About

Consulting, System Integration,
Solution Providing, Products, Services.

Multimac implementa le migliori tecnologie di tracciabilità e visibilità all’interno dei flussi delle catene di approvvigionamento.
Mobile Computing per rendere informate le risorse umane in tempo reale, Cloud Labelling per la creazione del dato digitale su etichetta ovunque ci si trovi, Data Capture per l’acquisizione dati digitale in ogni nodo della Supply Chain, RFID per la migliore visibilità in tempo reale di prodotti e asset, Real Time Locating System per visualizzare in tempo reale gli spostamenti, Data Intelligence per la migliore gestione dei flussi attraverso lo studio dei dati acquisiti.

Contatti

Email: info@multimac.it
Numero Verde: 800 593 293

Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Telefono: +39 049 713 267
Fax: +39 049 713 582
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

21 novembre 2023

I responsabili della Supply Chain investono nell'innovazione tecnologica e nell'automazione intelligente per aumentare la resilienza e la visibilità delle scorte.

RFID, Visione e Voce alimentano il processo di Acquisizione automatica dei dati (ADC) per raggiungere il livello successivo di produttività ed efficienza della Supply Chain.

Per quanto sorprendente possa essere, un gran numero di magazzini e centri di distribuzione si affida ancora a carta e penna per identificare e tracciare l'inventario. Detto questo, un numero ancora maggiore di strutture utilizza una qualche forma di tecnologia di acquisizione automatica dei dati e ritiene di non essere ancora sufficientemente efficiente o preciso nel tracciare l'inventario. Entrambi i casi si trovano in una posizione molto simile, vista l'enfasi che oggi viene posta sui modi per rendere le operazioni di magazzino più produttive a breve termine (cioè subito) o a lungo termine (cioè nel prossimo trimestre).  

"Si tratta di accelerare il processo di gestione degli ordini", spiega Andre Luecht, responsabile della strategia globale di Zebra Technologies per trasporti, logistica e magazzino. "I responsabili delle operazioni si concentrano sulla messa a punto del processo per ottenere velocità senza sacrificare la flessibilità. Nella maggior parte dei casi, si tratta di sincronizzare le tecnologie di acquisizione automatica dei dati (ADC) con i sistemi di gestione del magazzino (WMS) che gestiscono le attività e i flussi di lavoro a terra", continua Luecht. 

A fine settembre, Zebra ha pubblicato i risultati della sua indagine globale sul warehousing. È emerso che il 73% dei responsabili delle decisioni in materia di ADC ha già avviato o intende accelerare i progetti di modernizzazione. Semplicemente, sono sotto pressione per trovare il modo di migliorare l'efficienza. Detto questo, Luecht vede un cambiamento negli investimenti che verranno effettuati in futuro. "Negli ultimi 18 mesi, le persone hanno acquistato tutti i tipi di automazione, non solo ADC, per modernizzare le loro strutture dopo lo shock iniziale di Covid", afferma Luecht. 

"Nei prossimi 12 mesi, l'enfasi sarà posta su investimenti specifici in casi d'uso specifici. I fondi per gli investimenti saranno limitati e il costo del capitale sarà elevato. Il risultato sarà una concentrazione su progetti a basso rischio. Ed è qui che ADC brilla", aggiunge Luecht. Allo stesso tempo, i responsabili delle decisioni sono meno propensi a puntare su una sola tecnologia, aggiunge Luecht. "Vogliono tecnologie multiple che riducano al minimo i rischi per il successo del sistema ADC e senza costi elevati", aggiunge. 

Dalle discussioni con lui e con altri, la voce, l'RFID e la visione sono tre tecnologie che probabilmente saranno oggetto di investimenti chiave in futuro. Avrete notato che i codici a barre non sono stati ancora menzionati. Niente panico. I codici a barre, compresi i codici QR, sono ancora la spina dorsale dell'acquisizione automatica dei dati.  

Riempire gli ordini con la voce 

"Se avete un'operazione di picking ad alta velocità, la voce merita di essere presa in considerazione", afferma Dan McCabe, direttore tecnico delle soluzioni di Peak Technologies. Lo definisce il "punto di forza" della voce. 

Un esempio è Orgill, il più grande distributore indipendente di materiali duri al mondo, con un fatturato di 3,6 miliardi di dollari. La sede di Rome, a N.Y., evade gli ordini per i propri clienti ed è anche un centro di evasione degli ordini per i rivenditori, dai ferramenta ai negozi di agraria. I dipendenti devono effettuare un prelievo almeno ogni 22 secondi. L'evasione degli ordini è gestita dal sistema vocale Jennifer, che funge da cervello, voce e motore di orchestrazione del sistema, spiega Mark McCleary, Chief Technology Officer di Lucas. La voce dirige i prelievi per un singolo ordine che può variare da 1 a 150 linee per cliente. È possibile gestire fino a quattro clienti per ogni incarico. Per quanto riguarda l'e-commerce, il processo di ottimizzazione a comando vocale, spiega McCleary, preleva contemporaneamente articoli per un massimo di 99 clienti nello stesso tote. 

I risultati sono notevoli. Viene effettuato circa un prelievo ogni 22 secondi. L'accuratezza del prelievo è del 99,6%. Una suite di software per l'ottimizzazione del magazzino coordina l'efficienza e l'accuratezza del processo di evasione. Come spiega McCleary, "la voce è uno strumento, non una magia". Secondo McCleary, la voce consiste nel "mettere i dati a portata di mano degli associati in tempo reale, in modo che possano prendere decisioni in tempo reale". 

Vale anche la pena di distinguere i sistemi vocali con limitazioni grammaticali come Jennifer dai modelli linguistici di grandi dimensioni come Siri e Alexa, che utilizzano una grande quantità di dati per addestrarli. La restrizione grammaticale significa che il tipico sistema vocale di magazzino oggi è indipendente dall'altoparlante e non richiede molto, o addirittura nessun addestramento. In altre parole, gli associati possono iniziare a utilizzare il sistema quasi immediatamente. Nel frattempo, Ryan Absil, direttore dei servizi professionali di EPG, afferma che l'ultima versione di LYDIA Voice del fornitore, la n. 9 per l'esattezza, è dotata di un motore di riconoscimento indipendente dal parlante in oltre 50 lingue. Riconosce più lingue in parallelo e in tempo reale. 

Resilienza e agilità della catena di approvvigionamento 

I responsabili delle decisioni prevedono di aumentare drasticamente l'implementazione della tecnologia dei sensori nelle strutture di magazzino entro il prossimo anno 

Absil aggiunge che non è necessario alcun addestramento vocale, soprattutto grazie a un motore di riconoscimento vocale alimentato, almeno in parte, dall'intelligenza artificiale. "Gli utenti possono selezionare la lingua di output preferita e rispondere nella lingua che preferiscono", afferma Absil. Inoltre, le lingue di input possono essere cambiate al volo, se lo si desidera, durante l'elaborazione dell'ordine. Inoltre, secondo Rishabh Singhvi, responsabile delle prevendite di EPG, gli utenti possono ora sostituire le cuffie con un gilet leggero Voice Wear.  

"Oltre alle tradizionali cuffie a mani libere e senza occhi, il nuovo gilet ergonomico rende la voce a mani libere. Si tratta di lavorare in modo più efficiente invece di lavorare di più", afferma Singhvi. 

Interesse per varie tecnologie ADC 

Con il suo sistema vocale già in funzione, Orgill sta guidando la tendenza a investire in tecnologie che spostano l'attenzione dei magazzinieri verso attività più centrate sul cliente e ad alto valore. In quest'ottica, il 69% dei partecipanti al sondaggio di Zebra ha dichiarato di aver già automatizzato i flussi di lavoro o di avere intenzione di farlo nel 2024.  

L'indagine continua spiegando che più di tre quarti dei responsabili decisionali e dei dipendenti affermano di aver bisogno di migliori strumenti di gestione dell'inventario per migliorare l'accuratezza.  

La tecnologia RFID passiva occupa i primi due posti della lista. Altri elementi sono gli scanner di posizione fissi, i sensori per le reti Internet of Things e i sistemi di visione. 

RFID in particolare 

Se non avete mai guardato l'RFID di recente, questo è il momento giusto. E molti stanno già percorrendo questa strada. "Abbiamo assistito a un aumento delle implementazioni RFID negli ultimi tempi", afferma McCabe di Peak. "Dal nostro punto di vista, le implementazioni RFID sono tutte legate alla difficoltà di trovare manodopera".  

Nel frattempo, Luecht afferma che anche le normative, dagli alimenti ai farmaci, stanno contribuendo a stimolare l'interesse per questa tecnologia. L'RFID fornisce una tracciabilità completa degli articoli lungo tutta la catena di fornitura, compresi i dati aggiuntivi necessari per soddisfare i requisiti normativi.  

Nel frattempo, Zebra ha introdotto quello che definisce un portafoglio di portali RFID facili da installare che offrono tassi di lettura migliori. Possono essere utilizzati in tutta la struttura, dalle porte delle banchine ai nastri trasportatori, ai punti di stoccaggio e persino sui carrelli elevatori.  

La nuova tecnologia "migliorerà le prestazioni di ogni sistema, dispositivo, tag e lavoratore", afferma Matt Seltz, direttore generale delle soluzioni di localizzazione di Zebra. I portali RFID consentono alle organizzazioni "di sapere dove si trovano i loro beni in qualsiasi momento e contribuiscono ad aumentare l'accuratezza e la velocità di ricezione, stoccaggio, consumo e rivendita", aggiunge Seltz. 

Una visione migliore 

"I responsabili dei magazzini investono nell'innovazione tecnologica e nell'automazione intelligente per aumentare la resilienza e la visibilità delle scorte", si legge nel rapporto Zebra. E quando si parla di sistemi di visione, la visibilità assume un significato del tutto nuovo.  

Sebbene la visione non sia una tecnologia nuova, il suo utilizzo non è così diffuso come quello di altre tecnologie ADC. In effetti, quest'anno solo il 25% circa degli utenti sta studiando i sistemi di visione. Ma la situazione è destinata a cambiare rapidamente: il 61% degli intervistati da Zebra ha dichiarato che nel 2024 ci sarà interesse per i sistemi di visione.  

Sebbene siano spesso considerati uno strumento di controllo della qualità, i sistemi di visione si inseriscono perfettamente nella rete di acquisizione dei dati. 

Qualsiasi cartone può facilmente contenere una serie di etichette, da quelle per la marcatura dei casi e dei materiali pericolosi ai loghi aziendali. Tuttavia, deve esserci un posto migliore per applicare un'etichetta di spedizione. Per questo motivo, sono disponibili sistemi di visione con telecamere 2D e 3D che acquisiscono un'immagine ad alta risoluzione e di alta qualità del cartone e delle sue superfici. Grazie all'intelligenza artificiale, il sistema determina il posizionamento dell'etichetta quasi senza esitazioni, nonostante l'unicità da cartone a cartone.  

Anche i sistemi di visione sono nel mirino di Zebra. L'anno scorso l'azienda ha acquistato Matrox Imaging, uno sviluppatore di componenti, software e sistemi avanzati di visione artificiale.  

La tecnologia dell'azienda utilizza tunnel di scansione a 360 gradi per leggere etichette con tecnologia di riconoscimento ottico dei caratteri su una varietà di articoli e inventari. La tecnologia è complementare al software Aurora di Zebra che legge i dati OCR ad alta velocità. 

Migliorare i microflussi 

Finora ci siamo concentrati sulle tendenze delle tecnologie ADC per migliorare il flusso di lavoro. Ma che dire del flusso di lavoro stesso? Dan Gilmore, vicepresidente del marketing di Softeon, ha qualche idea in proposito.  

Li chiama microflussi. Gilmore si riferisce alla sequenza dettata dal WMS per il prelievo da parte di un operatore e alla conferma dell'accuratezza del prelievo. Si deve scansionare prima l'articolo? O la posizione? O il contenitore in cui l'articolo viene inserito?  

"Sebbene il WMS stabilisca una sequenza, questa potrebbe non essere la più efficiente per l'operatore, in base a una serie di condizioni", spiega Gilmore.  

Di conseguenza, è necessaria una capacità di modificare il microflusso. "Non è raro che riordinando la sequenza delle attività si ottenga un salto di produttività del 10%", afferma Gilmore.  

E continua dicendo che è tutta una questione di WMS e di uno strumento di interfaccia utente che permetta di modificare la sequenza senza disturbare inutilmente.  

È chiaro che l'ADC è al centro della battaglia per una maggiore produttività ed efficienza del magazzino. E fortunatamente ci sono molte opzioni valide per ottenere guadagni importanti, dal flusso di lavoro ai microflussi. 

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi