Briciole di pane



6 Tendenze Chiave con cui la Mobilità sta trasformando la Supply Chain

6 Tendenze Chiave con cui la Mobilità sta trasformando la Supply Chain

18 Dicembre 2018

Il carattere altamente innovativo delle ultime tecnologie e l'hardware rugged stanno apportando notevoli migliorie a tutta la supply chain: dall'eccellente visibilità offerta fino alla gestione ottimizzata dell'inventario, tutto ne viene pervaso. Nel seguente articolo, tratto da Supply Chain Management Review, vediamo quali sono le più recenti tendenze nella mobilità che sta trasformando la catena di fornitura. 

Le tecnologie mobili stanno cambiando il modo in cui tracciamo le merci al di fuori delle quattro mura, mettendo la gestione logistica "in tempo reale" alla portata di molti spedizionieri. Tuttavia, gli analisti ritengono che abbiamo più lavoro da svolgere nelle aree di investimento e di integrazione delle operazioni esistenti.

Poiché le tecnologie mobili continuano a lasciare il segno sia all'interno che all'esterno delle quattro pareti del magazzino e del centro di distribuzione (DC), il 2017 sembra essere l'anno in cui quest'ultimo è stato particolarmente chiaro. Dalla tracciabilità delle merci in tempo reale all'assistenza per l'Internet of Things (IoT), il "taglio dei fili" nell'area che si trova tra il magazzino e la porta principale del cliente sta guadagnando terreno, mentre gli spedizionieri si trovano a fronteggiare la rapida evasione degli ordini, le dimensioni ridotte degli stessi e le aspettative in continua evoluzione dei clienti.

In cambio dei loro investimenti tecnologici, gli spedizionieri stanno ottenendo vantaggi come tempi di consegna più brevi, migliore visibilità della catena di fornitura, riduzione degli errori, reti di trasporto ottimizzate e migliore gestione delle scorte. Insieme, questi vantaggi stanno aiutando le aziende a lavorare in modo più intelligente ed efficiente nel frenetico mondo degli affari di oggi.

"I giorni in cui i corrieri usavano le radio o i terminali di bordo per comunicare i loro spostamenti (ad esempio, ritiri, drop off, regolazioni) stanno svanendo rapidamente", afferma Bob Hood, direttore della società di consulenza Capgemini. "Oggi, tutti questi dati vengono continuamente immessi nei motori di ottimizzazione dinamica che non solo aiutano a creare i percorsi più efficienti, ma forniscono anche al corriere informazioni sulle prestazioni del veicolo e del conducente".

Le tecnologie mobili stanno inoltre aiutando le aziende a migliorare la comunicazione all'interno delle loro reti di trasporto e a misurare più accuratamente la produttività e l'efficienza all'interno di tali reti. "La mobilità sta davvero creando un paradigma completamente nuovo per le comunicazioni con i veicoli", dice Hood, "e sta aggiungendo nuovi livelli di sofisticazione all'area che si trova al di fuori delle quattro mura del magazzino".

6 tendenze chiave della mobilità

Concentrandosi sul miglioramento dei processi, sulla riduzione dei costi e sull'aumento dell'efficienza, un numero crescente di aziende logistiche ha puntato sull'area al di fuori delle quattro mura. E, proprio come sta accadendo nei centri di distribuzione e nei magazzini di tutto il mondo, dove il "taglio dei fili" rimane un imperativo primario, le tecnologie mobili stanno giocando un ruolo chiave in questa transizione.

Qui di seguito vediamo quali sono i sei modi in cui la mobilità sta dando forma alle nuove catene di fornitura:

1. Comunicazioni sempre più sofisticate per i veicoli

C'è stato un tempo in cui l'unico contatto che l'autista aveva con la base di partenza avveniva dopo un'azione (ad esempio, lo scarico della merce) o quando c'era un problema. Oggi, gli spedizionieri comunicano con i loro autisti in tempo reale, prestando maggiore attenzione alle operazioni del veicolo, all'instradamento e alla programmazione e ad altri indicatori chiave delle prestazioni (KPI).

Nella maggior parte dei casi, la mobilità è il fattore chiave alla base di questi progressi. Hood afferma di aver recentemente lavorato con un cliente che ha implementato uno strumento di ottimizzazione in tempo reale che consente il ritiro e la consegna il giorno stesso per la sua flotta. Contemporaneamente, l'azienda ha aggiornato la sua capacità di calcolo a bordo, una mossa che ha portato a una migliore ottimizzazione dei trasporti in diverse decine di località.

"Hanno aggiornato le attrezzature sia nel camion che in cabina e stanno ora addestrando gli autisti sul suo utilizzo", afferma Hood, che ammette che, sebbene il costo iniziale di tale transizione sia elevato, i benefici a lungo termine saranno sostanziali. "Quando si inizia a parlare dei computer di bordo e del software che li supporta, oltre all'integrazione nella catena di fornitura, i costi possono essere piuttosto significativi".

2. App per l'autotrasporto

Nel 2015, Frost & Sullivan ha dichiarato che le dimensioni del mercato delle app mobili per autotrasporti ha raggiunto i 35,4 miliardi di dollari. Le app mobili vengono lanciate, puntando quasi costantemente al settore degli autotrasporti, afferma la società di ricerca. "Con il lancio di Uber Freight, la concorrenza nel settore delle applicazioni di autotrasporto si è solo riscaldata, spingendo gli operatori storici a innovare e muoversi velocemente", dicono gli analisti di Frost & Sullivan, notando che solo 30 delle oltre 100 applicazioni di autotrasporto attualmente disponibili in Nord America saranno ancora attive nel 2020.

La società di analisi sostiene inoltre che la mobilità relativa al trasporto delle merci sarà la più grande perturbazione che trasformerà questo settore, relativamente al nord America. "Le applicazioni di mobilità merci su richiesta consentiranno un elevato utilizzo delle risorse tra le flotte più piccole; contribuiranno a ridurre i costi logistici per gli spedizionieri grazie alle minori commissioni di intermediazione; faciliteranno la contrazione della capacità, ridurranno le miglia di ritorno a vuoto che attualmente ammontano a circa 20 miliardi di miglia; e contribuiranno anche a ridurre le emissioni", hanno aggiunto gli analisti di Frost & Sullivan.

3. Non riguarda più solo per i grandi player

David Krebs, presidente della mobilità aziendale e dei dispositivi connessi di VDC Research, ricorda un'epoca in cui le soluzioni di mobilità delle flotte erano riservate alle entità più grandi che potevano permettersele. Con l'avanzare della tecnologia, che è diventata sempre più diffusa e accessibile, così sono diventate anche le soluzioni di mobilità delle flotte.

Se un'azienda vuole la prova di consegna, la gestione della flotta, la gestione della forza lavoro, o soluzioni di gestione delle risorse, la maggior parte sono completamente accessibili a una vasta gamma di spedizionieri. "La mobilità sta diventando molto più accessibile per qualsiasi operazione logistica o spedizioniere, di tutte le dimensioni", afferma Krebs. "Poiché la penetrazione della tecnologia continua a migliorare complessivamente, è probabile che l'adozione aumenti in modo esponenziale".

4. La mobilità aiuta a individuare i gap di prestazioni e produttività

Sapere dove si trova tutto in un dato momento (cioè, "visibilità") è il Santo Graal per ogni responsabile della logistica, e la mobilità sta mettendo questo obiettivo alla loro portata. Armati di informazioni accurate, gli spedizionieri possono rapidamente identificare e mitigare i gap di performance, migliorare la loro agilità, affrontare i problemi di inventario ed eseguire molte altre operazioni critiche per l'azienda.

"Può sembrare ovvio, ma la visibilità e l'accuratezza dell'inventario rimangono grandi sfide per molte organizzazioni", afferma Krebs. "Nella catena di fornitura al dettaglio, in particolare, la tecnologia mobile sta giocando un ruolo importante nell'ottimizzazione dei trasporti, nella pianificazione del carico, nella gestione dello stesso e in altre funzioni correlate".

5. Più dati significa più tecnologia mobile per generarli e supportarli

"L'internet degli oggetti e i sensori per la supply chain sono molto popolari in questo momento", afferma Simon Ellis, Practice Director di IDC Manufacturing Insights, "in particolare quando si tratta di implementare sensori sul campo per interagire con i dispositivi mobili". Gli spedizionieri che gestiscono merci deperibili e merci refrigerate, ad esempio, utilizzano sensori per rilevare la temperatura dei rimorchi, batterie scariche e altri problemi che potrebbero avere un impatto sul carico.

"Usando i sensori - e i dati che generano - i trasportatori possono, si spera, prendere migliori decisioni di business", dice Ellis. "Questa è solo una tendenza che rende i casi d'uso dell'internet degli oggetti e della mobilità più preziosi nel loro complesso". Con maggiori informazioni disponibili in tempo reale, l'opportunità di "utilizzare gli insight generati dalle analisi su quei dati" aumenta in modo esponenziale, aggiunge. "Man mano che i dati diventano sempre più comuni e disponibili, anche la necessità di avere più tecnologia mobile sul campo si va espandendo".

6. I clienti vogliono più informazioni e dati

Le aspettative dei clienti per i dati di spedizione in tempo reale, disponibili a portata di mano senza dover rispondere al telefono o prendere contatto via e-mail, sono in crescita.

"Vogliono essere in grado di farlo rapidamente online, e questo richiede un certo livello di tecnologia mobile", dice Ellis. "Questa è un'altra tendenza che continua ad alzare la barra sul fronte mobile, dove i corrieri devono essere in grado di fornire questo livello di informazioni".

Per arrivarci, Ellis dice che tutti gli anelli della catena di approvvigionamento devono essere strumentati - incluse le risorse umane. "Nel caso delle persone, per strumentazione si intende uno smartphone o un dispositivo mobile", dice Ellis. "Questo è l'ennesimo stimolo al movimento mobile al di fuori del magazzino".

Barriere e blocchi

Anche se gli spedizionieri spingono verso una visibilità in tempo reale e end-to-end della supply chain, ci sono alcune barriere che ostacolano l'adozione mobile al di fuori delle quattro pareti del magazzino e del centro di distribuzione. Krebs afferma che una sfida particolarmente difficile è la sicurezza dei lavoratori, insieme al fatto che i dispositivi e le applicazioni mobili possono essere piuttosto distraenti.

Per superare questo problema, Krebs afferma che sempre più fornitori stanno approfondendo la progettazione delle applicazioni e assicurando che i conducenti tengano gli occhi sulla strada e non sui loro dispositivi. "Ci sono modi per 'bloccarli', per così dire", dice Krebs, "e assicurarsi che l'uso della tecnologia non porti ad incidenti".

Anche i numerosi e diversi sistemi legacy su cui i trasportatori si affidano per gestire le proprie attività si scontrano con la catena di fornitura completamente mobile. "Solo perché un mittente vuole essere in grado di fare qualcosa non significa necessariamente che sarà fattibile utilizzando l'infrastruttura esistente", sottolinea Krebs. "I sistemi legacy e le soluzioni più intuitive e moderne non sempre vanno di pari passo".

Nonostante queste e altre sfide, Hood e Vernon affermano che l'ideale di gestione della supply chain in tempo reale è alla portata degli spedizionieri di oggi. Tuttavia, c'è ancora molto lavoro da fare in questo settore.

"In un certo senso, siamo già lì", dice Vernon, che indica le applicazioni che tracciano i rimorchi, utilizzano il posizionamento GPS e raccolgono i dati sulla temperatura come tre esempi di questo aspetto. "Ma per quanto riguarda il collegamento dell'intero ecosistema, siamo ancora in una fase iniziale".

E non è per mancanza di attrezzature, osserva Vernon, ma per la riluttanza degli spedizionieri ad investire e integrare la tecnologia nelle loro operazioni. "Alcune aziende sono entrate molto rapidamente, come quelle che utilizzano il telerilevamento sui loro rimorchi e carichi, mentre altre si sono trattenute", dice Vernon. "A questo punto, i tassi di adozione dipendono davvero dai trasportatori e dagli spedizionieri che prendono la decisione di passare a questa fase".

Articolo tradotto da:
Supply Chain Management Review

Topic:
Transport & Logistics

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiedi preventivo
per grandi quantità

» Leggi l'informativa sulla privacy Richiedi preventivo
Chiudi