Briciole di pane



L'importanza della Gestione del Cloud Computing

L'importanza della Gestione del Cloud Computing

31 Luglio 2019 È arrivato il momento per migliorare la governance del cloud computing e dimostrare il ROI e il valore della strategia aziendale più ampia di un'organizzazione. Mentre il cloud computing è strettamente legato alla trasformazione digitale, come osserva Gartner, circa due terzi delle aziende hanno effettuato investimenti in quest'ottica senza avere una strategia chiaramente definita. L'IT può assumere un ruolo di leadership in parte eseguendo controlli migliori, ottenendo una maggiore comprensione di tutte le attività di cloud computing e posizionandosi per l'approvazione del budget. Vediamo come, nel seguente articolo redatto da David Martinez, senior product manager di Ivanti, e tratto da Mission Critical.

Gartner stima che il mercato globale dei servizi cloud pubblici raggiungerà 331 miliardi di dollari entro il 2022, in crescita rispetto ai 214 miliardi di dollari previsti nel 2019. La storia d'amore delle imprese con tutto l'ecosistema cloud non mostra segni di delusione.

Tuttavia, come avverte Gartner, meno di un terzo delle imprese ha una strategia documentata di cloud computing. I numeri indicano che l'investimento nel cloud sta avvenendo senza un piano chiaro per realizzare il ROI. Un prodotto di questa strategia non definita è l'espansione del cloud - le imprese che aggiungono e pagano per le risorse di cloud computing non necessarie e gestite in modo inadeguato.

Mentre le aziende, si spera, iniziano a pensare in modo più strategico su come il cloud computing si inserisce nella loro spesa complessiva di trasformazione digitale, i team IT possono adottare immediatamente misure per controllare l'espansione del cloud. Sono disponibili soluzioni per aiutare a controllare i costi, ridurre i rischi e gestire in modo più proattivo il cloud-based computing per aumentare la produttività e il ROI.

Anche le richieste di cloud che passano sopra la scrivania di un CIO possono essere fatte girare e lasciate girare nel cloud oltre il loro tempo di utilità, eseguendo rapidamente la bolletta del cloud computing di un'azienda. Per controllare e limitare ulteriormente l'espansione del cloud, le aziende dovrebbero considerare queste pratiche:

1. Raccogliere i dati di base. Stabilire una linea di base degli attuali carichi di lavoro del cloud computing della vostra organizzazione deve essere il primo passo. Utilizzate gli strumenti di reporting e discovery dei vostri fornitori di cloud computing. Ad esempio, AWS può dirvi quanti dei vostri utenti utilizzano il cloud AWS e quante istanze hanno in esecuzione. Allo stesso modo, Azure ha un portale che offre visibilità sulle applicazioni in uso.

2. Chiudete il buffet delle applicazioni. L'accesso illimitato alle applicazioni è un pozzo di spesa nel cloud. Implementare strumenti di gestione delle identità per il controllo degli accessi e la gestione dei privilegi, per definire i profili degli utenti, comprese le applicazioni e le configurazioni che possono essere servite a chi e per quanto tempo.

3. Integrare ulteriormente l'ITSM. Gli strumenti di gestione dei servizi IT (ITSM) possono essere utilizzati non solo per elaborare le richieste di ticket in entrata, ma anche per aggiungere un altro livello di responsabilità di governance. Sfrutta il catalogo dei servizi con ITSM per acquisire, controllare e tenere traccia di tutte le nuove richieste per la rotazione delle risorse cloud. Utilizzare un flusso di lavoro di approvazione per quelle richieste che vanno oltre le linee guida stabilite.

4. Lasciate che l'automazione sia il "cattivo". Sviluppatori, ricercatori e creativi amano armeggiare, ma purtroppo, se utilizzano risorse cloud, il registratore di cassa suona con loro. L'automazione può limitare l'esposizione al superamento dei costi imponendo date di fine su tutte le applicazioni, sulla base di politiche e diritti. Gli stakeholder possono visualizzare questi dati tramite dashboard, offrendo loro una panoramica di tutte le risorse cloud attualmente in esecuzione, e non solo alla fine del ciclo di fatturazione.

5. Preservare il budget IT. DevOps.com ha riferito che lo spreco del cloud raggiungerà oltre 14 miliardi di dollari nel 2019. Utilizzando una soluzione di reporting e dashboard self-service è possibile ottenere un migliore monitoraggio e controllo su tutte le applicazioni basate sul cloud, individuare le istanze del cloud non utilizzate e contribuire a cancellare i costi del cloud che non forniscono alcun valore aziendale. Grazie a questa struttura di approvazione e reporting migliorata, è possibile prevedere meglio le esigenze di cloud computing e allocare proattivamente il budget per attività più strategiche.

6. Sapere quando spegnere. La facilità con cui uno sviluppatore o un professionista del QA, ad esempio, può far girare le istanze del cloud è ottima per la produttività immediata, ma crea scompiglio nel controllo dei costi a lungo termine. Queste istanze possono avere molta memoria e capacità e, una volta completato il compito, possono essere dimenticate e continuare a funzionare. Si aggiungono alla bolletta del cloud computing poiché nessuno li ha spenti. Considerare l'utilizzo di strumenti come un motore di identità combinato con l'automazione che può garantire che le applicazioni e le risorse basate sul cloud non siano ancora in esecuzione dopo che una persona, ad esempio, ha cambiato lavoro e queste applicazioni non sono più rilevanti. L'automazione dei controlli delle applicazioni, sia a bordo che fuori, serve anche a mitigare i rischi dovuti ad applicazioni non gestite e non autorizzate.

Correzione del percorso cloud

Mettere in pratica i controlli automatici per proteggere le date di fine applicazione, limitare l'accesso e ritirare le applicazioni non utilizzate inizia a stabilire una struttura di cloud computing più sicura e gestibile per un'organizzazione. L'ulteriore integrazione dell'ITSM e l'acquisizione di nuove richieste per lo sviluppo di applicazioni cloud aggiunge un altro potente livello di controllo. Tutte queste pratiche aiutano a porre fine all'atmosfera da 'Wild West' in cui il cloud computing ha lavorato e a sostituirlo con un approccio più razionale e consapevole del budget per sfruttare gli ambienti cloud.

È il momento giusto per migliorare la governance del cloud computing e dimostrare il ROI e il valore della strategia aziendale più ampia di un'organizzazione. Mentre il cloud computing è così strettamente legato alla trasformazione digitale, come osserva Gartner, circa due terzi delle aziende hanno aperto i loro libretti degli assegni senza una strategia chiaramente definita. L'IT può assumere un ruolo di leadership in parte eseguendo controlli migliori, ottenendo una maggiore comprensione di tutte le attività di cloud computing e posizionandosi per l'approvazione del budget in futuro, quando inevitabilmente emergeranno nuove iniziative.

Quando una cosa buona diventa di troppo? L'IT può rispondere a questa domanda eliminando le istanze inutili del cloud e preservando il budget per le attività a vero valore aggiunto.

di David Martinez, senior product manager, Ivanti.

Articolo tratto da:
Mission Critical

Topic:
Data Intelligence

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi