07 settembre 2021

La resilienza della catena di approvvigionamento richiede digitalizzazione ad ogni nodo.

La digitalizzazione può semplicemente rendere la catena di approvvigionamento sia resiliente che flessibile, fornendo migliore visibilità, capacità di prevedere i problemi e dà la possibilità di trovare risposte in tempo reale.

Molte aziende dell'industria automobilistica, nonostante il loro peso, le loro dimensioni e il loro potere, si stanno rendendo conto che il loro approccio just-in-time (JIT), che costringe i fornitori a consegnare solo la giusta quantità quando e dove è necessario, non funziona più. I fornitori di semiconduttori hanno pesci ben più grandi da friggere e non sono disposti a sopportare la vecchia tecnologia dei produttori di automobili, favorendo invece l'industria dei computer e dei cellulari.

La maggior parte delle aziende manifatturiere affrontano grandi variazioni nella domanda, sperimentano la stagionalità e hanno un grande mix di prodotti in termini di caratteristiche, dimensioni, colori, stili, prestazioni e così via. La capacità di tali industrie di consegnare dipende fortemente dal mix di prodotti, dall'uso delle risorse e dai turni nelle aree di collo di bottiglia. Pianificare la produzione diventa un compito molto desiderato e complicato. Con un approccio digitale alla Supply Chain ci si aspetta che ci sia una domanda e un'offerta uniformi senza o con poca volatilità e un uso di risorse tra i diversi prodotti.

Abbassare l’inventario è buona cosa, ma non è abbastanza. Una certa quantità di inventario è necessaria per rendere la catena di approvvigionamento resiliente. Ancora più importante, sapere quale inventario tenere è la chiave. Quindi, la capacità di prevedere la domanda e di capire la vera capacità di consegna diventa vitale. Questa è la ragione dell'attenzione sul "gemello digitale della supply chain". Un gemello digitale replica il funzionamento della catena di approvvigionamento sia nell'aspetto che nel comportamento in modo che il management possa cercare risposte per prevedere e rispondere alle interruzioni della catena di approvvigionamento.

Le disposizioni per la resilienza potrebbero non fornire tutte le efficienze che ci si aspetta dalla catena di approvvigionamento, ma forniscono livelli di servizio migliori, operazioni continue di fronte alle interruzioni e l'espansione della quota di mercato nel lungo periodo. La digitalizzazione è così un mezzo fondamentale per arrivare alla resilienza della supply chain. Tuttavia, la digitalizzazione implica anche avere l'intelligenza per il sistema di prendere o raccomandare decisioni.

Le catene di approvvigionamento sono creature complesse. Non è insolito che una catena di approvvigionamento end-to-end sia composta da centinaia di nodi di produzione, distribuzione e fornitori attraverso 24 diversi fusi orari. È impossibile per una persona o un gruppo di individui prendere decisioni buone o ottimali quando ci sono decine di milioni di combinazioni di cosa comprare, cosa produrre, dove e quando. I sistemi possono aumentare o automatizzare il processo decisionale nelle operazioni. Possono prevedere la domanda, prevedere i fornitori e le capacità di fornitura, prevedere i problemi potenziali ed evitarli semplicemente imparando i modelli di comportamento nella catena di fornitura, trovando le cause ed evitando i problemi potenziali. Questa è la resilienza della catena di approvvigionamento.

Costruire la resilienza nella catena di approvvigionamento

Costruire la resilienza richiede, prima di tutto, la comprensione del design della Supply Chain. Questo significa capire dove sono gli anelli più deboli. Esempi sono avere un unico fornitore in una parte instabile del mondo o avere più fornitori che dipendono tutti da un unico fornitore. Le catene di approvvigionamento sono altamente vulnerabili agli attacchi informatici, alle fluttuazioni geopolitiche, ai fattori socioeconomici e alle controversie commerciali. A tal fine, ci deve essere una revisione costante e continua della resilienza della catena di approvvigionamento per identificare le minacce potenziali.

Anche il design dei prodotti gioca un ruolo importante nella resilienza della catena di fornitura. Avere numeri di parte comuni tra diversi prodotti può semplificare le operazioni della catena di fornitura e consentire un migliore ammortizzamento in caso di urti. Alcune grandi aziende, per proteggersi dall'incertezza dei fornitori, hanno deciso di essere integrate verticalmente per assicurare il flusso ininterrotto delle forniture necessarie. Per esempio, a causa dell'aumento dei chip speciali per i veicoli autonomi, le aziende automobilistiche stanno progettando i propri chip in casa. Anche se quest'ultimo approccio può mitigare alcuni rischi, potrebbe non garantire adeguatamente che il flusso di merci si trovi in una regione stabile e non soggetta a sconvolgimenti politici, interruzioni meteorologiche o controversie commerciali.

Infine, la digitalizzazione può aiutare a prevedere quali e quante scorte sono necessarie e dove e quando per ammortizzare gli imprevisti. L'attuale tecnologia per la pianificazione delle vendite e delle operazioni (S&OP), se combinata con le vendite e l'esecuzione delle operazioni (S&OE), può ottimizzare il mix di prodotti di fronte a interruzioni o forniture tardive, oltre a permettere di reinventare rapidamente la catena di approvvigionamento quando la domanda di prodotti cambia. La digitalizzazione può semplicemente rendere la catena di approvvigionamento sia resiliente che flessibile, fornendo migliore visibilità, capacità di prevedere i problemi e dà la possibilità di trovare risposte in tempo reale.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi