EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

Sostenibilità, sicurezza dei lavoratori e conformità etica perdono terreno nella ripresa post-COVID-19 delle Supply Chain.

Gli audit etici, ambientali e strutturali sono tra i migliori strumenti disponibili per verificare le condizioni di lavoro e garantire che i lavoratori vulnerabili della catena di approvvigionamento siano protetti.

Un nuovo rapporto di QIMA suggerisce che la conformità etica nelle catene di approvvigionamento sta continuando una preoccupante tendenza al ribasso, con punteggi etici medi che recentemente sono scesi a un minimo di tre anni e al 4% al di sotto del Q1 2021. Nella prima metà del 2021, due terzi delle fabbriche ispezionate per la sicurezza strutturale, antincendio ed elettrica sono state trovate bisognose di rimedio nel medio o breve termine. Al contrario, nella prima metà del 2018 poco più di un terzo delle fabbriche ha avuto bisogno di una riparazione a medio termine. La sicurezza antincendio è stata una questione particolarmente pressante, con oltre la metà delle fabbriche sottoposte ad audit nell'H1 2021 che richiedeva miglioramenti a breve termine.

I campanelli d'allarme dell'industria dovrebbero suonare

Con la riapertura di gran parte dell'Occidente dopo lunghi periodi di chiusura, la domanda dei consumatori è in ripresa grazie a una volontà di spesa repressa. Per esempio, la spesa del Q2 2021 negli Stati Uniti è aumentata del 20-30% rispetto all'anno precedente, e la spesa in Europa mostra una tendenza simile.

La ripresa è particolarmente robusta nell'Asia meridionale, con una domanda di ispezioni per il tessile e l'abbigliamento alle stelle dell'81% in India e del 66% in Bangladesh nella prima metà del 2021 rispetto al 2019 pre-pandemia.  La produzione nel sud-est asiatico duramente colpito viene sostenuta dagli acquirenti occidentali, con Vietnam, Cambogia, Indonesia e Thailandia che registrano tutti una crescita a due cifre nelle richieste di ispezioni e audit nel Q2.

Ma, mentre i fornitori aumentano la produzione per soddisfare la domanda globale, che in molti settori sta superando il livello pre-pandemia, vengono fatti compromessi e si concedono sviste per sfruttare la ripresa. Le precauzioni per la salute e la sicurezza sono state trascurate, i tradizionali controlli ed equilibri sono stati dimenticati, i necessari lavori di riparazione degli edifici delle fabbriche sono stati rimandati e i lavoratori sono costretti a fare gli straordinari per recuperare la produttività persa a causa della chiusura per pandemia. Questo sta mettendo a rischio i lavoratori della catena di approvvigionamento.

In particolare, i principali contributori globali alla schiavitù moderna sono India, Cina, Pakistan, Corea del Nord, Nigeria, Iran, Indonesia, Repubblica Democratica del Congo, Russia e Filippine. In alcune di queste nazioni, fino al 9% della popolazione può partecipare a qualche forma di schiavitù moderna in un dato momento, secondo il Global Slavery Index.

La cosa più allarmante è che un recente rapporto dell'UNICEF suggerisce che il numero di bambini nel lavoro minorile è cresciuto considerevolmente negli ultimi quattro anni, con altri 9 milioni di bambini a rischio a causa della pandemia. Il Coronavirus (COVID-19) sta effettivamente annullando anni di progressi fatti. Con le catene di approvvigionamento globale in difficoltà a causa della pandemia, il progresso nei precedenti punti caldi del lavoro minorile come l'Asia, il Pacifico, l'America Latina e i Caraibi è in pericolo. Inoltre, stanno emergendo nuovi punti caldi, come l'Africa sub-sahariana.

Fare qualcosa, o solo parlare?

Oltre alla legislazione che fa pressione sui marchi per agire in modo etico, i consumatori stanno dimostrando che non comprerebbero un certo prodotto se implicasse schiavitù o sfruttamento. Se le aziende non riescono a soddisfare gli standard etici dei consumatori, dovranno affrontare sempre più rischi eminenti nel moderno panorama della catena di approvvigionamento.

In apparenza, le aziende oggi sono più impegnate che mai a gestire una catena di fornitura etica e puntano la loro reputazione su queste affermazioni. Ma in realtà, la ricerca di QIMA ha scoperto che solo tra il 6-10% delle aziende afferma di avere piena visibilità della catena di approvvigionamento, e un'azienda media conosce meno del 50% dei suoi fornitori.

Pochissime aziende hanno una visibilità che va oltre i loro fornitori di livello 1, fino alle loro aziende agricole, ai mulini e ai fornitori di materie prime. Sfortunatamente, questi fornitori di livello inferiore sono dove possono avvenire le peggiori non conformità e sono effettivamente punti ciechi per la maggior parte dei marchi e le pratiche non etiche possono continuare senza controllo. Questi punti ciechi sono solo diventati più pronunciati nel corso della pandemia, dato che le rigide chiusure hanno significato che le fabbriche sono molto meno accessibili che in passato e la comunicazione è diventata più difficile.

Le moderne catene di approvvigionamento sono lunghe e complesse, attraversano diversi confini e spesso coinvolgono numerosi subappaltatori. Inoltre, l'aumento del commercio elettronico non farà che rendere queste catene di approvvigionamento più complesse.

Sono necessarie soluzioni proattive per iniziare ad affrontare alcune di queste sfide. Gli audit etici, ambientali e strutturali sono tra i migliori strumenti disponibili per verificare le condizioni di lavoro e garantire che i lavoratori vulnerabili della catena di approvvigionamento siano protetti.

Ma le aziende devono andare oltre gli audit per ottenere trasparenza e creare l'impatto tangibile di cui c'è così disperatamente bisogno. Soluzioni per la voce dei lavoratori, programmi di miglioramento delle fabbriche, formazione per la gestione delle fabbriche e strumenti digitali per mappare intere reti di fornitura sono diventati sempre più importanti nel corso della pandemia. Alla fine, un piano d'azione correttivo efficace darà ai fornitori di un'azienda l'opportunità di affrontare qualsiasi problema minore, maggiore o critico.

È ora che le aziende comincino a fare il loro dovere quando si tratta delle loro catene di approvvigionamento.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi