07 dicembre 2020

IL New Normal impone nuove sfide digitali alla logistica di produzione

I magazzini di asservimento alla produzione si stanno dimostrando bisognosi di modernizzazione in molte aziende manifatturiere. La mancanza di lavoratori qualificati e l'integrazione nei processi digitali dell'azienda sono sfide particolari. In una recente intervista realizzata da Industrial Production a Daniel Dombach, Director EMEA Industry Solutions di Zebra Technologies, si è parlato di questo.

La pandemia di Corona Virus sta ponendo grandi sfide per gli impianti di stoccaggio nella produzione industriale. Ciononostante, la maggior parte dei lavori di magazzino sono ancora eseguiti manualmente dai magazzinieri. In media, un nuovo dipendente ha bisogno di 90 giorni di formazione prima di poter essere utilizzato in modo efficiente. In Germania, e in tutta Europa, c’è anche una carenza di personale di magazzino qualificato. A causa della domanda costantemente elevata, si sta lavorando al limite. Per poter continuare ad offrire lo stesso livello di servizio in tali condizioni, non si ha altra scelta che modernizzare e digitalizzare i processi aziendali.

I flussi di lavoro manuali e i processi difatti non sono di solito così ben collegati. Senza la raccolta di dati in tempo reale, diventa sempre più difficile fare piani ragionevoli, identificare in tempo i problemi imminenti o sapere esattamente quali sono i beni a disposizione e l’inventario. Questa è attualmente una sfida enorme per molte aziende manifatturiere!

Come possono quindi le aziende manifatturiere determinare l'efficienza delle loro operazioni di magazzino e qual è il modo migliore per pianificare una modernizzazione? Nell’esperienza raccontata da Daniel Dombach, Emea Industry Solution di Zebra Technologies, il processo di modernizzazione si svolge in cinque fasi specifiche. 

Fase 1

La fase 1 è costituita da dati trasmessi dall'uomo. Le aziende utilizzano codici a barre e scanner per acquisire manualmente i dati.
Ad esempio, un lavoratore usa un carrello elevatore a forca per scaricare un camion che consegna componenti.
Scansiona il codice a barre sul pallet.

Queste informazioni vengono poi inviate al sistema di gestione del magazzino. Ciò consente ai lavoratori di svolgere il loro lavoro in modo più rapido ed efficiente.

Fase 2

Nella fase 2, vengono aggiunte nuove tecnologie come i dispositivi indossabili e la voce.
I cosiddetti wearables, cioè i dispositivi mobili che possono essere indossati sul braccio o come cintura, tengono libere le mani dei magazzinieri mentre fanno il loro lavoro.
Questo include anche la tecnologia a controllo vocale, sia per la scelta della voce che per la comunicazione interna tra di loro. 

Fase 3

Nella fase 3, questa è seguita da dati in tempo reale controllati da un sensore.
Ciò significa che le aziende ora utilizzano sensori per la raccolta dei dati, e la tecnologia RFID è la più adatta.
Quando il camion dell’esempio precedente viene scaricato, nessun lavoratore deve usare uno scanner per leggere il codice a barre a mano.
Invece, un cancello con sensori scansiona il pallet durante lo scarico e lo invia nel luogo di stoccaggio corretto.

Fase 4

Nella penultima fase entrano in gioco i sistemi di tracciamento in tempo reale.
Con questa tecnologia, le aziende possono localizzare in tempo reale l'inventario, i carrelli elevatori e altri veicoli, le merci sui pallet o i dipendenti.
I sistemi di tracciamento consentono inoltre l'impostazione automatica degli allarmi e l'implementazione di nuovi processi aziendali.

Fase 5

La fase finale è l'automazione intelligente.
I robot mobili autonomi (AMR) non sostituiranno gli esseri umani, ma lavoreranno fianco a fianco con loro.
Ciò contribuirà a ridurre in modo significativo i tempi di inattività e i tempi di viaggio associati al trasporto delle merci.
Ciò porterà ad una maggiore produttività e i dipendenti avranno più tempo per compiti più importanti che richiedono una soluzione flessibile dei problemi.

 

Grande attenzione al distanziamento sociale durante il lavoro

L’attuale pandemia  di Coronavirus sta imponendo a tutte le imprese ma in special maniere a quelle con una Supply Chain complessa una grande attenzione al rischio contagi per il pericolo di compromettere lavoratori a stretto contatto di lavoro.

MotionWorks Proximity di Zebra Technologies è una soluzione software di analisi di prossimità e di registrazione dei contatti per computer portatili. Crea prove per la tracciatura dei contatti, cruscotti o registri dei dipendenti. I dati sono legati a un ID dipendente o a un ID utente anonimo per consentire ai datori di lavoro di intervenire proteggendo al tempo stesso la privacy dei dipendenti. Questa accurata tracciatura automatica dei contatti aiuta le aziende a identificare rapidamente i dipendenti interessati in modo che possano essere testati.

Durante le normali operazioni di magazzino, la maggior parte dei dispositivi sono condivisi o scambiati con altri colleghi. È quindi molto importante che vengano disinfettati con i corretti detergenti. La soluzione Motion Works Proximity ne tiene conto e consente di vedere quando e dove i dipendenti si sono collegati ai loro dispositivi.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi