"Costruire catene di fornitura più intelligenti che consentano la connessione tra imprese, lavoratori e consumatori in un mondo a metà tra fisico e digitale."

Le aziende sono entità globali con Supply Chain complesse alle quali è richiesta una sempre maggiore agilità ed un time-to-market il più rapido possibile; garantire la soddisfazione dei clienti e sviluppare la loro fedeltà non è solo ciò che guiderà il loro successo e la loro crescita, ma è anche ciò che determinerà se continueranno a prosperare nel lungo termine.

È così che i processi della Supply Chain diventano la spina dorsale delle organizzazioni, e la corretta visibilità di ogni nodo consente il bilanciamento di tutto l'ecosistema. L'innovazione e la digitalizzazione dei processi assumono un ruolo primario nello sviluppo delle imprese, perché consentono di ottenere estrema visibilità, flessibilità e gestione della filiera.

Strategia e tecnologia permettono di guidare le operazioni in tempo reale trasferendo intelligenza aumentata ad ogni operatore tramite l'analisi di dati storicizzati, unita all'interpretazione del momento stesso in cui si ha il bisogno di informazioni.

La contaminazione digitale rende i processi più efficaci estendendo i confini della visibilità umana, dando risposte costanti e geolocalizzando asset e uomini all'interno di plant produttivi e logistici.

Da una modalità System of Record, dove è sempre stato l'uomo ad iniziare la domanda ed il sistema a rispondere, si va verso una modalità System of Reality, dove è la macchina che interagisce continuamente con l'uomo lavorando nell'ottica di fornire la prossima miglior mossa.

Mission

Richiedi informazioni

Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria
Informazione necessaria

Avendo letto l'informativa sul trattamento dei dati

Cliccando sul pulsante di invio, esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell'informativa incluso l'eventuale trattamento in Paesi membri dell'UE o in Paesi extra UE.

EMAIL: info@multimac.it

TELEFONO: 800 593 293
Dal Lunedì al Venerdì, 8:00-18:00

COMPANY INFO
Multimac Srl
Via W. Baffin, 10
35136 Padova - Italy
Codice fiscale: 01633140239
Partita IVA: IT01281830289
Sdi: M5UXCR1
Anno di fondazione: 1976
R.E.A. : PD – 196842

Implementare la Visibilità in tempo reale nella Supply Chain per ridurre il rischio operativo.

Le interruzioni continuano a sfidare le Supply Chain, ma è il modo in cui le aziende si preparano e reagiscono che fornisce quel livello aggiunto di protezione del rischio necessario per ribaltare le interruzioni della catena di approvvigionamento.

Quando le interruzioni della catena di approvvigionamento colpiscono, la mitigazione del rischio colpisce di nuovo. E lo fa in molte forme. Che si tratti di un software migliorato, di una migliore formazione dei dipendenti o di soluzioni dotate di funzioni di visibilità, la gestione del rischio è un lavoro 24/7/365. Richiede tutto l'aiuto possibile, le ultime e più grandi tecnologie e la capacità di cambiare di conseguenza.

Questo perché le interruzioni della catena di approvvigionamento si presentano in molte forme: attacchi ransomware e chiusura dei porti, disastri naturali e pandemie globali, frodi alimentari e frodi sui carichi. Queste interruzioni poi mutano in altre forme di istanze legate al rischio, come carenze di manodopera, carenze di prodotti, aumento dei costi e altro. E, prima che ce ne si accorge, tutte le parti della catena di approvvigionamento sono esposte.

Queste interruzioni hanno costretto le aziende a mettere in atto il piano B e a volte il piano C, e per quelle aziende che non sono dotate degli strumenti e delle tecnologie giuste per adattarsi, spostare il prodotto attraverso la Supply Chain può essere abbastanza rischioso.

Se la storia si ripete, interruzioni di grande portata continueranno a scuotere le catene di approvvigionamento mondiali. Ma è il modo in cui le aziende pianificano, gestiscono e reagiscono a queste interruzioni che permette loro di mitigare il rischio in modo efficiente e con successo.

Tenere a bada il pericolo

Quando si tratta di ridurre i rischi, due cose sono chiare:
1. Ci saranno sempre interruzioni della catena di approvvigionamento.
2. Ci saranno sempre rischi per la catena di approvvigionamento.

Che si tratti di un rischio sanitario, meteorologico o di qualche altro tipo di minaccia, è sempre bene ricordare l’adagio: un'oncia di prevenzione vale una libbra di cura. Fattori come COVID-19, pirateria e cyberattacchi, cambiamenti climatici, ritardi e altro continuano ad essere le interruzioni della catena di approvvigionamento più impegnative. Inoltre, solo il 4% dei chief supply chain officer (CSCO) dice di essere "pronto per il futuro", mentre il 34% si aspetta di esserlo entro il 2023, secondo un rapporto di Accenture. Anche prima della pandemia, i chief supply chain officer hanno dovuto affrontare aspettative crescenti, dal supporto di nuove esperienze dei clienti alla guida della redditività. "Di fronte al loro più grande stress test di sempre, i responsabili della supply chain sono stati sfidati ad affrontare il momento e a costruire una supply chain rilevante, resiliente e responsabile, in grado di soddisfare tutti gli stakeholder. I leader della supply chain di oggi sono chiamati a creare un modello operativo alimentato digitalmente e guidato dai dati per ottenere una supply chain pronta per il futuro e consentire una crescita a lungo termine.

Questo perché i CSCO di oggi sono confrontati con interruzioni della catena di approvvigionamento di vario grado che colpiscono senza preavviso.

Nessuno è sfuggito all'impatto che COVID-19 ha avuto sulla catena di approvvigionamento. Ogni persona coinvolta ha sperimentato, e continua a sperimentare, questi impatti personalmente, nelle loro famiglie e comunità, professionalmente e nelle loro aziende, e come consumatori che fanno acquisti, e molto comunemente tutte le cose insieme. "La gestione del rischio non riguarda la gestione dei rischi, ma la gestione dei controlli che gestiscono i rischi".

Al di là dell'impatto di COVID-19 sulla Supply Chain, che la maggior parte dei professionisti della catena di approvvigionamento stanno cominciando a comprendere più pienamente, al centro dell'impatto più significativo per le prestazioni della catena di approvvigionamento è il rischio, descritto in tre parole: complessità, competenza e capacità.

Inoltre, gli attacchi ransomware hanno raggiunto livelli "stratosferici", rappresentando ora il 69% di tutti gli attacchi che coinvolgono malware, secondo un nuovo rapporto di Positive Technologies.

Il numero di attacchi ransomware tra gennaio-marzo e aprile-giugno è aumentato del 288%, con le organizzazioni che continuano ad affrontare ondate di estorsione digitale sotto forma di ransomware mirati, secondo un sondaggio di NCC Group.

Molte delle odierne catene di fornitura globali, anche se complesse, sono ancora basate su processi manuali e sistemi che mancano di consapevolezza della catena di fornitura in tempo reale con dati stagnanti e di bassa fedeltà. Le aziende della supply chain stanno cercando di risolvere le sfide di oggi usando le tecnologie di ieri, e quando arriva un evento come COVID, queste debolezze si trasformano in punti di rottura.

“La riduzione del rischio inizia ancora più a monte della fattoria” e i fornitori globali dovrebbero gestire la sicurezza “dal seme alla forchetta”. Le aziende leader hanno instillato questa pratica non solo per garantire i prodotti più uniformi, ma per anche assicurare un controllo continuo e la sicurezza nelle loro catene di fornitura per i loro client". Dall'agricoltore al produttore alla spedizione fino alla destinazione finale (ristorante o negozio o consumatore), ci sono molti modi in cui i sistemi della catena di approvvigionamento possono incontrare minacce.

Un difetto visto in modo lampante durante la pandemia è stata la fiducia cieca negli strumenti di terzi e nelle interazioni di terzi tra le aziende e il modo in cui i loro dati vengono condivisi. Insieme a questo, molte organizzazioni nell'arena della Supply Chain distribuiscono diversi dispositivi IoT, in modo che possano essere più veloci ed efficienti. Mentre questo è tipicamente vero, il problema con i dispositivi IoT è che molte volte le aziende non stanno al passo con la loro manutenzione, come l'aggiornamento del firmware del dispositivo. Quando accade questa svista, i dispositivi IoT diventano un grande obiettivo per gli attori delle minacce.

Essere consapevoli di quali cambiamenti sono stati fatti alla catena di approvvigionamento e quali dispositivi IoT sono nella propria infrastruttura è fondamentale per una gestione di successo della catena di approvvigionamento. Per esempio, quando un dispositivo IoT è posizionato su un camion, sta comunicando da qualche parte con i dati, rendendolo un'entrata in quell'organizzazione.

È importante che i produttori mantengano lo stesso rigore nella qualità di sempre in caso di cambiamento della catena di approvvigionamento. La dipendenza da pochi fornitori può lasciare i produttori vulnerabili alle interruzioni. E’ raccomandato di stabilire una rete fidata di fornitori di riserva con la stessa rigorosa supervisione e lo stesso processo di controllo dei fornitori primari. Per capire la probabilità di interruzione, bisogna assicurarsi di esaminare a fondo il curriculum di un potenziale fornitore, le risorse finanziarie, le certificazioni e i piani di continuità aziendale, così come dove si riforniscono dei loro materiali e come garantiscono la qualità del prodotto.

Come la visibilità aiuta le aziende a "vedere" ciò che le aspetta

Quando il Coronavirus (COVID-19) ha sconvolto le catene di approvvigionamento in tutto il mondo, ha costretto molte aziende a rivalutare i loro piani di gestione del rischio. Cosa succede quando i dipendenti si ammalano o sono in quarantena per giorni? Cosa succede quando gli impianti di produzione e i magazzini vengono chiusi? Cosa succede quando tali minacce manomettono il modo in cui operano le aziende?

Ecco perché molte aziende di oggi stanno implementando strumenti e tecnologie di visibilità della catena di approvvigionamento per "vedere" meglio e prepararsi a ciò che aspetta.

Investire in iniziative di digitalizzazione significa rimuovere questi processi e sistemi manuali per ottenere la consapevolezza della catena di approvvigionamento in tempo reale con dati ad alta fedeltà. Questi dati ad alta fedeltà sono fondamentali per mitigare i rischi e migliorare l'efficienza della pianificazione, perché mentre non è possibile sempre controllare la volatilità, è altresì possibile procurarsi gli strumenti per rispondere, adattarsi ed essere proattivi.

Oggi, le aziende possono implementare tecnologie progettate per rafforzare la riduzione del rischio lungo la Supply Chain. Che si tratti di dotare le aziende di una tecnologia per comunicare a monte o di usare dispositivi di tracciamento che possono identificare incidenti come la posizione sbagliata, la temperatura fuori controllo, la manomissione e altro, la visibilità e la riduzione del rischio vanno di pari passo.

La trasparenza risale alla visibilità condivisa dei fornitori e non si limita a identificare dove si trova il camion in un dato momento, ma include anche dettagli a livello di SKU, articolo e prodotto. Il problema più grande che la maggior parte delle aziende deve affrontare è la visibilità delle forniture in entrata e la capacità di condividere i dati pertinenti con ogni membro della catena di fornitura con facilità. È importante tenere a mente che il termine 'visibilità' può essere usato in un senso molto generale ed è comunemente pensato come punti su una mappa o camion di monitoraggio. Quando si guarda alla tecnologia per mettere insieme questi vari nodi, è importante chiarire qual è lo stato del problema e identificare le lacune che si sta cercando di affrontare. Implementare la tecnologia per il gusto di averne bisogno non è mai una buona pratica.

Gli ultimi decenni hanno anche inaugurato un'era di tecnologie avanzate, come l'Internet delle cose (IoT), il cloud computing, l'intelligenza artificiale (AI), la robotica, l'automazione, le strategie direct-to-consumer, la visibilità della catena di approvvigionamento e altro ancora - che consentono nuove strategie della catena di approvvigionamento. E, in qualche modo, mitigare il rischio lungo la catena del freddo non riguarda solo gli attacchi ransomware; si tratta di proteggere il cibo stesso e le persone che lo muovono.

Se prevale un approccio "ognuno per sé" alla tracciabilità, l'industria potrebbe ritrovarsi con un guazzabuglio di sistemi non interoperabili. Questo creerà una catena di fornitura 'balcanizzata' in cui i sistemi non possono condividere dati critici di tracciabilità tra i partner commerciali, con conseguente enorme complessità operativa. I rivenditori non possono permettersi che questo accada, ed è per questo che bisognerebbe procedere verso una soluzione che non comporti alcuna nuova etichettatura, nessun cambiamento di processo operativo e che sia accessibile fino al più piccolo fornitore. Questo deve essere in prima linea nel pensiero di ogni azienda nel futuro prossimo perché nuovi requisiti normativi stanno entrando in vigore rapidamente e hanno bisogno di tempo per impiegare le risorse appropriate o rischiare interruzioni di fornitura o peggio.

Il processo di gestione del rischio può valutare il rischio ambientale, il rischio del consumatore, il rischio di qualità, il rischio informatico o il rischio del fornitore. In altre parole, il rischio è un processo, non un prodotto, e l’obiettivo è costruire un set di strumenti di gestione del rischio che permetta ai clienti di identificare, valutare e gestire qualsiasi tipo di rischio. Mantenendo costante il set di strumenti, la forza lavoro impara e si fida del processo per ottenere i giusti risultati. E, proprio come quasi tutti i rischi hanno impatti consequenziali multipli (ad esempio, un infortunio del lavoratore avrà un impatto finanziario e sulla sicurezza, un cliente con un'intossicazione alimentare potrebbe avere un impatto reputazionale, finanziario e legale), dando corpo a tutte le parti interessate.

Oltre alla mappatura dei rischi, o di qualsiasi tipo, è doveroso assegnare i controlli ai singoli percorsi causali o consequenziali, applicare standard di performance e tracciare visivamente le prestazioni di tali controlli. Le persone ricordano le immagini e capiscono i flussi o la causa e l'effetto, quindi quando si esplorano scenari più complessi in un ambiente collaborativo, avere uno strumento che visualizza tutti gli elementi invece di un foglio di calcolo Excel costruisce la comprensione comune che aiuta gli utenti a organizzare meglio e a dare priorità ai rischi e a facilitare una comprensione più completa dei rischi che affrontano e di come controllarli e gestirli.

Riduzione del rischio nel futuro prossimo

Anche se le aziende hanno tutti gli strumenti, le soluzioni e le tecnologie giuste sul posto, ciò non garantisce l'assenza di rischi.

Pertanto, è importante avere strumenti chiave sul posto, come un approccio di difesa in profondità (DiD), per mitigare il rischio al meglio delle proprie capacità. Se si pensa a una grande casa, si ha un cancello, un sistema di allarme, una chiave, telecamere esterne e sensori di movimento che si uniscono per fornire una maggiore protezione all'interno della casa da intrusi esterni. La stessa cosa vale per un'organizzazione, c’è  bisogno di più livelli. È quasi impossibile proteggere tutto, ma sfruttando gli strumenti giusti ci si può avvicinare molto.

Zero-trust network access (ZTNA), autenticazione a più fattori (MFA), protezione degli endpoint e una piattaforma di rilevamento e risposta degli endpoint (EDR) devono lavorare tutti insieme per dare la visibilità di cui si ha bisogno nella propria infrastruttura. Gli esseri umani sono l'anello più debole di un'organizzazione in termini di sicurezza, quindi avere un approccio a più livelli in cui è possibile identificare facilmente ciò che sta accadendo all'interno della propria infrastruttura, è la chiave per assicurarsi che i dipendenti stiano accedendo solo ai dati di cui hanno bisogno per fare il loro lavoro. Bisogna assicurarsi di promuovere la consapevolezza degli utenti con simulazioni di phishing e corsi di formazione, e utilizzare un accesso remoto sicuro per chiunque acceda ai dati e criptare i dati ovunque sia possibile.

Gli spedizionieri in particolare hanno bisogno di avere una rete integrata che colleghi i loro fornitori, partner e nodi della catena di approvvigionamento.

Questo permette una maggiore visibilità tra i partner, in modo che tutti lavorino in armonia e comprendano gli impatti a monte e a valle, che si tratti dell'azienda produttiva, della tratta di trasporto o del magazzino e della distribuzione. Questa trasparenza di dati, eventi ed eccezioni per ogni stakeholder ad ogni pietra miliare è importante per garantire la sicurezza del prodotto e la tempestività sul mercato. La trasparenza torna alla visibilità condivisa del fornitore e non si limita a identificare dove si trova il camion in un dato momento, ma include anche i dettagli a livello di SKU, articolo e prodotto. Essere in grado di tracciare ognuno di questi punti di dati significa identificare le tecnologie corrette necessarie, come i fornitori di visibilità, i dispositivi per le risorse e poi consolidare queste informazioni in un'unica vista gestita.

È importante tenere a mente che il termine 'visibilità' può essere usato in un senso molto generale ed è comunemente pensato come punti su una mappa o camion di tracciamento. Quando si guarda alla tecnologia per mettere insieme questi vari nodi, è importante chiarire qual è lo stato del problema e identificare le lacune che si sta cercando di affrontare. Implementare la tecnologia per il gusto di averne bisogno non è mai una buona pratica. Il problema più grande che la maggior parte delle aziende deve affrontare è la visibilità delle forniture in entrata e la capacità di condividere i dati pertinenti con ogni membro della catena di fornitura con facilità.

Le aziende devono anche continuare a investire in metodologie e pratiche di identificazione precoce dei rischi.

Proprio come gli strumenti di monitoraggio del tempo di oggi possono dirci molto di più sul potenziale percorso di un uragano, gli strumenti di previsione della Supply Chain possono indicare le aree di preoccupazione, e qualsiasi cosa che dia loro un'anticipazione sarà di enorme aiuto nel prevenire che quello che potrebbe essere un disastro 'minore' si trasformi in una grande catastrofe. Non è sufficiente parlare di mappare le catene di approvvigionamento e rafforzare i legami.  Le aziende devono fare il lavoro di costruire vere relazioni attraverso gli aspetti delle loro attività e catene di approvvigionamento. Queste relazioni potrebbero finire per essere una delle risorse più potenti e durevoli che hanno, specialmente se o quando manca la corrente o i sistemi sono fuori uso. 

Le aziende devono anche espandere la loro definizione di ciò che significa "minaccia potenziale",. Gli ultimi due anni hanno dimostrato che le minacce alle catene di approvvigionamento possono provenire da molte fonti oltre al tempo. Da disordini civili e problemi di salute a carenze di manodopera, sicurezza informatica e altro ancora, è facile credere che si è visto praticamente tutto negli ultimi 24 mesi. Ma questa non è una supposizione sicura da fare. Le aziende dovrebbero sempre stare all'erta non solo per i disastri comuni (come uragani, tornado e attacchi informatici) che potrebbero danneggiare le loro catene di approvvigionamento, ma anche quelli insoliti che potrebbero non aver mai visto arrivare.

Quando le interruzioni della catena di approvvigionamento colpiscono, la mitigazione del rischio colpisce di nuovo. E sono le caratteristiche di visibilità che permettono alle aziende di avere quel livello aggiuntivo di protezione del rischio necessario per ribaltare le interruzioni della catena di approvvigionamento.

Share this
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi
Accedi

Recupera password dimenticata
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi