Briciole di pane



Tecnologia in Movimento: il Futuro è Indossabile

Tecnologia in Movimento: il Futuro è Indossabile

14 Febbraio 2019

Nella ricerca di livelli di produttività sempre più avanzati, i dispositivi mobili, riuscendo a "rendersi invisibili", possono aiutare a raggiungere gli obiettivi prefissati. Non è un caso infatti che gli indossabili stiano già cambiando il modo, il luogo e i dettagli con cui vengono raccolti i dati. Il loro utilizzo, confortevole e a mani libere, cambia il paradigma relativo all'utilizzo dei mobile computer in ambito industriale. Nel seguente articolo, tratto da Modern Materials Handling, vediamo quali sono i benefici e le tendenze di questi aspetti, secondo diversi esperti del settore.

Ogni anno, la potenza di elaborazione, le dimensioni e la capacità dei dispositivi mobili migliorano. Lo stesso vale per i dispositivi consumer o industriali, anche se l'attesa per questa tecnologia d'avanguardia è molto diversa in questi due settori. Lo stoccaggio e la distribuzione sono orgogliosamente poco propensi al rischio, e anche coloro che hanno cercato di modernizzarsi sono spesso limitati da software legacy e processi consolidati che sono cambiati di poco nel corso dei decenni.

Definitelo una tempesta perfetta, un punto di svolta o un cambio di paradigma, ma una confluenza di fattori è pronta a trasformare rapidamente e radicalmente l'uso di dispositivi mobili in magazzini e centri di distribuzione.

L'imminente tramonto del supporto per i sistemi operativi mobili (OS) di Windows sta portando a una migrazione di massa verso il sistema operativo Android, una piattaforma che promette un supporto permanente per i dispositivi aziendali, una facile integrazione di dispositivi intelligenti come tablet e indossabili e una maggiore sicurezza.

I servizi gestiti o basati su cloud stanno diventando sempre più popolari, riducendo il carico IT e aumentando la flessibilità operativa a lungo termine. L'analitica, l'intelligenza artificiale, le reti neurali e l'apprendimento automatico stanno migliorando la capacità dei dispositivi mobili e delle soluzioni vocali di acquisire ed elaborare i dati per ottimizzare le operazioni.

Tutto ciò avviene in un contesto di maggiore sicurezza tra gli utenti e i fornitori di soluzioni.

Ora c'è molta consapevolezza in termini di "idoneità all'uso di un dispositivo", afferma Krishna Venkatasamy, Chief Technology Officer di Lucas Systems. "Dieci anni fa i clienti acquistavano una pistola per la scansione, che ne avessero bisogno o meno. Ma ora, se stanno usando la voce per l'inserimento dati, perché portare lo scanner? Gli acquirenti sono più intelligenti e stanno decidendo sui dispositivi in base alla loro idoneità per l'applicazione".

L'industria si sta muovendo verso la riduzione dei fattori di forma per i dispositivi, dice Venkatasamy, specialmente nelle applicazioni a direzione vocale. Infatti, dice che alcuni clienti stanno ora lavorando per utilizzare la tecnologia di Lucas su un orologio intelligente. Se gli utenti raramente hanno bisogno di uno schermo, la potenza di elaborazione, la memoria e la connettività Wi-Fi di un orologio intelligente lo rendono adatto per un dispositivo stand-alone.

Man mano che i dispositivi diventano più piccoli, più capaci e più indossabili, stanno riscrivendo il concetto di "data entry", secondo Bruce Stubbs, direttore del marketing della supply chain presso Honeywell Safety and Productivity Solutions. In un futuro non troppo lontano, elementi tecnologici come la voce, i touchscreen e persino la realtà aumentata si uniranno per creare un'interfaccia umana più naturale.

"Tenere premuto, puntare e premere un grilletto è una sequenza meccanica che richiede tempo e riflessione", afferma Stubbs. "Parlare, ascoltare e vedere sono una seconda natura. A questo punto, l'idea di sfruttare le sinergie tra l'uomo e la macchina non è lontana ".

Tecnologia in movimento

Bryce Keeney, Chief Technology Officer del produttore di PC Teguar, ricorda di essere rimasto affascinato dalla varietà di modi in cui i clienti volevano utilizzare un computer mobile. Lo stesso dispositivo può essere agganciato a una stazione o a un carrello elevatore, trasportato a mano o dotato di qualsiasi numero di accessori per supportare le attività in tutta la struttura.

Anche se il fattore forma li ha entusiasmati, molti clienti hanno sottovalutato le implicazioni software del passaggio a un tablet da un terminale fisso con grande schermo, tastiera e mouse.

"Se i clienti non hanno investito abbastanza denaro nel software, stanno prendendo un programma progettato per essere visualizzato su un monitor da 15 pollici e vogliono che si adatti a un tablet da 10 pollici", afferma Keeney. "Senza software di riscrittura, può essere difficile".

Gli schermi dei desktop tendono ad essere orientati in modalità orizzontale - più ampi che alti - mentre i tablet tendono ad essere utilizzati in verticale. Quando un touchscreen sostituisce il mouse, i pulsanti dovrebbero essere più grandi. Keeney dice che potrebbe avere senso pre-programmare i pulsanti fisici di un tablet per eseguire le azioni più comuni, o sequenza di azioni.

"Porre semplicemente queste domande è un grande passo a cui alcune persone non stanno pensando", dice Keeney. "Quando vado a vedere un operatore di magazzino che ha fatto un qualcosa per 10 anni, sono impazziti. Se si pianifica l'implementazione di nuove tecnologie in modo che gli operatori possano continuare ad essere eccellenti, è necessario sapere se, realizzando un pulsante più grande, si risparmiano 2 secondi da ogni transazione".

Mark Wheeler, direttore delle soluzioni per la supply chain di Zebra Technologies, è d'accordo, aggiungendo che l'interfaccia utente touch-based è "non è una cosa da poco". Mentre è ancora una novità per molte operazioni di magazzino la cui adozione della tecnologia è in ritardo, è probabile che i nuovi assunti e i tirocinanti abbiano familiarità con l'interfaccia. Wheeler afferma che il touchscreen più ricco, più produttivo e più facile da apprendere ha un grande appeal per una formazione rapida, che consente di integrare e colmare il divario tra i migliori lavoratori e la media.

"Ci sono ancora molti vantaggi da ottenere nel magazzino semplicemente approfittando di ciò che la piattaforma Android ha da offrire", afferma Wheeler. "Sfruttarla significa progettare l'input e l'output della tecnologia - quali informazioni devono essere presentate al lavoratore e quali dati che a loro volta acquisiscono - per ottenere un traffico di dati e di processi più fluidi".

Ad esempio, per lo stesso caso d'uso (il singolo pick e il case pick) sono disponibili da 25 anni dispositivi indossabili da polso appositamente costruiti. Ma gli stessi dispositivi, abbinati al software giusto, possono svolgere attività come il picking, lo smistamento e, sempre più spesso nell'e-commerce, i resi. I resi sono spesso un processo molto laborioso, dice Wheeler, e i dispositivi ergonomici e multifunzione possono aiutare a velocizzare il processo di identificazione, documentazione e categorizzazione degli articoli.

"Per il magazzino, si tratta di un'enorme transizione una tantum dall'entrata basata sui caratteri che esiste dall'avvento dei sistemi di gestione del magazzino in tempo reale", afferma. "È un'opportunità per cambiare radicalmente i sistemi che sono mission-critical. Non penso che sia un'esagerazione dire che questa è l'opportunità più ricca di future proofing mai vista nel settore".

Il magazzino

I dispositivi indossabili stanno rapidamente guadagnando trazione, secondo Stubbs, che cita la ricerca Honeywell indicando che ben l'85% dei clienti prevede di passare a una sorta di dispositivo indossabile nei prossimi tre-cinque anni.

"Per tutto il 2018, i clienti in generale hanno affermato i risultati della ricerca", afferma Stubbs. "Passare dalla carta alla voce è ovviamente un guadagno enorme, ma anche passare da palmare a indossabile può essere un cambiamento profittevole".

Quando un dispositivo passa dall'palmare ad essere fissato al corpo di un operatore, si aprono diverse "preoccupazioni" ergonomiche. Il concetto di robustezza è completamente diverso, dice Wheeler, poiché la minaccia non è costituita da cadute, ma da colpi e abrasioni. Mentre il dito, il polso, il braccio o il supporto per la testa sono più sicuri, non dovrebbero essere così sicuri da poter causare lesioni se impigliati in qualcosa. E se l'obiettivo è quello di migliorare la produttività, è meglio che sia confortevole.

"È facile costruire qualcosa di confortevole per un'ora", dice Wheeler, "ma abbiamo bisogno di qualcosa che non funziona solo per un pilota, ma funziona per anni".

Il collegamento di un dispositivo a un lavoratore consente inoltre di sbloccare tutti i nuovi dati sulle prestazioni per i manager. Ricambio, assunzione e mantenimento rimangono una sfida, ma potrebbe essere influenzata da una maggiore capacità di identificare e premiare i top performer. In combinazione con l'analisi, questi dati possono rivelare tendenze ancora più preziose.

"Quando si monitora ogni transazione, è possibile vedere quale lavoro stanno facendo e come. Dal modo in cui operano, è possibile trovare chi potrebbe essere a rischio di infortunio", afferma Stubbs. "Oppure, a giudicare dal modo in cui la loro performance ha fatto tendenza nelle ultime due settimane, un determinato dipendente può essere un candidato a lasciare l'azienda?"

Il software di gestione del lavoro ha predittori che possono catturare quel tipo di informazioni e produrre una sorta di valutazione del rischio per la gestione, dice Stubbs. Se pensiamo che 5 persone potrebbero lasciare il proprio lavoro, forse hanno bisogno di una formazione avanzata o di un altro impiego per cercare di evitare una mancata presenza già dal lunedì successivo.

Il software non deve essere difficile

Quel software è più capace, potente e sofisticato che mai, ma è anche più semplice. Scott Deutsch, presidente del Nord America di Ehrhardt + Partner, ricorda il vecchio metodo: investimento in uno strumento di business intelligence accompagnato da uno o due "data jockeys" che costruiscono report statici.

"Si vedrebbero un paio di schermate pubblicate all'ora, tasso di errore, elementi che abbiamo visto nel mondo degli affari da sempre", dice Deutsch. "Ora c'è un intero livello di analisi che può essere condiviso al di là di una o due persone per dare un senso della performance dell'intera azienda in tempo reale".

I motori di analisi hanno molteplici fonti di dati in modo da poter creare molteplici tipi di visualizzazioni, personalizzate e aggiornate in tempo reale. Non è una reinvenzione della ruota, dice Deutsch, ma è il modo in cui le aziende hanno creato l'integrazione dei dati per sempre. I dati degli ordini e i dati di acquisto si trovano sul sistema ERP (Enterprise Resource Planning), i feed al WMS, che alimenta la voce, e gli strumenti di analisi sono solo un altro esempio di software in grado di utilizzare i dati per migliorare le operazioni.

Le reti neurali, d'altra parte, sono un po' meno familiari, e sono i motori dietro ad Alexa, Siri e prodotti simili. Poiché dire più volte qualcosa è inaccettabile in un magazzino, i nuovi sistemi vocali sfruttano le reti neurali specifiche del magazzino per ottimizzare le prestazioni al di là degli assistenti vocali di livello consumer.

"La precisione del 95% di Alexa ti farebbe buttare fuori dalla porta di un magazzino", afferma Deutsch. "C'è una grande differenza tra questo e il 99,99%, e fino a un anno fa non era possibile ottenere prestazioni informatiche sufficienti per raggiungere tali performance ".

Le reti neurali e il machine learning consentono al software di imparare dai suoi errori, utilizzando ogni transazione per perfezionarsi continuamente. Deutsch afferma che gli ultimi 24 mesi hanno prodotto un miglioramento di oltre il 25% nel riconoscimento vocale, anche tra alcuni dei dialetti globali più impegnativi.

Se da un lato il software si rende più intelligente, dall'altro rende la vita meno difficile per il personale IT. Deutsch nota che più della metà del nuovo business della sua azienda proviene da servizi gestiti, o SaaS (software as a service), che rende il personale operativo meno dipendente dal personale IT per l'assistenza.

"Le persone che lo leggono sono nelle operazioni, ma gli investimenti provengono dall'IT", afferma Deutsch. "Ancora più importante, stiamo scoprendo che i CIO sono interessati a spostare una parte maggiore del budget verso l'innovazione rispetto al tradizionale 99% del budget destinato alla manutenzione del sistema. Ora possono pensare in modo creativo a ciò che potrebbero voler fare o che non era mai stato accessibile prima d'ora".

Articolo tradotto da:
Modern Materials Handling

Topic:
Wearable, T&L

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi