About

Consulting, System Integration,
Solution Providing, Products, Services.

Multimac implementa le migliori tecnologie di tracciabilità e visibilità all’interno dei flussi delle catene di approvvigionamento.
Mobile Computing per rendere informate le risorse umane in tempo reale, Cloud Labelling per la creazione del dato digitale su etichetta ovunque ci si trovi, Data Capture per l’acquisizione dati digitale in ogni nodo della Supply Chain, RFID per la migliore visibilità in tempo reale di prodotti e asset, Real Time Locating System per visualizzare in tempo reale gli spostamenti, Data Intelligence per la migliore gestione dei flussi attraverso lo studio dei dati acquisiti.

Contatti

Email: info@multimac.it
Numero Verde: 800 593 293

Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Telefono: +39 049 713 267
Fax: +39 049 713 582
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

29 novembre 2023

Industry 4.0/5.0 e Digital Supply Chain: mitigare le interruzioni, ottimizzare i livelli di inventario, migliorare i tempi di consegna, ridurre i costi e ottenere una visibilità end-to-end.

La produzione e la gestione della catena di fornitura sono in un'epoca di trasformazione. I progressi della tecnologia, in particolare nel contesto della trasformazione digitale e dell'industria 4.0/5.0, cambieranno il panorama dell'industria e della logistica. Le catene di fornitura globali, compresi tutti gli attori come venditori, produttori, rivenditori e clienti, fanno parte di questa trasformazione digitale. Ciò comporterà nuove scoperte in termini di produttività, prestazioni di consegna e modalità di gestione degli ecosistemi della supply chain. L'uso di queste nuove tecnologie - robot autonomi, intelligenza artificiale, blockchain, gemelli digitali e VR/AR per migliorare la produttività e l'efficienza - trasformerà il modo in cui la produzione, i magazzini e i centri di distribuzione operano.

Globalizzazione, regionalizzazione, insourcing, outsourcing, offshoring o nearshoring? La ricerca della giusta strategia per la gestione della supply chain di oggi e del futuro è come la ricerca del Santo Graal in molte aziende al giorno d'oggi. Il mondo VUCA è diventato una sfida negli ultimi anni. Le interruzioni della supply chain innescate da crisi, guerre, pandemie, inflazione, stagflazione, guerre commerciali, carenza di materie prime, prezzi elevati dei noli e carenza di manodopera qualificata sono i temi attualmente onnipresenti in tutte le aziende, spesso definiti come il New Normal da gestire quando i tempi burrascosi saranno passati. Ma cos'è il new normal nella gestione della supply chain?

La risposta è abbastanza semplice, ma con un certo livello di complessità. Non esiste una "nuova normalità" nel senso di un nuovo status quo. Piuttosto, le aziende e le loro catene di approvvigionamento devono essere preparate al fatto che le interruzioni della catena di approvvigionamento causate da cambiamenti economici, politici e tecnologici continueranno ad essere all'ordine del giorno anche in futuro. "Le interruzioni della supply chain sono costanti e di grande impatto. Le interruzioni della supply chain sono onnipresenti e imprevedibili allo stesso tempo. La domanda a cui bisogna rispondere è: Siamo in grado di mitigare la prossima interruzione della catena di approvvigionamento globale che ci si presenterà?". Essere in grado di gestire questi cambiamenti nell'economia globale, compresi i rischi e le sfide associate, è diventata una competenza fondamentale per una gestione competitiva della supply chain. Indubbiamente, si tratta di una sfida importante per tutte le aziende, soprattutto se operano a livello globale. Di conseguenza, i concetti e i progetti di supply chain esistenti devono essere rivalutati e ridefiniti.

La futura strategia vincente della supply chain richiede nuovi punti di forza e competenze come la gestione del rischio della supply chain, la resilienza, la sostenibilità e l'agilità. Ma questo non basta. È ora di abbracciare la gestione digitale della supply chain. Le tecnologie digitali, come l'intelligenza artificiale, l'apprendimento automatico e l'Internet degli oggetti (IoT), stanno cambiando il modo in cui operano le catene di fornitura, aumentando la visibilità, l'agilità e l'efficienza. Le tecnologie chiave dell'Industria 4.0 e le nuove fondamenta dell’Industria 5.0 stanno portando a un cambiamento di paradigma nell'industria e nella gestione della supply chain. Le reti digitali della supply chain e le fabbriche intelligenti definiranno nuovi standard.

LE TECNOLOGIE DELLA CATENA DI FORNITURA DIGITALE SONO FONDAMENTALI PER PROGETTARE LA CATENA DI FORNITURA DEL FUTURO

L'evoluzione dall'attuale catena di fornitura lineare a un ecosistema di catena di fornitura dinamico e in rete giustifica l'adozione dell'industria 4.0/5.0 e delle tecnologie digitali della catena di fornitura come base per la catena di fornitura digitale del futuro. La potenza di questi ecosistemi di filiera deriva dal fatto che tutte le iniziative di miglioramento si concentreranno sull'intera rete di filiera e produrranno risultati (riduzione dei costi, delle scorte, del livello di servizio) per tutti gli stakeholder e i processi coinvolti. Questa può essere chiamata anche "rete digitale della supply chain", dove un nucleo digitale crea ´connettività tra gli anelli tradizionalmente non collegati della supply chain´, creando un collegamento tra i processi e le attività di pianificazione sincronizzata, cliente connesso, fabbrica intelligente e adempimento dinamico. Il tradizionale modello SCOR di plan-source-make-deliver non sarà più sufficiente per la complessa e interconnessa supply chain del futuro. Di conseguenza, il modello SCOR rimane un modello di riferimento, ma non è certo un progetto per il futuro. Le torri di controllo digitali dovrebbero svolgere un ruolo significativo in questo futuro di gestione digitale della supply chain. Esse forniscono una visione centralizzata e in tempo reale della catena di fornitura e consentono alle aziende di prendere decisioni più informate e agili.

Le torri di controllo digitali possono raccogliere dati da più fonti, come fornitori, fornitori di logistica e sistemi di trasporto, e utilizzare analisi avanzate e apprendimento automatico per fornire informazioni sulle prestazioni della catena di fornitura. In generale, con le torri di controllo digitali, le aziende possono anticipare e mitigare le interruzioni, ottimizzare i livelli di inventario, migliorare i tempi di consegna, ridurre i costi e ottenere una visibilità end-to-end della supply chain.

La fabbrica intelligente sarà caratterizzata da interazioni robot-robot e uomo-robot abilitate da sistemi cyber-fisici (CPS) connessi, che porteranno infine a un processo di produzione autonomo e auto-ottimizzato. Integrando i concetti, i metodi e le tecnologie dell'Industria 4.0/5.0 e della gestione LEAN, possiamo stabilire un nuovo standard di eccellenza operativa per l'Industria. Nell'attuale mondo interconnesso e guidato dai dati, è fondamentale che le aziende collaborino e sfruttino gli strumenti digitali per ottimizzare le loro catene di fornitura e ottenere un vantaggio competitivo. Le tecnologie digitali per la supply chain sono senza dubbio il fondamento della supply chain del futuro.

Siete interessati a ottimizzare le operazioni della vostra supply chain con tecnologie, sistemi e processi all'avanguardia? Se sì, è arrivato il momento di abbracciare la gestione digitale della supply chain. Il primo passo da compiere è quello di capire di cosa trattano queste mega-tendenze e tecnologie. Quali sono le tecnologie da privilegiare per aggiornare le operazioni della supply chain? E quando si dovrebbe iniziare a investire in esse?

Per aggiornare le operazioni della supply chain verso processi all'avanguardia, le aziende devono adottare le tecnologie più recenti e più rilevanti per il loro settore e modello di business. Vale la pena notare che il tempo è fondamentale, poiché una ricerca del 2020 indica che il 50% delle aziende di vari settori, tra cui la vendita al dettaglio, la produzione e la logistica, prevede di investire nelle tecnologie più recenti per migliorare le operazioni della supply chain entro il 2023 (The Future of Supply Chain Automation - Neufeld, Dorothy, 2020). Gli investimenti previsti in questo periodo sono classificati come segue: automazione del magazzino (55%), analisi predittiva (47%), IoT (41%), logistica in cloud (25%), intelligenza artificiale (20%), blockchain (18%), veicoli autonomi (16%), apprendimento automatico (16%), robot per l'adempimento (11%) e stampa 3D (10%).

È evidente che il tempo non è dalla vostra parte. Non investire adeguatamente nelle tecnologie digitali può mettere la vostra azienda in una posizione di svantaggio competitivo nel vostro settore. D'altra parte, è evidente che le cose sono cambiate da allora e la classifica delle tecnologie non è più la stessa, soprattutto con l'emergere dell'intelligenza artificiale e dei gemelli digitali. Questo rappresenta un "Dilemma dell'investimento tecnologico", poiché decine di sviluppi nella supply chain e nell'Industria 4.0 sono in corso e altri si profilano all'orizzonte. Adattarsi troppo presto potrebbe anche significare sprecare denaro investendo nella tecnologia sbagliata o in una tecnologia il cui livello di maturità cambierà significativamente nei prossimi anni.

Il "dilemma dell'investimento tecnologico" si riferisce alla sfida che le aziende devono affrontare per decidere come e quando investire in nuove tecnologie. Da un lato, le aziende possono essere desiderose di essere all'avanguardia e di adottare per tempo le nuove tecnologie, che potrebbero dare loro un vantaggio competitivo. D'altro canto, investire in tecnologie immature o non collaudate potrebbe essere costoso e, alla fine, non produrre i benefici attesi. Il ritmo dell'evoluzione tecnologica fa sì che ciò che oggi può sembrare un investimento promettente possa diventare rapidamente obsoleto o meno efficace nel prossimo futuro. Pertanto, le aziende devono considerare attentamente i potenziali rischi e benefici dell'investimento in nuove tecnologie e valutare la loro disponibilità ad adottarle.

Cos'altro c'è in programma per i centri di stoccaggio e distribuzione?

Va notato che il 55% delle aziende ha posto come priorità assoluta l'automazione del magazzino e l'aggiornamento delle operazioni dei centri di distribuzione con tecnologie all'avanguardia. Sebbene i metodi e i processi di distribuzione tradizionali siano stati considerati le migliori pratiche per molti anni, non saranno più adatti alle condizioni di mercato di domani. Un sondaggio condotto nel 2022 ha dimostrato che il 44% delle aziende ritiene che gli occhiali intelligenti siano la tecnologia del futuro per il processo di picking nei centri di distribuzione e nei magazzini. Nel frattempo, la tecnologia pick-by-voice è ancora rilevante con il 22% e anche i guanti intelligenti stanno guadagnando terreno con il 20%. Per quanto riguarda i magazzini e i centri di distribuzione, l'attenzione si concentra in particolare su: a) automazione delle attività ad alta intensità di lavoro e dei processi ripetitivi, b) robot mobili autonomi (AMR) per l'evasione degli ordini, c) gemelli digitali con analisi dei dati e intelligenza artificiale per migliorare l'efficienza e ottimizzare le operazioni. Va notato che gli occhiali intelligenti, la tecnologia pick-by-voice e i guanti intelligenti sono ancora in circolazione come soluzioni emergenti per il processo di picking nei centri di distribuzione e nei magazzini. È importante che le aziende inizino a pianificare gli investimenti in queste tecnologie al più presto, poiché il mercato sta diventando sempre più competitivo e dinamico. In particolare, per i magazzini e i centri di distribuzione c'è ampio spazio di manovra per sfruttare le tecnologie digitali della supply chain e costruire i modelli operativi di eccellenza distributiva di domani.

L'ASCESA DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE (AI) E DEI GEMELLI DIGITALI

La tecnologia più rilevante per l'intera supply chain è, per il momento, l'intelligenza artificiale (AI). La gestione della supply chain basata sull'intelligenza artificiale (AI) ha il potenziale per potenziare la previsione della domanda, rivoluzionare la trasparenza end-to-end e potenziare la pianificazione aziendale integrata. Il 48% delle aziende ritiene che l'Intelligenza Artificiale (AI) sia la tecnologia più importante per la supply chain digitale del futuro. Secondo il Research, Innovation and Strategy Committee (RISC) Sensing Subcommittee di ASCM, l'AI e l'apprendimento automatico (ML) sono tra le 10 tendenze della supply chain da tenere d'occhio. "Sono fondamentali per integrare persone, processi e sistemi in un'ampia gamma di ambienti operativi", si legge nella ricerca. "L'evoluzione tecnologica verso l'industria 5.0, che prevede un approccio più collaborativo e partnership tra uomini e robot, avrà un impatto significativo sulle funzioni della supply chain come la pianificazione, la gestione della domanda e l'adempimento". Ricerche e analisi condotte dal settore della consulenza hanno concluso che i primi adattatori migliorano i costi logistici del 15%, i livelli di inventario del 35% e i livelli di servizio del 65%".

Un'altra tecnologia che tutti i responsabili della supply chain dovrebbero tenere sotto controllo è il Digital Twins. Di cosa si tratta questa tecnologia? I gemelli digitali vengono utilizzati per simulare e ottimizzare le prestazioni di oggetti e sistemi del mondo reale, consentendo alle aziende di migliorare l'efficienza, ridurre i costi e migliorare la qualità. Possono essere utilizzati per ottimizzare i processi produttivi, prevedendo i guasti alle macchine prima che si verifichino e identificando le aree da migliorare. Possono anche essere utilizzati per simulare scenari di supply chain, aiutando le aziende a identificare potenziali colli di bottiglia e a ottimizzare i livelli di inventario. La combinazione dei gemelli digitali con l'intelligenza artificiale (AI) sarà l'ultima porta aperta per il futuro dei processi di pianificazione della supply chain.

Nel prossimo futuro, i gemelli digitali giocheranno probabilmente un ruolo ancora più importante nella supply chain e nella produzione. Con l'avvento dell'Industria 4.0/5.0 e dell'Internet delle cose (IoT), sempre più oggetti e sistemi saranno connessi a Internet, generando grandi quantità di dati. I gemelli digitali saranno utilizzati per elaborare e analizzare questi dati, consentendo alle aziende di ottimizzare le operazioni in tempo reale. Un'area in cui i gemelli digitali avranno probabilmente un impatto significativo è la progettazione e lo sviluppo di nuovi prodotti. Creando un gemello digitale di un prodotto prima che venga fisicamente fabbricato, le aziende possono identificare potenziali problemi e ottimizzare il progetto, riducendo i tempi di commercializzazione e migliorando la qualità.

Un altro flusso in cui i gemelli digitali vengono utilizzati in misura maggiore è la gestione del rischio della catena di approvvigionamento. Simulando diversi scenari, le aziende possono identificare i rischi potenziali e sviluppare piani di emergenza, riducendo l'impatto delle interruzioni sulla catena di fornitura. Questo crea grandi opportunità per portare la gestione del rischio della supply chain a un livello superiore.

In definitiva, i gemelli digitali e l'IA sono dei veri e propri cambiamenti per la supply chain e l'industria manifatturiera.

SVILUPPARE UNA VISIONE E UNA TABELLA DI MARCIA

Cosa serve per andare avanti? Tutto inizia con lo sviluppo di una visione e di una roadmap per l'industria 4.0/5.0 e la catena di fornitura digitale allineata con gli obiettivi aziendali. Lo sviluppo della visione e della roadmap per l'Industria 4.0/5.0 e la supply chain digitale richiede un approccio olistico che tenga conto degli obiettivi aziendali, della preparazione organizzativa, delle soluzioni tecnologiche, dei processi, del piano di gestione del cambiamento e del monitoraggio e dell'ottimizzazione continui.

Esistono diversi modelli di maturità dell'Industria 4.0 disponibili sul mercato. Concetti molto efficaci, soprattutto per il settore manifatturiero, sono l'"Industry 4.0 Maturity Index", basato sullo studio di acatach (2017), e lo "Smart Industry Readiness Index (SIRI)", sviluppato dal Singapore Economic Development Board (EDB).

L'Indice di Maturità dell'Industria 4.0 considera i quattro campi di progettazione delle risorse, dei sistemi informativi, della struttura organizzativa e della cultura e aggiunge valore con l'approccio strutturato alla creazione di roadmap sistematiche con le fasi: 1) definizione dell'ambito e avvio, 2) analisi dello status-quo, 3) sviluppo della roadmap e 4) scalabilità e implementazione. Inoltre, l'Industry 4.0 Maturity Index fornisce sei livelli di maturità (informatizzazione, connettività, visibilità, trasparenza, prevedibilità, adattabilità), che si basano sullo sviluppo di un'azienda ideale dell'Industria 4.0.

Lo Smart Industry Readiness Index (SIRI) considera i tre elementi fondamentali di processo (operazioni, catena di fornitura, ciclo di vita del prodotto), tecnologia (automazione, connettività, intelligenza) e organizzazione (preparazione dei talenti, struttura e gestione). Gli elementi fondamentali sono costituiti da pilastri e dimensioni da valutare per generare la valutazione della prontezza all'Industria 4.0.

UNA ROADMAP PER L'INDUSTRIA 4.0/5.0 E LA FORNITURA DIGITALE COMPRENDE TIPICAMENTE I SEGUENTI ELEMENTI:

Dichiarazione di visione: Una dichiarazione chiara e concisa che illustra lo stato futuro dell'organizzazione con l'Industria 4.0/5.0 e la catena di fornitura digitale pienamente integrate nella strategia aziendale.

Obiettivi: Il primo passo per la creazione di una roadmap per l'Industria 4.0/5.0 è la definizione di obiettivi chiari che siano in linea con la strategia generale dell'organizzazione. Ciò include l'identificazione di risultati aziendali specifici che l'organizzazione intende raggiungere attraverso l'Industria 4.0/5.0, come la riduzione dei costi, il miglioramento dell'efficienza o il miglioramento dell'esperienza del cliente e dei collaboratori.

Valutazione della maturità: Prima di intraprendere un percorso di trasformazione digitale, è importante valutare la maturità dell'organizzazione per l'Industria 4.0/5.0 e la supply chain digitale. Ciò include la valutazione dell'infrastruttura tecnologica attuale, delle competenze e delle capacità della forza lavoro e della cultura organizzativa. Questo è essenziale per identificare lo stato attuale, individuare le lacune e le aree che richiedono un miglioramento.

Valutazione della tecnologia: Sulla base degli obiettivi e della valutazione della maturità, il passo successivo consiste nel valutare le soluzioni tecnologiche che possono contribuire a raggiungere i risultati prefissati. Tra queste potrebbero esserci tecnologie come i gemelli digitali, l'intelligenza artificiale, i sensori IoT, il cloud computing e la robotica.

Priorità e roadmap: Una volta effettuata la valutazione della maturità e identificate le soluzioni tecnologiche, il passo successivo consiste nel definire le priorità in base all'impatto e alla fattibilità. Viene quindi sviluppata una roadmap che delinea la sequenza delle iniziative e le relative tempistiche. La roadmap, nel migliore dei modi, è un piano completo che affronta tutti gli elementi rilevanti: tecnologia, persone, processi e cultura organizzativa.

Gestione del cambiamento: L'implementazione dell'Industria 4.0/5.0 richiede un significativo cambiamento culturale nell'organizzazione. Viene sviluppato un piano di gestione del cambiamento per garantire che la forza lavoro sia preparata ai cambiamenti e sia in grado di adattarsi alle nuove modalità di lavoro.

Governance e gestione degli stakeholder: Viene sviluppato un piano di governance e di gestione degli stakeholder per garantire che le iniziative siano allineate con la strategia generale dell'organizzazione e che tutti gli stakeholder siano coinvolti e informati durante il processo. Ciò include l'identificazione di ruoli e responsabilità, la definizione di protocolli di comunicazione e la creazione di un ciclo di feedback per incorporare i commenti delle parti interessate.

Indipendentemente da quale tecnologia, tendenza o roadmap sarà più influente nei prossimi anni, l'adozione della tecnologia e lo sviluppo organizzativo aggiorneranno l'azienda per rimanere all'avanguardia. Per rimanere competitivi nell'attuale panorama commerciale in rapida evoluzione, le aziende devono abbracciare la gestione digitale della supply chain. Siete pronti a portare le vostre operazioni di supply chain al livello successivo?

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi