EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

25 novembre 2021

La Messa a punto del magazzino convenzionale verso il futuro: valore del lavoro, manodopera e ottimizzazione dei processi.

Processi ben definiti, dati puliti, automazione e una forza lavoro qualificata danno quella scintilla necessaria ai magazzini convenzionali per fare il ‘next step’ verso il futuro.

Se chiudiamo gli occhi per un minuto e immaginiamo un magazzino convenzionale, probabilmente vedremo un sacco di carrelli elevatori che movimentano carichi di pallet e casse. Forse qualche trasportatore, qualche scaffale. Forse anche qualche automazione leggera. Quello che all'inizio non si vede, ma che si sa che c'è, sono i codici a barre e altri strumenti di gestione dei dati. E il moltiplicatore di forza più nascosto è probabilmente un sistema di gestione del magazzino (WMS).

Quasi tutti saranno d'accordo che questi sono gli elementi più comuni di un magazzino convenzionale oggi. E non tutte le strutture hanno tutti questi elementi. Ma averne molti è stata una caratteristica distintiva per qualche tempo. Questo solleva una domanda interessante: il magazzino convenzionale è buono in quello che ha fatto? Lo sa? Altrettanto importante, il magazzino è all'altezza di ciò che dovrà fare in futuro?

Mark Wheeler, direttore delle soluzioni per la supply chain di Zebra, ha un punto di partenza. Si chiama modello di maturità del magazzino e inizia con un segno dei tempi: i magazzini stanno maturando rapidamente, ma non tutti allo stesso ritmo e non necessariamente così velocemente come potrebbero o dovrebbero.  Ecco i link di tutte le puntate: Warehouse Maturity Model 1  Warehouse Maturity Model 2 Warehouse Maturity Model 3  Warehouse Maturity Model 4  Warehouse Maturity Model 5 

Quest'ultima parte rispecchia i risultati di un recente sondaggio di KPMG sui CEO. Il 63% di loro dice che i processi generali della loro azienda e l'esecuzione sono troppo lenti. E non credono che le cose miglioreranno presto. Non è il momento di dare per scontato che i processi e l'esecuzione del magazzino convenzionale siano diversi. Dopo tutto, il cambiamento è difficile all'interno delle quattro mura, e ultimamente c'è stato più che abbastanza cambiamento per andare in giro. Per metterlo in prospettiva, dal 60% al 70% dei magazzini hanno tipicamente dei processi funzionanti, come  la maggior parte dei magazzini ha una logica solida per come sono impostati. Tuttavia, ciò che ha funzionato non è necessariamente la risposta completa per il futuro.

Il valore del lavoro

Questa è una stagione aperta per i manager operativi che vogliono migliorare i loro processi, ma molti stanno puntando all'home run con l'automazione avanzata. Le interviste con diversi esperti di magazzinaggio convenzionale hanno chiarito che è possibile migliorare i processi senza una trasformazione completa di hardware e software. I concetti chiave vanno dallo slotting alla pulizia dei dati e alla riduzione del tempo di viaggio. Anche la gestione del lavoro non è da trascurare. E, sì, la tecnologia fa parte di questa evoluzione, che va dai robot (di cui tutti sono innamorati in questo momento) a software come i sistemi di esecuzione del magazzino (WES).

Dobbiamo anche riconoscere che, oltre a cambiare i processi e implementare nuovi strumenti, esistono barriere culturali al cambiamento. Per esempio, ci sono persone che si occupano rispettivamente del putaway e del picking degli articoli, e non vogliono necessariamente fare altro.

Storicamente, i tre elementi chiave nell'ottimizzazione dei processi di magazzino convenzionali sono il lavoro, la tecnologia e il ROI. Chiedendo a più esperti di magazzino di ordinare i tre elementi oggi e tra 10 anni, gli intervistati hanno detto: lavoro, ROI, tecnologia oggi e lavoro, tecnologia, ROI tra 10 anni. Lo scambio di ROI e tecnologia è dovuto alla aspettativa che il costo della tecnologia scenderà costantemente nel tempo.

Questo ci porta al punto in cui iniziano le discussioni sull'aggiornamento del magazzino più convenzionale:

La manodopera.

Mentre la maggior parte delle persone in questo momento sembra concentrata sulla difficoltà di trovare manodopera, in realtà sarebbe corretto concentrarsi sulla formazione e sul mantenimento della manodopera esistente. 

Vuoi rendere il tuo posto il miglior posto di lavoro? Fortunatamente, si può raggiungere questo obiettivo in molti modi diversi. Nel quadro generale, vuoi assicurarti che ogni socio si senta proprietario di ciò che fa e che senta di essere una parte che contribuisce alla famiglia del magazzino?

L'addestramento degli associati è la chiave. Si comincia con processi documentati che assicurano processi coerenti sul campo. La documentazione del processo include anche un ciclo di feedback che permette agli associati di fornire input per aggiornare quelli che hanno bisogno di miglioramenti. Le persone hanno bisogno di sapere che il management è impegnato e ascolta. Ciò richiede la discussione e l'identificazione delle buone idee. Bonus variabili per le buone idee hanno effetti a catena.

Ottimizzare i processi

In effetti, quei bonus variabili sono in realtà una forma di ROI, anche se in genere non sono pensati in questo modo. Per i bonus pagati, un processo viene migliorato e vengono sbloccate nuove efficienze. C'è un ritorno misurabile che non è diverso dai guadagni fatti con una spesa di capitale come un software come un WMS. E si possono trovare molte opportunità per ottenere un ritorno in un magazzino convenzionale.  Pensiamo ad esempio all'interleaving delle attività e alle strategie di prelievo: entrambi i processi sono guidati da un WMS, ma è l'efficienza che porta valore. Il solo interleaving delle attività può portare a un miglioramento della produttività fino al 20%. Per quanto riguarda il picking, le strategie di batch e cluster picking offrono molta più efficienza di processo rispetto ai biglietti di prelievo in sequenza senza una logica per il flusso delle merci o delle persone.

Fino ad arrivare al concetto di un carrello di prelievo perpetuo.  Basti pensare ad un magazzino con 20 carrelli di prelievo, ognuno con nove slot per gli ordini. Questo permette di elaborare 180 ordini alla volta. O forse sì? Quando un ordine su un carrello viene riempito, quel carrello viene abbandonato e ne viene aggiunto uno vuoto per un nuovo ordine. Di conseguenza, ogni carrello può elaborare più di nove ordini nel tempo, diventando essenzialmente il carrello di prelievo perpetuo.

Lo slotting è un'altra opportunità. Non solo perché influisce su una vasta gamma di processi, ma perché molti magazzini fanno male lo slotting. Bisogna definire lo slotting in base alla domanda del prodotto, non alla domanda dell'unità. È tutta una questione di analisi dettagliata della velocità e del layout della struttura. Il cinquanta per cento del tempo legato ai processi di picking è dedicato al viaggio. Se si mettono i prodotti giusti nei posti giusti e si selezionano i percorsi di prelievo giusti, si può massimizzare la velocità e ridurre fino al 50% il tempo e la manodopera durante il processo di prelievo.

Non è sufficiente ottenere il giusto slotting una volta. Deve costantemente essere mantenuto per assicurarsi che corrisponda a come la domanda di prodotti si sposta nel tempo. Lo slotting non è una cosa da fare una volta sola. Deve essere rivisto e, se necessario, regolato ogni trimestre.

Guardando al futuro

Almeno per il futuro prevedibile, i carrelli, i trasportatori e le scaffalature saranno probabilmente la spina dorsale dei magazzini convenzionali. Il convenzionale è convenzionale, dopo tutto. Tuttavia, è in corso un chiaro spostamento verso alcuni tipi di attrezzature e software più automatizzati.

La grande storia è quella dei robot. O AMR (robot mobili autonomi). O cobot. Qualunque sia la nomenclatura preferita, si tratta di piccoli robot autonomi che scorazzano lungo il pavimento del magazzino. Alcuni portano scaffali di prodotti agli addetti al prelievo. Altri portano i prodotti allo stoccaggio o alla spedizione. E chissà cos'altro potrebbero fare in futuro.

Ma indipendentemente dal compito, i robot eliminano la distanza e il tempo di viaggio per le persone. E dato che è generalmente accettato che circa il 50% del tempo nel processo di picking è dovuto agli spostamenti, l'introduzione dei bot costituisce un enorme cambiamento nel modo in cui tutti quegli spostamenti vengono fatti senza aggiungere un'automazione estesa e fissa a un magazzino convenzionale.

"I robot sono un cambiamento fondamentale nell'automazione", ha riferito Mark Wheeler di Zebra. Continua a spiegare che i robot sono intelligenti, scalabili, possono cambiare facilmente i processi e il flusso di lavoro e sono meno rischiosi delle forme tradizionali di automazione fissa. Dice che i robot aprono la porta a nuove regole di progettazione sul pavimento del magazzino.

In altre parole, i robot sono un grande affare. Così grande che Zebra ha recentemente pagato 290 milioni di dollari per il 95% del fornitore di robot Fetch Robotics che non possedeva già.

Ciò che è altrettanto interessante è che Zebra è un fornitore di computer indossabili tra cui stampanti e scanner di codici a barre. Wheeler parla della necessità di dati puliti attraverso quell'attrezzatura per guidare i processi e le efficienze. Garantire prelievi e rifornimenti accurati è fondamentale quando non c'è tempo per correzioni e ripensamenti, e la scansione indossabile non ha rivali in questo campo. Un numero crescente di segmenti è interessato al controllo dei lotti, alle date di scadenza e all'inventario serializzato. Verificare in modo efficiente tutto ciò nel punto di attività richiede una tecnologia indossabile. E comunicando efficacemente al lavoratore tutte le informazioni di cui ha bisogno, mentre simultaneamente si incarica l'AMR, si otterrà il miglior risultato in termini di efficienza del lavoro e di utilizzo dei robot.

I dati puliti sono anche essenziali per i sistemi WES che aumentano il WMS. Un WES fornisce visibilità in tempo reale sugli ordini e offre l'opportunità di alleggerire la congestione del magazzino e ottimizzare l'efficienza dell'evasione degli ordini.

Mentre i WES sono stati tradizionalmente associati ai magazzini automatizzati, il software sta cominciando a prendere piede nei magazzini convenzionali. I benefici tipici includono un aumento della produttività e della velocità, e la capacità di risolvere i colli di bottiglia dell'elaborazione.

Guardando al panorama dei magazzini convenzionali, la base per le efficienze future si basa su una combinazione di flussi operativi ben definiti e una forza lavoro ben addestrata guidata da dati puliti. Anche un po' di automazione non farà male. Insieme, questa combinazione metterà a punto qualsiasi struttura.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi