Dal Quantitative Easing al Qualitative Easing con l’Uomo e l’Impresa al centro

Dal Quantitative Easing al Qualitative Easing con l’Uomo e l’Impresa al centro

06 Maggio 2019
All'apertura dell'ultimo forum di Davos, il fondatore Klaus Scwab ha sottolineato la necessità di un ‘Qualitative Easing' per rispondere alle sfide di un mondo in rapido cambiamento e ha assegnato la responsabilità di trovare queste nuove soluzioni alle imprese e agli imprenditori.
L'idea di un ‘Qualitative Easing', già rilanciata dal Prof. Bernardo Bertoldi del Politecnico di Torino, è un programma coraggioso volto alla promozione di una serie di azioni atte a creare maggiore imprenditorialità.

La logica del Quantitative Easing è consistita nel mettere più capitale nel motore di un sistema produttivo con disponibilità di lavoro; come ha dimostrato l'esperienza di questi anni, non sono mancati i soldi, ma chi quei soldi li usa per trasformarli in iniziative e sviluppo.
Di conseguenza attraverso il Qualitative Easing si inietterebbero nel sistema economico imprenditori che trasformino disponibilità liquide in opportunità di crescita collettiva.

A Davos si è ripartiti dal concetto di Qualitative Easing e Schwab in persona ha sostenuto che imprese e imprenditori hanno l'influenza e l'interesse ad aggiustare un contratto sociale che si è rotto: "dobbiamo assicurarci", ha affermato Schwab, "che la quarta rivoluzione industriale si sviluppi con l'umanità al centro e non solo con la tecnologia".
Sempre Schwab ha citato Papa Francesco nel richiamare gli imprenditori alle proprie responsabilità: "lavorare insieme per costruire il bene comune e un nuovo umanesimo del lavoro, promuovere un lavoro dignitoso della dignità delle persone, che non guardi solo al profitto o alle esigenze produttive, ma promuova una vita degna sapendo che il bene delle persone e il bene dell'azienda vanno di pari passo".

Questo andar di pari passo, richiama le imprese e gli imprenditori a lavorare a un Qualitative Easing che con creatività, determinazione e coraggio per risolvere i problemi attuali.
Bisogna agire e ripensare l'approccio con la tecnologia: Intelligenza artificiale, robotica, additive manufacturing, bio e neurotecnologie, blockchain e IoT non devono essere solo gli ingredienti con cui si lavora nel reparto R&D o nello sviluppo di nuovi prodotti e servizi; le imprese devono pensare alle opportunità e ai cambiamenti che queste tecnologie imporranno all'arena competitiva e ai loro clienti, sperimentandole e scrivendo il percorso di sviluppo attraverso la formazione delle persone affinché siano pronte ad usarle per una crescita inclusiva e non ne siano invece sopraffatte.

BIBLIOGRAFIA:
Il Salto di qualità che la società chiede alle imprese,
articolo del Prof. Bernardo Bertoldi, docente di Family Business Strategy all'Università di Torino
Il Sole 24 Ore

FOTO:
Padova, Piazza delle Erbe.

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi