Products Process Innovation Consulting Events & Journal Contact
My Bag Login Registration



La Mobilità rafforza ogni anello della Supply Chain

La Mobilità rafforza ogni anello della Supply Chain

11 Febbraio 2019
Poiché la mobilità continua a migliorare quasi tutte le attività della supply chain, la disponibilità di un maggior numero di dati in tempo reale ad un costo inferiore farà progredire un maggior numero di operazioni. Man mano che questa tendenza continua ad evolversi, ci si aspetta di vedere una quota sempre più ampia di spedizionieri che sfruttino la potenza di ciò che la mobilità migliorata può offrire. Nel seguente articolo, tratto da Logistics Management, capiamo in cosa consistono queste migliorie e perchè il concetto di portatilità si è reso fondamentale.

Come parte integrante del nostro mondo, la mobilità sta avendo un impatto su ogni anello della catena di fornitura, dal magazzino/centro di distribuzione al cantiere, dalla rete di trasporto fino all'ultimo miglio, e molto altro ancora.

Dove solo cinque anni fa era ancora comune vedere autisti che prendevano appunti di viaggio su un blocco cartaceo e prendere le chiamate dai dispatcher, ora gran parte di questa comunicazione è stata razionalizzata su dispositivi mobili che consentono interazioni più fluide. Lo stesso si può dire per il cantiere e l'attività di consegna dell'ultimo miglio, che possono essere gestite, monitorate e tracciate utilizzando dispositivi mobili che aiutano gli spedizionieri a lavorare in modo più efficiente.

Gli odierni dispositivi mobili e le loro piattaforme software offrono alti livelli di visibilità, affidabilità e precisione lungo tutta la catena di fornitura end-to-end. E in cambio del loro maggiore investimento nella mobilità, le operazioni logistiche possono soddisfare più facilmente le esigenze dei loro clienti sempre più esigenti, mantenere un vantaggio competitivo e superare le crescenti sfide lavorative che quasi tutti devono affrontare in questi giorni.

"Stiamo assistendo a un costante progresso della mobilità nella supply chain, con gran parte di questo progresso guidato dalle sfide che tutti gli spedizionieri stanno affrontando nell'odierno mondo degli affari", afferma Bob Hood, direttore di Capgemini e responsabile della pratica Move Domain del gruppo. "L'aumento dei costi di trasporto, la carenza di autisti e il cambiamento delle normative: tutte queste problematiche sono alla base della crescente adozione della mobilità".

Se combinati, tutti questi fattori convergono per rendere la mobilità un requisito per una gestione più efficace ed efficiente della supply chain. I produttori di strumenti, attrezzature, dispositivi e software mobili sono perfettamente consapevoli di questo fatto e si sono fatti avanti per soddisfare le esigenze dei loro clienti. Nelle prossime righe analizzeremo la continua adozione della mobilità al di fuori delle quattro pareti del magazzino, mostreremo come le aziende stanno sfruttando le sue capacità e daremo un'occhiata a ciò che ci aspetta il prossimo futuro.

Lavorare senza fili

Con la catena di fornitura mobile che continua a focalizzarsi sempre più chiaramente, i giorni in cui gli spedizionieri guardavano i camion lasciare la banchina di carico per poi incrociare le dita nella speranza che quelle merci arrivassero al posto giusto al momento giusto e nelle giuste condizioni, stanno scomparendo rapidamente. Con "l'effetto Amazon" a pienor egime, e con i clienti che si aspettano che gli ordini B2C e B2B siano evasi rapidamente e con precisione, la spinta nell'implementare una maggiore mobilità nella supply chain è in pieno vigore.

In cambio dei loro investimenti in tecnologia mobile, gli spedizionieri beneficiano di una migliore pianificazione, di un accesso più rapido ai dati del trasporto in tempo reale, di una migliore gestione delle consegne e dei ritiri e di una maggiore sicurezza dell'autista grazie ai dispositivi vivavoce. Le soluzioni di mobilità offrono inoltre agli spedizionieri un'interfaccia interattiva per clienti, partner commerciali e vettori, che si uniscono per creare una supply chain snella e coesiva.

Hood indica l'Internet degli oggetti (IoT) come uno dei principali motori del movimento di mobilità, e in particolare perché aiuta a creare un ambiente più connesso tra molteplici strumenti, dispositivi e piattaforme software, cosa che non era necessariamente fattibile prima che l'internet degli oggetti diventasse un elemento di diffusione.

Ad esempio, le aziende possono mettere dispositivi di tracciamento degli articoli, delle spedizioni o dei veicoli, per poi tracciare sia la posizione degli articoli che le condizioni di spedizione (ad esempio, temperatura, urti, umidità) tramite l'Internet degli oggetti (IoT). Grazie ai sensori, i dispositivi di tracciamento trasmettono i dati in tempo reale, consentendo ai responsabili dei trasporti di sapere esattamente cosa succede con qualsiasi spedizione e in qualsiasi momento. Un produttore farmaceutico, ad esempio, viene avvisato se la temperatura di una certa spedizione ha superato i parametri preimpostati e, a sua volta, fa qualcosa al riguardo prima che la spedizione diventi inutilizzabile.

"Tutti guardano a come sfruttare l'internet degli oggetti", afferma Hood. "Abbiamo tutti sentito parlare dei problemi di contaminazione alimentare che le aziende stanno cercando di gestire. Queste e altre sfide stanno spingendo sempre più aziende a studiare come posizionare i sensori sui rimorchi, a migliorare il monitoraggio della rete di trasporto e ad affrontare questi problemi".

Hood afferma che l'innovazione tecnologica e l'introduzione di nuove soluzioni stiano spingendo in avanti anche la tendenza alla mobilità.

"Ci sono sempre più fornitori focalizzati ad aiutare le aziende a sfruttare la visibilità e ad utilizzare i dati che vengono resi disponibili attraverso l'ambiente dei dispositivi connessi", dice Hood. "Questi fornitori stanno approfittando di tutti i dati resi disponibili, che si tratti di trasporto marittimo, OTR (over-the-road) o reti over-the-rail, e stanno catturando quei dati e tutte le altre informazioni rilevanti come il tempo, il traffico e persino i dati non strutturati dei social media per fornire informazioni in tempo reale".

Ma anche con l'afflusso sul mercato di nuove e migliori tecnologie mobili, alcuni trasportatori scelgono di attenersi ai loro processi manuali. "Nel settore dei supermercati, i margini sono molto, molto sottili. Tuttavia, il costo di non fare qualcosa sta aumentando", dice Hood. "In parole povere, i tipi di aziende che generalmente si vedono sul front-end di qualsiasi tecnologia stanno già implementando la mobilità, ma ci sono anche i ritardatari che non lo sono".

Il tessuto connettivo

Un altro fattore chiave della mobilità è l'espansione complessiva della catena di approvvigionamento nel suo complesso, afferma Simon Ellis, direttore dello studio di ricerca e consulenza IDC Manufacturing Insights. In altre parole, mentre la supply chain poteva includere in passato solo una manciata di persone chiave - supervisore di magazzino, dispatcher, autista - ora incorpora una più ampia varietà di waypoint.

"La supply chain è una funzione intrinsecamente distribuita che include persone che non si trovano nei vostri edifici, ma sono sparse in luoghi diversi", dice Ellis. "Per questo motivo, la capacità di collegarli, ottenere informazioni da loro e divulgare informazioni a loro è una parte critica della moderna gestione della supply chain".

Questo scenario è una componente critica della supply chain in tempo reale - un Santo Graal che gli spedizionieri hanno cercato di raggiungere per decenni, e che potrebbe essere qui prima di quanto pensiamo. Con i dispositivi ora collegati con le reti di sensori, e poi la cattura e la diffusione di dati più tempestivi e accurati lungo tutta la catena di fornitura, la supply chain in tempo reale è ora a portata di mano di molte aziende.

"La mobilità è il tessuto connettivo che supporta la supply chain in tempo reale", osserva Ellis. "Sia che ciò significhi catturare le informazioni in tempo reale e rispedirle ai sistemi per prendere decisioni basate su quei dati, o inviare le informazioni alle persone per prendere quelle decisioni, la mobilità è davvero il cuore del processo".

Andare oltre la cabina dell'autista

La connettività degli autisti è stata per decenni il punto di riferimento per gli spedizionieri, ma grazie ai progressi tecnologici, questi stessi spedizionieri possono ora pensare oltre la cabina del camion ed estendere le loro catene di fornitura mobile in entrambe le direzioni: verso il dock di partenza o verso il luogo di ricevimento del cliente. "La mobilità va oltre la cabina", dice Hood, "e non si limita a fornire connettività intorno al veicolo e alle prestazioni dell'autista".

Accreditiamo al nuovo mandato "electronic logging device "almeno una parte di questa tendenza. A partire dal 17 dicembre 2017, qualsiasi veicolo commerciale che pesi oltre 4.500 kg con un modello dell'anno 2000 o più recente doveva essere equipaggiato con un dispositivo di registrazione elettronica (ELD) approvato dalla FMCSA. Spingendo i conducenti e i vettori a "entrare nell'era elettronica", per così dire, il mandato ELD spinge essenzialmente tutti i ritardatari a investire in tecnologia mobile, che lo facciano o meno.

"Poiché ora devono tenere registri elettronici, c'è una discreta maturità per la mobilità nei trasporti", dice Hood. Allo stesso tempo, la tecnologia continua ad evolvere al punto che è ora possibile utilizzare dispositivi palmari, al contrario di ingombranti sistemi di comunicazione in cabina e di tracciamento dei beni. "Stiamo ora vedendo più dispositivi abilitati all'internet degli oggetti sia sui container che nel rimorchio", afferma Hood.

La stessa evoluzione sta avvenendo con la ferrovia, dove il movimento è reso possibile da una combinazione di dispositivi mobili e IoT. "Per anni, i messaggi di localizzazione dell'auto hanno dovuto essere inoltrati attraverso diverse aziende e questi messaggi non sono stati così tempestivi e affidabili come gli spedizionieri avrebbero voluto", spiega Hood. "Ma ora, molti spedizionieri stanno inserendo dispositivi dell'internet degli oggetti nei vagoni ferroviari per misurare cose come la temperatura e la pressione e per tracciare le posizioni, il che contribuisce a migliorare la visibilità".

Quali sono le prospettive?

Poiché la mobilità continua a migliorare le attività della supply chain che si svolgono al di fuori delle quattro pareti del magazzino e dei centri di distribuzione, la disponibilità di un maggior numero di dati in tempo reale a un costo inferiore spingerà anche la supply chain a migliorarsi. Man mano che questa tendenza continua ad evolversi, ci si aspetta di vedere un'ondata più ampia di spedizionieri che sfruttino la potenza della catena di fornitura mobile.

In futuro, Hood si aspetta di vedere ancora più innovazione su come le aziende sfruttano il mondo connesso e le informazioni che sta generando. "Penso che vedremo anche un maggior numero di fornitori che entreranno nello spazio per sviluppare applicazioni di visibilità della supply chain e sfruttare tutti gli input come il meteo e i social media", dice Hood, che vede anche un posto per l'intelligenza artificiale (AI) e il machine learning in questa equazione.

"Una volta che questo accadrà, le aziende saranno davvero in grado di automatizzare, in misura molto maggiore, il modo di gestire le eccezioni che si verificano durante i processi di distribuzione e spedizione", aggiunge Hood, "e sfruttare veramente la potenza della catena di fornitura mobile".

Articolo tradotto da:
Logistics Management

Topic:
Transport & Logistics, Mobile Computing

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi