Products Process Innovation Consulting Events & Journal Contact
My Bag Login Registration



Monitorare e Tracciare i contenitori riutilizzabili

Monitorare e Tracciare i contenitori riutilizzabili

16 Gennaio 2019

Sempre più aziende stanno sfruttando i dispositivi e le analisi dell'Internet of Things per ridurre i tempi di permanenza e la velocità di ritorno del packaging riutilizzabile, al fine di sfruttare al meglio questi asset. Tecnologie come barcode, RFID, GPS e Computer Vision aiutano a tenere traccia di questi beni in ambienti interni ed esterni. Vediamo come tutto questo può avvenire, nel seguente articolo tratto da Modern Materials Handling.

Settori come quello automobilistico e della vendita al dettaglio, che investono in casse portatili riutilizzabili per catene di fornitura a circuito chiuso, si stanno ora rivolgendo alle più recenti tecnologie di monitoraggio e analisi per sfruttare ancora meglio questi asset.

"Da anni mettiamo sulle cassette etichette di identificazione a radiofrequenza (RFID) e etichette con codici a barre, che sono ottime per tracciare i beni all'interno delle quattro mura", spiega Steve Juckem, senior product manager per la tecnologia di tracciatura di ORBIS. "Ora, altre tecnologie dispongono di una migliore durata della batteria e sono meno costose, e vediamo maggiori opportunità di implementare dispositivi GPS e tecnologie di computer vision per la tracciabilità dei beni al di fuori delle quattro mura".

I dispositivi GPS offrono la possibilità di tracciare le cassette sulla strada, mentre le tecnologie di visione sono programmate per riconoscere e identificare le cassette quando lasciano o entrano in un edificio - simile all'RFID e al codice a barre, ma con l'ulteriore vantaggio di catturare le condizioni della spedizione e il suo contenuto.

Juckem afferma che queste ultime tecnologie consentono alle aziende di capire meglio dove vanno (o non vanno) i loro contenitori e i loro contenuti.

"Essi tracciano una varietà di parametri per una migliore visibilità nella loro catena di fornitura. Ciò potrebbe includere tempi di ciclo, ossia quanto tempo ci vuole un pacchetto per completare un viaggio di andata e ritorno dal momento in cui lascia una data località per poi tornare", afferma. "C'è anche interesse per i tempi di sosta, o per quanto tempo il packaging si trova in un luogo specifico, per identificare i processi migliori per recuperare più velocemente la merce".

Così facendo, osserva Juckem, si riducono i costi per l'acquisto di contenitori aggiuntivi. È inoltre possibile specificare l'aggiunta di un servizio di tracciabilità chiavi in mano alla proprietà del tote, compresa l'applicazione del dispositivo scelto all'imballaggio riutilizzabile e il software per l'analisi dei dati raccolti.

"Abbiamo visto una riduzione media del 30% del tempo di sosta, ad esempio, scoprendo cassette sedute su semirimorchi presso un fornitore che aspettava di riempire il rimorchio prima di restituire l'imballaggio", riferisce Juckem. "Mentre questo è determinato dal costo del trasporto, i nostri clienti lo vedono come un'opportunità per recuperare i contenitori in modo più tempestivo attraverso diversi mezzi di trasporto, il che crea anche un anello più veloce della catena di fornitura".

Articolo tratto da:
Modern Materials Handling

Topic:
Transport & Logistics

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi