EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

08 novembre 2021

Innovare e digitalizzare i processi applicando l’Automazione: la risposta alla Disruption nei magazzini e Distribution Center.

Il Sondaggio 2021 sulle operazioni di magazzino e i Distribution Center vede l'automazione come risposta alla disruption: maggiore uso di Robot, tecnologia indossabile e vocale a disposizione dei lavoratori, software di pianificazione della forza lavoro, attenzione digitale alla distanza sociale, e focus sulla visibilità digitale di materiali disponibili in tempo reale per far fronte alle continue interruzioni della Supply Chain in atto.

I budget di capex e gli effettivi sono entrambi in crescita tra i segni di espansione. Ma sotto questi aspetti positivi ci sono delle tensioni, guidate dalle preoccupazioni per la manodopera e i giri d'inventario. L'applicazione di più tecnologia, dicono gli intervistati, è la strada da seguire. Ad una prima occhiata ad alcuni dei risultati chiave del sondaggio annuale "Warehouse Operations & Trends Survey", i partecipanti del settore stanno cavalcando un'onda piuttosto forte. I budget sono aumentati, ci sono più intervistati che dicono che stanno "aggiungendo personale" e pianificando più edifici e metratura.

Ma a uno sguardo più attento, il sondaggio vede profonde tensioni nel mondo delle operazioni di magazzino, guidate da ripercussioni pandemiche come massicce interruzioni di fornitura e un mercato del lavoro molto impegnativo. Queste macro-tendenze si ripercuotono sulle operazioni a livello di magazzino e di centro di distribuzione (DC), dove i manager devono trovare un modo per accomodare i crescenti volumi di adempimento dell'e-commerce e controllare l'inventario nel miglior modo possibile in un periodo di scarsità dell'offerta.

L'indagine, condotta da Peerless Research Group (PRG) per conto di Logistics Management e Modern Materials Handling, chiede informazioni sui fattori operativi dei centri di distribuzione e dei magazzini, come la dimensione della rete di centri di distribuzione, il numero di dipendenti, i giri di inventario annuali medi, l'uso di manodopera temporanea, le strategie per affrontare i picchi di domanda e altre sfide come trovare e mantenere la manodopera. Quest'anno, l'indagine ha ottenuto 144 risposte qualificate da professionisti della logistica e delle operazioni di magazzino in diversi settori verticali.

Tutti hanno parlato di tendenze della catena di approvvigionamento come la carenza di microchip.

I risultati sui budget per i sistemi di magazzino e la tecnologia sono aumentati significativamente.

Percentuali più alte di intervistati (rispetto all'anno scorso) progettano di espandersi in aree come più dipendenti, edifici e metratura.

Tuttavia, siamo lontani dal crogiolarci nella normale modalità di crescita perché le sfide della pandemia rimangono con noi. I giri d'inventario, che negli ultimi anni avevano registrato una tendenza al rialzo, sono in calo, probabilmente a causa delle interruzioni dell'approvvigionamento e della decisione di immagazzinare più scorte come strategia aziendale. L'incapacità di trovare e trattenere la manodopera, sempre una delle principali sfide del sondaggio, quest'anno è cresciuta ancora più velocemente come principale preoccupazione.

Ci sono stati anche alcuni risultati inaspettati, come una maggiore dipendenza dai processi manuali e basati sulla carta; ma nel complesso, coloro che sono coinvolti nelle operazioni dei centri di distribuzione stanno pianificando di rispondere alla perturbazione applicando più automazione mentre mettono a punto i loro processi.

Una maggiore disponibilità ad adottare l'automazione fa parte della risposta dell'industria alla perturbazione: le sfide sono formidabili, mentre i dati indicano un maggiore uso dell'automazione.

Spostamenti operativi

Prima di entrare nei risultati relativi alle strutture e alla forza lavoro, è notevole che la marcia verso un maggior numero di e-commerce si riflette ancora una volta nel sondaggio, perché i canali più serviti sono e-commerce, omni-channel e, per il secondo anno consecutivo, micro-fulfillment.

Il commercio all'ingrosso rimane il canale più comune, sostenuto dal 51% quest'anno, in calo dal 62% dell'anno scorso. La vendita al dettaglio come canale è stata nominata dal 45%, in aumento rispetto al 37% dell'anno scorso. Il 37% ha nominato l'e-commerce come canale quest'anno, in aumento solo del 2% rispetto all'anno scorso, ma il 40% ha detto di avere responsabilità omni-channel, in aumento del 10% rispetto all'anno scorso e il livello più alto degli ultimi quattro anni. Inoltre, il 20% fa parte di aziende coinvolte nel micro-fulfillment del ritiro dei clienti, e il 17% ha spuntato il micro-fulfillment con la consegna ai clienti.

La natura delle operazioni in entrata e in uscita degli intervistati continua a cambiare in modi coerenti con l'e-commerce. Per quanto riguarda l'inbound, il 17% quest'anno ha detto che ha a che fare con casse e split case, rispetto all'8% dell'anno scorso. Il full-pallet è cresciuto solo dell'1% rispetto all'anno scorso, ma l'aumento dei casi e degli split case in entrata può indicare che più centri di distribuzione stanno vedendo i resi dell'e-commerce e i rifornimenti più piccoli come parte dei cambiamenti dell'adempimento dell'e-commerce.

I normali flussi della catena di approvvigionamento rimangono significativamente interrotti, il che ovviamente ha un impatto sulle operazioni dei centri di distribuzione. Per quanto riguarda il problema della disponibilità di manodopera, era già un problema negli ultimi anni, e ora sta accelerando. Tutte queste macro tendenze stanno motivando i leader aziendali a meccanizzare o automatizzare più processi, perché sanno che non possono contare su un numero sufficiente di persone nell'edificio per gestire un'operazione in gran parte manuale.

Sul lato in uscita, i cambiamenti non sono stati drammatici, anche se quest'anno solo l'8% spedisce solo pallet completi, in calo rispetto al 14% dell'anno scorso. Inoltre, la metà degli intervistati quest'anno ha detto di fare spedizioni su pallet completi e split case, rispetto al 44% dell'anno scorso.

In merito all'utilizzo dello spazio e l'area più congestionata in un magazzino, un altro cambiamento notevole quest'anno è che il 24% ha nominato la ricezione, rispetto al 18% dell'anno scorso. L'area di elaborazione dell'e-commerce è stata nominata solo dal 4%, in calo dell'1% rispetto al 2020, mentre lo stoccaggio, al 29% quest'anno, era il 5% più trafficato rispetto ai risultati del 2020.

Il passaggio a una maggiore complessità sul lato inbound è qualcosa che si vede tra i clienti, dato che più operazioni stanno affrontando un'impennata dell'e-commerce. Le preoccupazioni sull'e-commerce sono reali. Sta crescendo e sta capovolgendo il copione per alcune aziende le cui strutture sono state progettate per ordini all'ingrosso o al dettaglio. Alcune aziende sono riuscite ad inserire i processi dell'e-commerce, ma ora questo sta guidando tutto, dal design delle strutture agli investimenti in tecnologia, solo per essere in grado di gestire tutta questa crescita dell'e-commerce.

Quando è stato chiesto come vengono soddisfatti i canali multipli, la strategia più comune rimane l'auto-distribuzione da un centro di distribuzione principale, nominato dal 41% e in aumento rispetto al 37% dello scorso anno. L'anno scorso, l'autodistribuzione da centri di distribuzione separati per diversi canali ha visto un grande guadagno (al 36%), ma quest'anno è sceso di nuovo al 21%. Mentre c'è stato un leggero calo in coloro che hanno detto di usare un 3PL per tutti i canali, l'11% usa un 3PL per l'e-commerce, dal 3% del 2020.

In termini di metri quadri totali nella rete dei DC, la metratura media è stata di 570.395, in leggero calo rispetto alla media dell'anno scorso di 609.325 metri quadri. Il grande cambiamento di quest'anno è stato che solo il 13% ha detto che la metratura totale della rete era compresa tra 500.000 e 999.999 piedi quadrati, mentre l'anno scorso il 27% aveva detto così.

Quando è stata chiesta la metratura più comune nella rete, la media complessiva è scesa da 191.670 piedi quadrati l'anno scorso a 157.650 quest'anno. Tuttavia, la metratura media era in aumento per quelli con quattro o più DC - da 452.940 piedi quadrati l'anno scorso a 535.550 piedi quadrati quest'anno. Può essere che piuttosto che una tendenza definitiva verso edifici più piccoli per tutti, sembra essere una tendenza verso operazioni più grandi che hanno bisogno di edifici più grandi, anche se alcune aziende possono aprire alcuni siti più piccoli per ottenere merci posizionate più vicino ai clienti.

I risultati sul numero di edifici nella rete DC sono rimasti abbastanza stabili rispetto all'anno scorso. Quest'anno, il 43% ha più di tre edifici, solo il 3% in meno dell'anno scorso, mentre il 15% ha due edifici, in aumento del 4% rispetto al 2020. Tra quelli con più di tre edifici, la percentuale che ha sei o più nodi è stata del 28% quest'anno, in calo del 2% dal 2020.

I risultati sulle altezze libere degli edifici sono rimasti abbastanza uniformi. Quest'anno, l'altezza media libera, date le gamme presentate, è stata di 31,1 piedi, appena inferiore ai 32 piedi dell'anno scorso, e pari a quella del 2019. C'è stato un aumento del modello in quelli che riportano altezze libere nella gamma da 40 piedi a 49 piedi, ma una diminuzione del 10% in quelli con DC nella gamma da 30 piedi a 39 piedi.

Problemi di inventario

La tendenza a tenere le scorte a livelli più alti per proteggersi dalle interruzioni dell'approvvigionamento è probabilmente in gioco con i risultati del sondaggio sui turni di inventario.

Quest'anno, la media annuale è stata di 7,0, in calo rispetto agli 8,2 dello scorso anno e agli 8,9 del 2018. "A causa di queste interruzioni di fornitura, che molti ritengono continueranno nel 2022, stiamo assistendo a un allontanamento dalle strategie di inventario just-in-time, a un approccio che si potrebbe definire 'just-in-case.

La scoperta sul numero medio di SKU è scesa un po' quest'anno, dopo essere cresciuta l'anno scorso. Quest'anno, la media è stata di 9.376 SKU, in calo rispetto ai 12.922 del 2020. Ancora una volta, si tratta di un diverso insieme di intervistati tratti dalla base dei lettori, ma questo declino va contro la nozione di una "lunga coda" di inventario per soddisfare le esigenze degli acquirenti di e-commerce.

Un fattore che contribuisce, spiega Saenz, è che l'interruzione dell'approvvigionamento in corso ha fatto sì che molte operazioni si concentrino su un numero più piccolo di SKU che rappresentano i loro fastest movers. Sarà interessante, nei prossimi due anni, sapere se la tendenza verso un minor numero di SKU è reale o se si tratta di una tendenza a breve termine che non rimarrà tale una volta che queste interruzioni della catena di approvvigionamento si saranno stabilizzate.

Uno dei risultati più incoraggianti riguarda i piani di espansione. Quest'anno, l'82% ha dichiarato di pianificare un'espansione di qualche tipo (come SKU, dipendenti, metri quadri, ecc.), in aumento rispetto all'80% dell'anno scorso e il numero più alto degli ultimi quattro anni. Quest'anno, il 35% ha detto che prevede un aumento della superficie nei prossimi 12 mesi, l'11% in più rispetto all'anno scorso.

Sono aumentati anche i piani per più edifici - il 35% quest'anno contro il 17% nel 2020 - e un aumento del 5% di coloro che hanno detto che prevedono di aumentare il numero di dipendenti.

Tuttavia, c'è stato un calo di quasi il 20% in coloro che hanno detto che avrebbero aumentato il numero di SKU, e un calo del 9% in coloro che si aspettano un aumento dei giri d'inventario. La storia qui potrebbe essere che molti intervistati sanno di aver bisogno di più spazio e persone per soddisfare gli ordini dei clienti, ma ci sono preoccupazioni persistenti circa l'interruzione della fornitura.

La disponibilità di manodopera rimane la più grande preoccupazione operativa, anche se il numero di dipendenti nel DC principale è cresciuto significativamente quest'anno nel sondaggio, probabilmente legato al crescente lavoro di adempimento dell'e-commerce, che è ad alta intensità di lavoro senza automazione. Per il 2021 quella media è salita a 150 dipendenti da 125 persone l'anno scorso. Quest'anno, il 24% ha da 50 a 99 dipendenti nel DC principale, e un 8% combinato ha 500 o più persone nel sito principale.

Anche il picco di utilizzo del magazzino è cresciuto, in media, dall'81,7% nel 2020, all'85,4% nel 2021. Quest'anno, il 65% degli intervistati, quasi due terzi, riferisce un utilizzo dell'85% o superiore.

L’indagine ha anche rilevato che, in media, più operazioni stanno utilizzando una percentuale maggiore di manodopera temporanea durante i periodi di picco del volume. La media di quest'anno è del 18,3% della forza lavoro temporanea, rispetto al 15,3% dell'anno scorso. Quest'anno, il 25% degli intervistati afferma che durante i periodi di picco, la percentuale di manodopera temporanea è del 30% o superiore.

L'adempimento dell'e-commerce è generalmente più intensivo di manodopera rispetto all'adempimento all'ingrosso o al dettaglio, con più manipolazione di ciascuno. Quando è stato chiesto che tipo di intervalli di crescita gli intervistati hanno visto per l'e-commerce, un terzo ha detto che la crescita è stata sotto il 10%, ma il 21% ha detto che è stata tra il 20% e il 29%, il 12% dice che la crescita è stata tra il 30% e il 39%, e un 14% combinato la classifica come 40% o superiore.

Le misure COVID rimangono in vigore

Sono state chieste di nuovo informazioni sulle misure di salute e sicurezza nelle sedi alla luce della pandemia in corso, ed è stato scoperto che misure come l'uso di maschere e la distanza sociale rimangono in uso diffuso nel 2021. Per esempio, l'82% dice di indossare maschere e il 76% pratica una certa distanza sociale in certe aree. Inoltre, il 36% afferma di avere intenzione di continuare le pratiche di salute e sicurezza COVID, e il 59% ha detto che misure parziali o selezionate rimarranno in vigore. (USA)

Per il secondo anno consecutivo, sono state anche chieste informazioni sulle azioni intraprese da marzo 2020 per adeguare le operazioni alla luce delle condizioni pandemiche. Quest'anno, l'aggiustamento più frequentemente citato (57%) è stato quello di migliorare i processi di magazzino, seguito dall'aumento dei salari per attrarre e trattenere il personale - quest'anno il 48%, contro il 42% dell'anno scorso. Quest'anno, il 42% ha nominato la tecnologia dell'informazione del magazzino (IT) e il software come area di aggiustamento, rispetto al 21% dell'anno scorso.

Probabilmente a causa del numero di incendi, uragani e altri gravi eventi atmosferici visti nel 2021, quest'anno il 36% ha detto di aver sperimentato un evento catastrofico negli ultimi due anni, rispetto al 23% dell'anno scorso.

Il sondaggio annuale tradizionalmente chiede sempre informazioni sulle azioni intraprese per ridurre i costi operativi. Per il 2021, il sondaggio ha rilevato che il 92% ha intrapreso qualche forma di azione per ridurre i costi, in calo rispetto al 98% dello scorso anno.

Tra le azioni più specifiche intraprese per abbassare i costi, il 66% sta migliorando i processi di magazzino, che è stata la risposta principale. Quest'anno, il 39% sta migliorando l'IT e il software del magazzino, con un aumento del 4%, mentre il miglioramento del controllo dell'inventario è stato citato come azione per abbassare i costi dal 55%, in netto calo rispetto al 69% dell'anno scorso.

Capex in crescita

Forse il principale punto luminoso dell'indagine di quest'anno sono i risultati relativi alle operazioni di spese in conto capitale (capex), così come il forte interesse per i sistemi e la tecnologia di movimentazione dei materiali. Le aziende possono essere in difficoltà, ma almeno c'è un budget da applicare alle loro sfide.

Il budget medio di capex per attrezzature e tecnologia ha raggiunto 1,64 milioni di dollari per il 2021, in aumento rispetto a 1,45 milioni di dollari nel 2020. Anche il capex mediano è aumentato, da 305.555 dollari l'anno scorso a 375.00 dollari quest'anno. Sono stati chiesti intervalli di budget, e quest'anno c'è stata una percentuale maggiore di intervistati con budget più grandi. Il 33% ha budget superiori a 1 milione di dollari, rispetto al 25% dell'anno scorso.

Come menzionato, in termini di azioni per abbassare i costi, c'è stato un 4% di aumento dell'attenzione sull'uso dell'IT e del software del magazzino. L'aggiunta di apparecchiature di automazione ai processi è stata citata dal 19% quest'anno, in calo rispetto al 25% del 2020.

Nel frattempo, l'83% riferisce di utilizzare un sistema di gestione del magazzino (WMS) di qualche tipo, in leggero calo rispetto al livello dell'85% per l'uso di un WMS visto nel 2019 e nel 2020. Il tipo di WMS più frequentemente citato è un modulo WMS di un sistema di pianificazione delle risorse aziendali (ERP), seguito da un WMS legacy o sviluppato in-house, seguito da un WMS best of breed.

Quando è stato chiesto dei sistemi di movimentazione dei materiali attualmente in uso, ci sono stati altri segni di una maggiore adozione della tecnologia. Per esempio, l'uso di robotici/bracci articolati ha raggiunto il 12% quest'anno (dal 9% dell'anno scorso), mentre l'uso di veicoli guidati automatizzati (AGV) e robot mobili autonomi (AMR) ha raggiunto il 9%, dal 6% dell'anno scorso.

Ci sono stati alcuni risultati contrari a una più rapida adozione della tecnologia, come l'aumento del picking su carta, salito al 59% quest'anno dal 46% dell'anno scorso. L'uso dei sistemi a comando vocale è salito quest'anno del 2% per raggiungere il 9%. Allo stesso modo, alla domanda sui metodi di raccolta dei dati utilizzati per valutare la produttività, c'è stato un aumento della raccolta manuale dei dati - al 59% quest'anno dal 43% dell'anno scorso.

Mentre i risultati di un anno sugli approcci basati sulla carta sono difficili da legare ad una ragione, a parte un diverso insieme di intervistati, può essere che le insolite carenze di approvvigionamento e i rapidi aggiustamenti dei flussi di lavoro del magazzino o dei mix di SKU sperimentati dalle operazioni durante questo secondo anno della pandemia possano aver contribuito ad un maggiore uso di sistemi basati sulla carta o di raccolta dati.

Quando è stato chiesto delle metriche di produttività in uso, l'88% ha detto di usare qualche tipo di metrica, con un aumento dell'1% rispetto al 2020. In termini di tipo di metriche utilizzate, la percentuale di uno standard ingegnerizzato è scesa bruscamente all'11% dal 22% dello scorso anno. Tuttavia, le unità/pezzi all'ora come metrica sono salite al 41% dal 30% del 2020, e anche le linee all'ora e le casse all'ora come metriche hanno avuto un modesto aumento percentuale.

L'adozione della tecnologia supporta e si lega anche a certe tecniche di riempimento degli ordini, come il batch picking, il wave picking e l'uso di sistemi put wall. E’ stato scoperto che i put-wall, che tipicamente sono guidati dal software e diretti dalla luce, sono in uso dall'8%, mentre il batch picking è usato dal 40% quest'anno, quasi alla pari con il 41% dell'anno scorso.

Bisogna aspettarsi un maggiore uso di metodi di riempimento degli ordini basati sulla tecnologia, come il batch picking o i put wall, man mano che aumenta la percentuale di lavoro di adempimento dell'e-commerce, e una diminuzione del prelievo di ordini in linea retta. Non c'è modo di gestire l'adempimento dell'e-commerce in modo efficiente senza la tecnologia e le capacità di prelievo per lotti.

La manodopera è in cima alle preoccupazioni

Negli ultimi quattro anni, l'incapacità di attrarre e mantenere una forza lavoro oraria qualificata era già il problema del settore più frequentemente citato che aveva un impatto sui centri di distribuzione. Quest'anno, lo è stato ancora di più, con il 59% che l'ha indicata come la principale preoccupazione, rispetto al 53% dell'anno scorso, e la più alta degli ultimi quattro anni.

Altri tre problemi hanno raggiunto il 36% come seconda preoccupazione più frequentemente citata nel 2021: spazio insufficiente; attrarre e mantenere manager qualificati, e attrezzature obsolete per lo stoccaggio e la movimentazione dei materiali, con un aumento abbastanza significativo del 7%.

Sottolineando la preoccupazione per la manodopera è che quando è stato chiesto l'uso del WMS, è stato anche chiesto del software correlato, compresa la gestione/pianificazione del lavoro (LMS). Quest'anno, l'8% riferisce l'uso di LMS, dal 4% nel 2020, anche se non così alto come i due anni precedenti.

Per il secondo anno consecutivo, è stato chiesto se le sfide legate all'aumento dell'e-commerce costituissero un importante problema operativo. Quest'anno, il 33% ha concordato che fosse una preoccupazione importante, in calo rispetto al 37% dell'anno scorso. Una tendenza positiva è che quest'anno, solo l'8% ha citato la mancanza di supporto da parte del management superiore come problema principale, in calo rispetto al 12% del 2020 e al 15% che si sentiva così nel 2018.

L'automazione come risposta

Nel complesso, il sondaggio del 2021 mostra che magazzini e DC tendono ad avere budget di capex più grandi e un sano interesse per la tecnologia, ma affrontano grandi tensioni quando si tratta di trovare e mantenere la manodopera, giri di inventario più lenti, e più intervistati con un problema di capacità dello spazio durante i periodi di punta.

Un maggiore dispiegamento di tecnologia potrebbe essere la risposta, anche se di solito c'è anche qualche frutto a basso costo con layout o miglioramenti di processo che potrebbero aiutare quelli senza budget in crescita.

Gli attuali punti dolenti hanno portato ad alcune ironie, come le operazioni che mantengono i lavoratori temporanei nel personale anche quando non ne hanno assolutamente bisogno al momento, perché ottenere più manodopera nell'edificio quando serve non è una scommessa sicura, quindi è visto come meno rischioso per la redditività operativa tenerli.

In questo clima, c'è da aspettarsi un maggiore uso dell'automazione per aiutare con un throughput affidabile e ridurre la dipendenza dai processi manuali. I segni di un'adozione tecnologica più rapida si riflettono in risultati come i livelli di capex più alti,  ma lo si vede anche nelle interazioni con i clienti.

Non c'è mai stato un momento in cui così tanta automazione e diverse tecnologie di magazzino sono state valutate in ognuno dei progetti  e in settori che non si penserebbe come quelli che impiegano pesantemente la tecnologia. In passato, la gente parlava dei benefici potenziali di una maggiore automazione, ma ora più aziende la stanno considerando con forza. Tutto ciò è legato alle sfide intorno al lavoro e alla crescita dell'e-commerce.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi