28 aprile 2021

Guidare la Sostenibilità Ambientale nell'era della “Supply Chain Disruption”.

La pandemia globale ha creato un momento di svolta per le catene di approvvigionamento globale. Mentre ci adattiamo e rispondiamo a questa "nuova normalità", un'area importante è l'effetto di questi cambiamenti sull'ambiente. Da questo punto di vista, alcuni cambiamenti sono stati chiaramente positivi (per esempio, meno chilometri percorsi dai pendolari), altri in gran parte neutrali (per esempio, strategie di approvvigionamento alternative), mentre altri sono potenzialmente negativi (per esempio, la consegna quotidiana dei pacchi nelle nostre case). Accanto a tutto questo c'è la crescita dell'automazione e delle tecnologie correlate che hanno anche considerazioni ambientali. In combinazione con le crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico e gli impatti di sostenibilità associati, tutte le aziende dovrebbero considerare e valutare questi cambiamenti usando la lente della sostenibilità ambientale. Vediamo come in questo articolo di Jon Chorley* apparso recentemente su Logistics View Points.

Gestire la perturbazione e il cambiamento con le tecnologie emergenti
Le tecnologie emergenti giocano un ruolo nella gestione delle perturbazioni e stanno guidando il cambiamento nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo assistendo a un aumento dell'uso dell'automazione, non solo all'interno di un TMS o WMS, ma al coordinamento digitale in tutte le fasi della logistica, dallo spedizioniere al broker, al vettore e al magazzino. L'AI e il machine learning forniscono informazioni più accurate durante il processo di pianificazione dei trasporti; l'utilizzo dell'IoT per monitorare le spedizioni, le condizioni del carico e la gestione del cantiere hanno permesso alle aziende di fare aggiustamenti rapidi quando si verificano interruzioni; e gli assistenti digitali mobili forniscono feedback e visibilità istantanea sulle spedizioni e sull'inventario. I costi della logistica aziendale come percentuale del PIL è attualmente del 7-8% negli Stati Uniti. Nei paesi in via di sviluppo può essere più del doppio. Lo sviluppo economico è misurato e basato sulla logistica. Mentre le catene di approvvigionamento continuano ad evolversi per guidare una maggiore efficienza, vedremo cambiamenti in tre aree principali:

Infrastruttura fisica - Elettrificazione e trasporto a basse emissioni e IOT supportato dalla connettività ubiqua ad alto volume tramite 5G
Infrastruttura dei sistemi - Cloud e migliore condivisione delle informazioni attraverso le reti sociali e aziendali, spesso abilitate dalla blockchain
Tecniche applicative - Utilizzo di AI/ML per guidare intuizioni e processi decisionali in tempo reale - oltre a una migliore ottimizzazione, resilienza e reattività

Tutti questi si uniscono in qualche modo con le opzioni di trasporto autonomo. Questi molto probabilmente mostreranno prima negli ambienti contenuti come la gestione del cantiere - possibilmente aumentata da una certa supervisione umana. Il POD di Volvo in Svezia è un ottimo esempio. La conoscenza acquisita in questi ambienti può essere utilizzata per la successiva espansione in altri ambienti meno strutturati. Quindi, quando si parla molto di Industria 4.0 o della quarta rivoluzione industriale - la combinazione di tecnologia intelligente, comunicazioni macchina-macchina e IOT - è bene ricordare che lo spazio logistico si trova proprio nel mezzo, sia in un contesto di business che di consumo. Il risultato netto di tutti questi sviluppi è quello di guidare una maggiore efficienza, sia in termini di attività all'interno di una data "gamba" logistica, ma forse più importante, tra quelle gambe. Combinando questo con un passaggio all'energia pulita per alimentare queste attività, si ottiene un beneficio ambientale molto significativo.

Le informazioni che guidano la trasformazione delle catene del valore
Essere in grado di raccogliere, analizzare e decidere utilizzando queste informazioni, ed essere in grado di fare tutto questo in tempo reale, darà alle aziende un vantaggio competitivo. Il fondatore e presidente di FedEx, Fred Smith, ha notoriamente detto: "Le informazioni sul pacco sono importanti quanto il pacco stesso". Le chiavi del successo sono sicurezza, opt-in e trasparenza. C'è un valore nella condivisione dei dati, come ricevere suggerimenti per un percorso migliore, ETA più accurati, e scelte di prodotti complementari. Il vostro movimento determinato dal vostro smart phone è ciò che aiuta a generare quelle linee rosse sulla mappa della vostra auto. Quando il valore viene attribuito sia alle persone che forniscono quei dati che a quelle che li ricevono e li usano - e tutti sono consapevoli dello scambio - allora è un campo di gioco giusto e uniforme. La scelta di partecipare o meno deve spettare all'individuo, e le sanzioni per la rottura della fiducia devono essere altrettanto chiare. Ciò che si applica alle informazioni personali, si applica anche alla condivisione delle informazioni attraverso le catene di valore aziendale. Se ci sono maggiori benefici reciproci nel condividere i dati che nel tenerli privati, allora più dati saranno condivisi e questo tenderà a produrre benefici in termini di efficienza e, a sua volta, in termini ambientali.

"La velocità è il nuovo ciclo economico”
La trasparenza e la scelta si applicano sia alle imprese che ai consumatori. Conoscere l'impatto - sulle persone, sui profitti e sul pianeta - delle proprie decisioni. Dico spesso "la velocità è il nuovo ciclo economico", ma c'è un prezzo da pagare per quella velocità, e quel prezzo è spesso pagato dall'ambiente senza che noi ne siamo consapevoli. Le consegne residenziali che costituivano il 25% del volume dei pacchi USA nel 2000, sono cresciute fino a oltre il 50% prima della pandemia, e da allora sono cresciute ancora di più. Questo non è solo limitato agli Stati Uniti. La Cina ha aumentato il suo vantaggio nel volume globale dei pacchi nel 2019, spedendo più di 63 miliardi di pacchi l'anno scorso, rappresentando il 26% di crescita YoY e costituendo sostanzialmente più della metà del volume globale dei pacchi. Informare il consumatore dell'impatto delle loro scelte e poi fornire opzioni per combinare le spedizioni o ritardare fino a una consegna nel fine settimana - ognuna di queste etichettate dalle implicazioni ambientali (ad esempio una "foglia verde") - può aiutare a guidare le scelte che migliorano il consolidamento e riducono gli impatti ambientali. Così come algoritmi di consolidamento e instradamento più intelligenti presso il mittente, così come il passaggio all'elettrificazione delle flotte per le consegne locali. E in generale, dobbiamo continuare a sviluppare quelle opzioni di trasporto elettrico economicamente vantaggiose, che si tratti di trasporto su richiesta o di trasporto pubblico, e adottarle su scala. Queste avranno un grande impatto sulla sostenibilità.

*Jon Chorley è chief sustainability officer per Oracle, dove guida e coordina tutte le iniziative, sia interne che esterne, relative alla sostenibilità ambientale. Questa responsabilità copre tutte le aree, dall'infrastruttura IT e le operazioni commerciali al reporting aziendale e alla gestione del rischio. Jon è anche vicepresidente del gruppo per la strategia di prodotto per le applicazioni di gestione della catena di approvvigionamento (SCM) di Oracle e guida il team responsabile di guidare i requisiti di business e le roadmap dei prodotti per queste applicazioni. Chorley ha più di 25 anni di esperienza nell'industria del software in un'ampia serie di ruoli tra cui vendite, implementazione e sviluppo. 

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi