nel momento in cui i clienti delle aziende diventano più sensibili ai prezzi. Sarà difficile gestire questa situazione.

La questione Cina
All'inizio di ottobre, l'amministrazione Biden ha pubblicato una serie di severi controlli sulle esportazioni di tecnologia. Questi controlli includono una misura che impedisce alla Cina di acquistare chip di semiconduttori prodotti in tutto il mondo con strumenti statunitensi. Gli Stati Uniti stanno ampliando notevolmente il tentativo di rallentare i progressi tecnologici e militari di Pechino. Non sono solo i produttori di utensili statunitensi a essere colpiti. Alle aziende americane e straniere che utilizzano la tecnologia statunitense viene chiesto di interrompere il supporto ad alcune delle principali fabbriche e progettisti di chip cinesi. L'obiettivo è quello di far arretrare l'industria cinese della produzione di chip di almeno un decennio.

Quando nel 1999 gli Stati Uniti hanno accettato un accordo di libero scambio con la Cina, la teoria era che, con l'ingresso di un numero sempre maggiore di cinesi nella classe media, la Cina sarebbe diventata più democratica. Questo non è accaduto. Si è invece assistito a un massiccio furto di proprietà intellettuale, a enormi deficit commerciali, allo svuotamento della classe media in Europa e in Nord America e all'ascesa di politiche nativiste.

La Cina, ovviamente, reagirà a queste misure in modi difficili da prevedere. Tuttavia, è probabile che le barriere commerciali aumentino. Stiamo iniziando a passare da un mondo di "libero scambio" a uno di blocchi commerciali bilaterali. In questo nuovo mondo, le democrazie faranno sempre più affari tra loro. Allo stesso modo, le dittature e le pseudo-democrazie faranno sempre più affari tra loro.

Le azioni di Honda ne sono un esempio. È stato riferito, con grande imbarazzo dell'azienda, che il produttore automobilistico sta rischiando la sua catena di fornitura cinese. Honda avrà una catena di approvvigionamento per sostenere il mercato interno cinese, mentre costruirà una catena di approvvigionamento separata per i mercati al di fuori della Cina. Per quanto riguarda la costruzione di nuovi stabilimenti, si parla di "ABC": ovunque, ma non in Cina.

La catena di fornitura N-Tier
Tutte le interruzioni delle forniture COVID hanno evidenziato la necessità di una migliore gestione del rischio della catena di fornitura. La gestione del rischio è stata una vendita difficile. Le multinazionali sapevano che potevano verificarsi eventi che potevano costare loro decine o centinaia di milioni di dollari. Ma questi eventi non erano prevedibili. E molti dei singoli eventi che potevano verificarsi erano così rari da essere etichettati come "eventi del cigno nero". Il risultato è che le aziende non potevano calcolare il ritorno sull'investimento per migliorare le loro capacità di gestione del rischio.

In genere le aziende adottano una migliore gestione del rischio della catena di fornitura dopo che il cavallo è già scappato dalla stalla in fiamme. Ad esempio, l'industria automobilistica ha adottato la gestione del rischio dopo il disastro nucleare di Fukushima. Il COVID era un evento della categoria Fukushima che si applicava a tutti i settori.

Ma quando le aziende hanno adottato soluzioni avanzate per la gestione del rischio, hanno scoperto che mentre alcune di queste soluzioni erano molto valide nell'identificare i rischi in tempo reale a un livello superiore nella catena di fornitura, non erano in grado di identificare i rischi che si verificano a diversi livelli superiori nella catena di fornitura - il cosiddetto "problema degli n-tier".

McKinsey ha condotto un'indagine in cui poco meno della metà delle aziende intervistate ha dichiarato di conoscere l'ubicazione dei propri fornitori di primo livello e i rischi principali che questi corrono. Sorprendentemente, solo il 2% aveva visibilità sui fornitori di terzo livello e oltre. Questo è importante perché molte delle più pressanti carenze di approvvigionamento di oggi, come nel caso dei semiconduttori, si verificano in questi livelli più profondi della catena di fornitura. Becton Dickinson, come molte altre aziende, ha avuto molti problemi di supply chain a causa di COVID. Circa l'80% delle interruzioni di questa azienda globale di tecnologia medica era dovuto a problemi nella base di fornitura di livello n, non ai fornitori di livello.

Conformità ESG
I governi stanno aumentando le richieste alle aziende di dimostrare che operano in modo sostenibile ed etico. Nel gennaio 2023 entrerà in vigore il Germany Supply Chain Due Diligence Act, che richiederà alle aziende di monitorare le catene di fornitura per verificare la presenza di violazioni dei diritti umani e di assicurarsi che i partner non stiano causando un degrado ambientale lungo l'intera catena di fornitura - di nuovo il problema dei n-tier. Già in passato sono state emanate leggi sulla catena di fornitura il cui obiettivo era quello di garantire che le aziende facessero rispettare i vari aspetti della performance ESG (Environmental, Social, & Governance). Ma gli operatori della supply chain non hanno mai visto una legislazione di conformità così ampia e impattante. In passato, questo tipo di legislazione ESG si concentrava su un ambito di rischio specifico, come il lavoro minorile/forzato o la legge sul lavoro forzato degli uiguri del 2020. Ora stiamo assistendo a un passaggio a una legislazione ESG onnicomprensiva con sanzioni significative: le multe possono arrivare fino al 2% del fatturato annuale. Forse, oltre alla multa, c'è anche il danno al marchio che potrebbe derivare da un'azione penale nei confronti di un'azienda.

La Germania è la quarta economia più grande del mondo, quindi molte multinazionali saranno colpite da questo provvedimento. Le multinazionali potrebbero pensare di spostare una sede regionale fuori dalla Germania per evitare questo problema. Non funzionerà. L'Unione Europea sta portando avanti una legislazione simile che potrebbe diventare realtà tra circa un anno e che va anche oltre la legge tedesca.

Scoprire chi sono i fornitori n-tier è stato storicamente difficile, lungo e tutt'altro che accurato o completo. Questo perché si trattava di un processo manuale che dipendeva dalla collaborazione dei fornitori di livello superiore. Molti fornitori a monte sono sospettosi di questo "ficcanasare".

Tuttavia, esistono molteplici soluzione tecnologiche in tali ambiti. Everstream Analytics ad esempio, ha dimostrato che, grazie alla combinazione di grandi quantità di dati, database a grafo e intelligenza artificiale, è in grado di svolgere il difficile lavoro di identificazione di questi fornitori di n-livello con uno sforzo molto minore e una maggiore affidabilità.

Riduzione dei gas serra
PwC riferisce che quasi la metà degli asset in gestione è detenuta da società di investimento impegnate nella decarbonizzazione. La preoccupazione degli investitori per i rischi materiali legati al cambiamento climatico ha creato nuovi quadri di rendicontazione, come quelli del Sustainability Accounting Standards Board (SASB) e della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD). Non sorprende quindi che non passi settimana senza che qualche grande azienda si impegni a eliminare le emissioni di anidride carbonica entro il 2040 o il 2050 o documenti i propri progressi in questo percorso. In alcuni settori, il 90% delle emissioni avviene nella catena di fornitura. È chiaro che il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità richiederà la partecipazione dei team della catena di fornitura di un'azienda.

La sostenibilità è un argomento molto vasto, ma vale la pena sottolineare alcuni punti. In primo luogo, più la catena di approvvigionamento di un'azienda è digitale, più l'azienda produce beni in modo efficiente. L'efficienza nell'incontro tra domanda e offerta, nella produzione dei prodotti e nel trasporto delle merci porta a una riduzione delle emissioni.

In secondo luogo, le aziende con obiettivi di sostenibilità di solito consentono ai progetti di sostenibilità di avere un ritorno sugli investimenti inferiore. Per un dirigente della supply chain che voglia migliorare la tecnologia utilizzata dal proprio gruppo, questi due fatti significano che potrebbe essere più facile che mai ottenere finanziamenti per la tecnologia della supply chain.

In terzo luogo, gli strumenti per la raccolta, la pulizia e la rendicontazione delle emissioni sono ancora piuttosto immaturi. Ma si stanno facendo progressi. Al recente CloudWorld di Oracle, sono stati discussi gli sforzi dell'azienda per migliorare la capacità del software di rendicontare le emissioni e altri obiettivi ESG. La soluzione di reporting e pianificazione di Oracle consente alle aziende di raccogliere e standardizzare i dati sulle emissioni da più fonti e di gestire tutti i dati sulla sostenibilità in un unico luogo. Una volta stabilita una base di riferimento, le aziende possono modellare gli obiettivi di sostenibilità a breve e lungo termine, allineare le iniziative tra le loro attività e prendere decisioni basate su una comprensione integrata di sostenibilità, finanza e attività.

Infine, per quanto riguarda la riduzione delle emissioni, la catena di fornitura offre molti vantaggi. Attualmente, le aziende possono fare progressi sulle emissioni risparmiando denaro. Ma entro pochi anni questo non sarà più vero per molte aziende. A quel punto, le aziende dovranno scambiare il raggiungimento degli obiettivi di emissione con un aumento dei costi. Sarà quello il momento in cui si capirà quanto le aziende siano davvero serie quando si tratta di ridurre i gas serra.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi