"Costruire catene di fornitura più intelligenti che consentano la connessione tra imprese, lavoratori e consumatori in un mondo a metà tra fisico e digitale."

Le aziende sono entità globali con Supply Chain complesse alle quali è richiesta una sempre maggiore agilità ed un time-to-market il più rapido possibile; garantire la soddisfazione dei clienti e sviluppare la loro fedeltà non è solo ciò che guiderà il loro successo e la loro crescita, ma è anche ciò che determinerà se continueranno a prosperare nel lungo termine.

È così che i processi della Supply Chain diventano la spina dorsale delle organizzazioni, e la corretta visibilità di ogni nodo consente il bilanciamento di tutto l'ecosistema. L'innovazione e la digitalizzazione dei processi assumono un ruolo primario nello sviluppo delle imprese, perché consentono di ottenere estrema visibilità, flessibilità e gestione della filiera.

Strategia e tecnologia permettono di guidare le operazioni in tempo reale trasferendo intelligenza aumentata ad ogni operatore tramite l'analisi di dati storicizzati, unita all'interpretazione del momento stesso in cui si ha il bisogno di informazioni.

La contaminazione digitale rende i processi più efficaci estendendo i confini della visibilità umana, dando risposte costanti e geolocalizzando asset e uomini all'interno di plant produttivi e logistici.

Da una modalità System of Record, dove è sempre stato l'uomo ad iniziare la domanda ed il sistema a rispondere, si va verso una modalità System of Reality, dove è la macchina che interagisce continuamente con l'uomo lavorando nell'ottica di fornire la prossima miglior mossa.

Mission

Richiedi informazioni

Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria

Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati

Cliccando sul pulsante di invio, esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell'informativa incluso l'eventuale trattamento in Paesi membri dell'UE o in Paesi extra UE.

EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

20 giugno 2022

La difficile ristrutturazione delle Supply Chain globali: dall’efficienza alla sicurezza.

Perché troppa resilienza è pericolosa? Tre anni fa l'Economist ha usato il termine "slowbalisation" per descrivere lo stato di fragilità del commercio internazionale. Dopo gli anni Novanta e Duemila, il ritmo dell'integrazione economica si è arrestato nel 2010, mentre le imprese erano alle prese con i contraccolpi di una crisi finanziaria, una rivolta populista contro l'apertura delle frontiere e la guerra commerciale del presidente Donald Trump. Il flusso di merci e capitali è ristagnato. Molti dirigenti hanno rimandato le grandi decisioni sugli investimenti all'estero: il just-in-time ha lasciato il posto all'attendismo. Nessuno sapeva se la globalizzazione sarebbe stata una battuta d'arresto o un'estinzione.

Ora l'attesa è finita, perché la pandemia e la guerra in Ucraina hanno dato il via a una rivisitazione del capitalismo globale che si ripete da una generazione all'altra nei consigli di amministrazione e nei governi. Ovunque si guardi, le catene di approvvigionamento si stanno trasformando, dai 9 trilioni di dollari di scorte, accumulate come assicurazione contro le carenze e l'inflazione, alla lotta per i lavoratori quando le aziende globali si spostano dalla Cina al Vietnam. Questo nuovo tipo di globalizzazione riguarda la sicurezza, non l'efficienza: dà la priorità a fare affari con persone su cui si può fare affidamento, in Paesi con cui il governo è amico. Potrebbe degenerare nel protezionismo, nel grande governo e nel peggioramento dell'inflazione. In alternativa, se le imprese e i politici daranno prova di moderazione, potrebbe cambiare in meglio l'economia mondiale, mantenendo i vantaggi dell'apertura e migliorando la resilienza.

Dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989, il punto di riferimento della globalizzazione è stato l'efficienza. Le imprese localizzavano la produzione dove i costi erano più bassi, mentre gli investitori impiegavano i capitali dove i rendimenti erano più elevati. I governi aspiravano a trattare le imprese in modo equo, indipendentemente dalla loro nazionalità, e a concludere accordi commerciali con democrazie e autocrazie. Nell'arco di due decenni sono nate catene del valore incredibilmente sofisticate che rappresentano la metà di tutto il commercio: la nostra auto e il nostro telefono contengono componenti che viaggiano meglio di Phileas Fogg. Tutto ciò ha mantenuto bassi i prezzi per i consumatori e ha contribuito a far uscire 1 miliardo di persone dalla povertà estrema, mentre il mondo emergente, compresa la Cina, si industrializzava.

Ma la globalizzazione iper-efficiente ha avuto anche dei problemi. La volatilità dei flussi di capitale ha destabilizzato i mercati finanziari. Molti colletti blu dei Paesi ricchi ci hanno rimesso. Di recente, altre due preoccupazioni si sono fatte strada. In primo luogo, alcune catene di fornitura snelle non sono così convenienti come sembrano: per lo più mantengono i costi bassi, ma quando si rompono, il conto può essere salato. Gli attuali colli di bottiglia hanno ridotto il PIL globale di almeno l'1%. Gli azionisti sono stati colpiti così come i consumatori: con la carenza di chip che ha bloccato la produzione di automobili, i flussi di cassa delle case automobilistiche sono calati dell'80% su base annua. Tim Cook, il guru della catena di approvvigionamento che dirige la Apple, ritiene che tali inconvenienti potrebbero ridurre le vendite fino a 8 miliardi di dollari, pari al 10%, nel trimestre in corso. Il Covid-19 è stato uno shock, ma guerre, condizioni meteorologiche estreme o un altro virus potrebbero facilmente interrompere le catene di approvvigionamento nel prossimo decennio.

Il secondo problema è che il perseguimento di un vantaggio di costo ha portato a una dipendenza da autocrazie che abusano dei diritti umani e usano il commercio come mezzo di coercizione. Le speranze che l'integrazione economica portasse a riforme - ciò che i tedeschi chiamano "cambiamento attraverso il commercio" - sono state deluse: le autocrazie rappresentano un terzo del PIL mondiale. L'invasione dell'Ucraina da parte di Vladimir Putin ha messo dolorosamente a nudo la dipendenza dell'Europa dall'energia russa. Questa settimana il McDonald's di Mosca, aperto nel 1990, è ripartito sotto il controllo locale. I Big Mac non sono più sul menu. Nel frattempo, l'ideologica e imprevedibile Cina del presidente Xi Jinping ha un'impronta commerciale sette volte superiore a quella della Russia e il mondo si affida a lei per una serie di beni, dagli ingredienti farmaceutici attivi al litio lavorato utilizzato nelle batterie.

Un'indicazione del fatto che le aziende stanno passando dall'efficienza alla resilienza è l'ampio accumulo di scorte precauzionali: per le 3.000 aziende più grandi a livello globale, queste sono passate dal 6% al 9% del PIL mondiale dal 2016. Molte imprese stanno adottando il dual sourcing e contratti a lungo termine. L'andamento degli investimenti delle multinazionali si è invertito: Il 69% proviene da filiali locali che reinvestono in loco, piuttosto che da imprese madri che inviano capitali oltre confine. Ciò riecheggia gli anni '30, quando le imprese globali rispondevano al nazionalismo rendendo le filiali all'estero più autosufficienti.

Le industrie più sotto pressione stanno già reinventando i loro modelli di business, incoraggiate dai governi che, dall'Europa all'India, sono propensi all'"autonomia strategica". L'industria automobilistica sta copiando la Tesla di Elon Musk, orientandosi verso l'integrazione verticale, in cui si controlla tutto, dall'estrazione del nichel alla progettazione dei chip. Gli assemblatori di elettronica di Taiwan hanno ridotto la loro quota di attività in Cina dal 50% al 35% dal 2017, poiché clienti come Apple richiedono una diversificazione. Per quanto riguarda l'energia, l'Occidente sta cercando di ottenere accordi di fornitura a lungo termine da parte di alleati, piuttosto che affidarsi a mercati spot dominati da rivali - un motivo per cui si è avvicinato al Qatar, ricco di gas. Anche le energie rinnovabili renderanno i mercati energetici più regionali.

Il pericolo è che il ragionevole perseguimento della sicurezza si trasformi in un protezionismo dilagante, in piani per l'occupazione e in centinaia di miliardi di dollari di sussidi industriali. L'effetto a breve termine di tutto ciò sarebbe una maggiore volatilità e frammentazione che spingerebbe i prezzi ancora più in alto: basti pensare alla considerazione del Presidente Joe Biden di nuove tariffe sui pannelli solari, che ha messo in pausa questo mese di fronte alla scarsità. L'inefficienza di lungo periodo derivante dalla replica indiscriminata delle catene di approvvigionamento sarebbe enorme. Se si duplicasse un quarto di tutte le attività multinazionali, i costi operativi e finanziari annui aggiuntivi potrebbero superare il 2% del PIL mondiale.

Il problema degli spazi sicuri

Ecco perché la moderazione è fondamentale. I governi e le imprese devono ricordare che la resilienza deriva dalla diversificazione, non dalla concentrazione in patria. I punti di strozzatura che le autocrazie controllano ammontano solo a circa un decimo del commercio globale, sulla base delle loro esportazioni di beni in cui detengono una quota di mercato leader superiore al 10% e per i quali è difficile trovare sostituti. La risposta è chiedere alle imprese di diversificare i loro fornitori in questi settori e lasciare che il mercato si adatti. I governi di oggi saranno all'altezza del compito? Miopia e insularità abbondano. Ma se siamo consumatori di beni e idee globali, cioè cittadini del mondo, dovremmo sperare che la prossima fase della globalizzazione comporti il massimo grado di apertura possibile. Un nuovo equilibrio tra efficienza e sicurezza è un obiettivo ragionevole. Vivere in un bunker sovvenzionato non lo è.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi