Contacts

Email: info@multimac.it

Customer care: 800 593 293

Telefono: +39 049 713267

Orario: Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

Operations: Via Baffin 10, Padova (Italy)

Company info

Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

La 'Circular Economy' rimodella le Supply Chain lineari e globali in ecosistemi circolari regionalizzati.

L'economia lineare di oggi che segue il modello "prendere-fare-usare-eliminare" ha portato a una società dell'usa e getta, dove i cicli di vita dei prodotti sono brevi e la sostituzione è spesso più economica del riutilizzo o della riparazione. Mentre gli sforzi di riciclaggio possono generare buoni sentimenti, questo da solo non farà un'ammaccatura nel volume delle risorse naturali non rinnovabili consumate e scartate.

I modelli circolari disaccoppiano la crescita economica dal consumo di risorse, creando un valore a lungo termine per le parti interessate e l'ambiente. Come effetto collaterale, i modelli di business circolari agiscono come amplificatori di decarbonizzazione per le emissioni di gas serra dell'ambito 3, estendendo il ciclo di vita dei materiali ad alta intensità energetica.

Mentre molti approcci tradizionali alla sostenibilità si concentrano sulla riduzione delle impronte negative, l'economia circolare mira a creare impronte positive nelle dimensioni ecologica, economica e sociale e a trasformare globalmente le imprese e le catene del valore.

Gli approcci circolari comuni includono
Nuovo design del prodotto per aumentare la durata e permettere un'efficace manutenzione, riparazione e smontaggio.
Modelli di business alternativi, proprietà dei materiali e schemi di recupero.
Ecosistemi localizzati che forniscono servizi per il ciclo di vita dei prodotti.
Sforzi di dematerializzazione.
Implementazione di cicli di materiali nella tecnosfera e nella biosfera.

Il pensiero circolare richiede un cambiamento nella cultura aziendale, poiché la visione tradizionale di come un'azienda opera e fa soldi è stata capovolta. I modelli circolari richiedono una visione a lungo termine e una notevole pazienza - a volte il flusso di cassa potrebbe non essere generato fino alla seconda iterazione di un prodotto quando le risorse vengono finalmente riutilizzate.

Perché una strategia circolare funzioni, tutti i partner dell'ecosistema - compresi i fornitori e i partner di produzione - devono impegnarsi nel processo. Uno dei maggiori ostacoli è riunire tutti i partecipanti di un ciclo di valore e farli agire come un'unica entità. Spesso, è una questione di chi va per primo, poiché ogni fornitore può sentire di non essere nella posizione giusta nella catena del valore per lanciare lo sforzo.

Poi c'è la complessità aggiunta: dall'inizio alla fine, un ciclo di approvvigionamento circolare è più grande e molto più complicato di un modello lineare tradizionale. La domanda si divide in domanda di nuovi prodotti e di servizi di riparazione, rimessa a nuovo e riutilizzo durante il loro ciclo di vita. Anche l'offerta ha un modello duale, in cui sia le parti o i componenti usati provenienti dal campo, che le parti nuove sono alimentate nei processi di produzione e di assemblaggio.

Questo porterà a cambiamenti dirompenti nelle funzioni tradizionali della catena di approvvigionamento. L'intero modello e l'impostazione di come vengono gestiti i cicli di vita dei prodotti possono cambiare significativamente verso approcci orientati al servizio. I fattori chiave per il successo economico saranno guidati dal design del prodotto, dalla configurazione dell'ecosistema e dall'eccellenza del servizio orientato al digitale piuttosto che dal prezzo, dalle scorte o dal costo di conversione.

Approvvigionamento

Guardando la configurazione standard della catena di approvvigionamento di oggi, alcuni dei cambiamenti fondamentali possono essere anticipati chiaramente. La funzione di approvvigionamento deve diventare l'orchestratore di ecosistemi che forniscono servizi durante il ciclo di vita del prodotto. La trasparenza e l'integrazione digitale basata su informazioni di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) accessibili a tutti i partecipanti ai cicli di materiali è un aspetto chiave. I modelli alternativi di proprietà ridurranno le classiche attività strategiche e operative di approvvigionamento al minimo indispensabile. Invece, i futuri acquirenti avranno bisogno di valutare continuamente la valutazione dei componenti, delle parti e del materiale in transizione durante i cicli della tecnosfera e della biosfera. L'acquisto di servizi e lo sviluppo di fornitori di servizi può diventare uno degli aspetti chiave dell'approvvigionamento circolare.

Pianificazione

Per le funzioni di pianificazione, bilanciare la domanda, l'offerta di materiali e la capacità di produzione diventeranno semplici cose del passato. Nel futuro circolare, la fornitura di materiali sarà costituita da materiali nuovi in piccola parte e, nella maggior parte dei casi, da parti usate che richiedono una lavorazione individuale prima di entrare nel ciclo di vita successivo. La capacità di produzione sarà divisa in riparazione, rimessa a nuovo, riutilizzo e riciclo, ognuno dei quali avrà bisogno di una pianificazione della "produzione" basata sulle condizioni dei beni restituiti. La previsione può passare dalla semplice vendita del prodotto alla comprensione dell'intensità d'uso nei modelli PAS (product as a service). I picchi di domanda possono essere soddisfatti in diversi modi nei modelli di business degli asset condivisi, la disponibilità del prodotto dipende dal numero di asset, dal loro tempo di attività, dalla domanda locale e da altri fattori. La pianificazione circolare sarà la chiave per determinare la tempistica economicamente adatta per la sostituzione o la riparazione degli asset in linea con gli attuali modelli di domanda.

Logistica

La logistica si sposterà dal trasporto di merci in entrata e in uscita verso una distribuzione complessa e la ricollocazione degli asset in base alla domanda. I modelli di business possono essere arricchiti da una logistica inversa differenziata e devono essere sincronizzati con i servizi della tecnosfera come le operazioni di riparazione, ristrutturazione o smontaggio. I fornitori di logistica possono anche includere nel loro portafoglio servizi in loco come la sostituzione di componenti, la semplice manutenzione o la pulizia. I processi logistici futuri possono comportare la valutazione delle condizioni degli asset per determinare la fase successiva di lavorazione (dal semplice riutilizzo alla rimessa a nuovo, allo smontaggio o al riciclaggio).

Produzione

La produzione affronta attualmente delle sfide che riguardano la complessità delle varianti di prodotto e la crescente personalizzazione. L'industria 4.0 supporta la tendenza verso la dimensione del lotto uno e può essere fondamentale anche per la produzione dell'economia circolare: la complessità aggiuntiva deriva dalle condizioni variabili di parti e componenti che ritornano da un ciclo di utilizzo. La tecnologia consentirà ancora una volta la tendenza alla dimensione del lotto uno nella fornitura di materiali. Tuttavia, la trasformazione non avverrà senza intoppi, poiché molti prodotti hanno bisogno di una riprogettazione radicale per la manutenibilità, la riparabilità e lo smontaggio prima di essere adatti a modelli di business circolari.

Il momento per intraprendere il viaggio di trasformazione non potrebbe essere migliore. L'ambiente normativo sta per essere creato in quasi tutte le regioni del mondo, gli investitori finanziari stanno cercando opportunità con valore a lungo termine e l'opinione pubblica è sempre più a favore delle imprese e delle offerte sostenibili. Soprattutto, la digitalizzazione ha raggiunto il livello di maturità necessario per consentire la fattibilità economica dei modelli di business dell'economia circolare anche per prodotti tecnici complessi. A partire dalle piattaforme, dalla tecnologia di localizzazione e dai processi automatizzati di ordinazione e fatturazione che supportano una sharing economy fino alla sofisticata tecnologia I4.0 che aiuta ad automatizzare i singoli processi sia nelle operazioni di assemblaggio che di servizio. La tecnologia Blockchain supporta catene digitali che creano trasparenza per le condizioni tecniche e le transazioni di proprietà per prodotti o componenti che attraversano più cicli di vita nel ciclo della tecnosfera.

Le sfide per chiudere i cicli e passare a un'economia circolare sono principalmente
Riprogettare i prodotti e renderli adatti a una durata di vita estesa e a processi di smontaggio industrializzati.
Cambiare i modelli di business e organizzare modelli di finanziamento per nuove strutture di proprietà dei materiali.
Creare ecosistemi al servizio dei cicli basati su principi di condivisione del valore equo per attrarre i partner giusti.

La trasformazione può essere riassunta come il viaggio da Supply Chains lineari e globali verso ecosistemi circolari regionalizzati, sfruttando pienamente la tecnologia e l'automazione. Le imprese circolari di successo hanno aumentato i margini, cambiato la loro impronta negativa in positiva in una o più aree di sostenibilità e tipicamente hanno contribuito direttamente alla decarbonizzazione. In questi casi, le catene di fornitura sono cambiate drasticamente, includendo il portafoglio di fornitori, i driver di valore chiave e l'estensione geografica, in molti casi influenzando anche il comportamento dei clienti. Disaccoppiare la crescita economica dal consumo di risorse: la prossima rivoluzione industriale?

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi