Automatic Data Capture: I Migliori 20 Produttori del 2017

Automatic Data Capture: I Migliori 20 Produttori del 2017

08 Novembre 2018

Grazie ai progressi della tecnologia e alle incessanti richieste del mercato, si stanno aprendo sempre più opportunità di utilizzo di soluzioni legate all’identificazione automatica e alla raccolta dei dati, per una fascia sempre più ampia di aziende. In questo articolo, tradotto da Material Handling 24/7, vediamo quali sono stati i principali player del mercato AIDC nel 2017.

Quando ha esaminato le prestazioni dei fornitori di soluzioni di identificazione automatica e di acquisizione dati (AIDC) dell'ultimo anno, David Krebs, vice presidente di VDC Research's enterprise mobility and connected devices, vede due diverse storie in via di sviluppo.

Una riguarda lo sviluppo delle soluzioni AIDC stesse e l'altro si incentra sulla rapida crescita della mobilità nell'ambiente di stoccaggio e distribuzione.

Per quanto riguarda le strumentazioni (che VDC definisce come computer portatili rugged, computer montati su veicoli, scanner di codici a barre portatili e fissi e stampanti termiche per etichette), Zebra Technologies "ha davvero fatto un passo in avanti in termini di sviluppo del prodotto e prestazioni, nel 2017", afferma Krebs.

A riprova di ciò, Krebs indica una crescita del 4,7% rispetto all'anno precedente (da 2,13 miliardi di dollari nel 2016 a 2,23 miliardi di dollari l'anno scorso), che incorpora i ricavi sia di Motorola Solutions che di Psion.

Krebs dice che c'è stato anche "un sacco di consolidamento al vertice", con Zebra e Honeywell che lavorano per affermarsi sul mercato attraverso fusioni e acquisizioni (M&A). "C'è stato qualche situazione di M&A piuttosto aggressivo", dice Krebs.

In effetti, afferma Krebs, i maggiori operatori del mercato hanno sostanzialmente consolidato l'intero spettro dell'Auto-ID (sia per la scansione di dati fissi che portatili) e della tecnologia di stampa (etichettatura e le tecnologie mobili associate).

"Grazie alla tendenza al consolidamento", dice Krebs, "sia Zebra che Honeywell hanno posizioni in quelle che consideriamo essere alcune delle principali categorie di hardware che costituiscono l'attuale mercato AIDC".

Taglio dei fili

Secondo la ricerca di VDC, anche il lato mobile del settore è in crescita perché sempre più aziende "tagliano i fili" e si spostano verso ambienti di distribuzione e stoccaggio più flessibili.

Le vendite totali di dispositivi robusti (compresi quelli per carrelli elevatori, palmari, PDA e indossabili) hanno raggiunto 2,85 miliardi di dollari l'anno scorso, contro i 2,76 miliardi di dollari del 2016.

Entro il 2021, VDC prevede che tale cifra raggiungerà i 3,19 miliardi di dollari, con un tasso di crescita annuale composto del 3% (CAGR) tra il 2016 e il 2021. Anche le vendite di hardware per codici a barre sono in aumento, essendo passate da 3,38 miliardi di dollari l'anno scorso a 3,51 miliardi di dollari nel 2017. Entro il 2021, VDC prevede che questo segmento di mercato raggiungerà i 4,30 miliardi di dollari, con un CAGR del 5% tra il 2016 e il 2021.

Complessivamente, le spedizioni globali stimate di hardware AIDC dovrebbero raggiungere i 7,5 miliardi di dollari entro il 2021, per un CAGR del 4,1% nello stesso periodo quinquennale.

"C'è una transizione in corso verso la mobilità. Nello spazio dei terminali portatili, ad esempio, stiamo assistendo a una tendenza alla 'modernizzazione' e a una migrazione da Windows a Android", sottolinea Krebs.

"La gente ha scommesso sul fatto che Microsoft lascia l'industria e si è spostata su Android", continua Krebs. Questa mossa si sarebbe rivelata costosa e dispendiosa in termini di tempo per le aziende, nota Krebs, in termini di investimenti software e competenze che avrebbero dovuto sviluppare.

Honeywell, che ha visto i suoi ricavi nel 2017 (compresi quelli di LXE, Intermec e Datamax-O'Neil) calare del 30,6% a 709 milioni di dollari (da 1,02 miliardi di dollari), ha adottato un approccio diverso. "Hanno detto: "Beh, non possiamo prevedere il futuro, quindi non attaccheremo il nostro cavallo a nessun carro; ci divideremo il rischio", spiega Krebs.

"Se il mercato vuole un pezzo di hardware per Microsoft e uno diverso per Android, Honeywell li darà entrambi".

Il problema, dice Krebs, è che il mercato non sapeva necessariamente cosa voleva e doveva ancora essere convinto della fattibilità di Android per applicazioni specifiche. Questo ha richiesto la leadership e la direzione da parte dei fornitori AIDC come Honeywell, che continua a lavorare su questi e altri problemi legati alla mobilità.

"Nel complesso," afferma Krebs, "abbiamo assistito a uno sviluppo piuttosto importante in termini di progressi annuali per due dei due maggiori operatori del settore".

Un ecosistema basato sui partner

Al vertice della lista AIDC di quest'anno a Zebra e Honeywell si aggiunge Datalogic, che ha registrato un calo dello 0,4% dei ricavi rispetto al 2016 (da 556 milioni di dollari a 554 milioni di dollari); SATO, che ha registrato un aumento dei ricavi del 9,7% (da 200 milioni di dollari a 219 milioni di dollari); e Toshiba TEC, i cui ricavi sono cresciuti del 9,5% (da 158 milioni di dollari a 173 milioni di dollari).

A completare la lista dei primi 10 classificati sono Denso Wave, Cognex, SICK AG, TSC Printers e Casio.

Definendo il mercato AIDC un "ecosistema basato sui partner", Krebs afferma che l'interdipendenza tra i suoi attori chiave significa che ognuno si affida al prossimo per avere successo. Aggiungete al mix l'innovazione tecnologica e le mutevoli richieste dei clienti e l'ambiente diventerà pressurizzato molto rapidamente.

"C'è un'enorme quantità di tensione in questo momento nel nucleo della comunità dei partner", dice Krebs, che ha visto alcuni dei maggiori fornitori del settore lavorare per allentare quelle tensioni e rendere più facile fare business.

Scorrendo verso il basso la lista dei migliori fornitori AIDC per il 2017, Krebs punta a Panasonic come uno dei player emergenti nello spazio mobile. Con vendite AIDC di 61 milioni di dollari per il 2017 (rispetto ai 51 milioni di dollari dell'anno precedente), l'azienda ha visto le sue vendite mobili aumentare del 21,1% in questo periodo di 12 mesi.

"Panasonic è ovviamente un gigante quando si tratta del suo tradizionale business Toughbook (cioè, notebook e tablet)", dice Krebs. "Ma nello spazio palmare, stanno iniziando ad averlo".

Questo slancio è continuato nella prima metà del 2018, e Krebs si aspetta più trazione da Panasonic sul fronte mobile nei prossimi mesi. "Prevediamo che la quota di Panasonic nel mercato AIDC aumenterà parecchio, sia in alcuni dei suoi mercati tradizionali, come il Giappone, sia in Nord America", prevede Krebs, "dove le grandi aziende vogliono e hanno disperatamente bisogno di avere più opzioni di Zebra e Honeywell".

Acquisizione dati più rapida e precisa

Esaminando le più ampie tendenze del mercato AIDC, Krebs afferma che il passaggio all'uso di tecnologie basate su telecamere è in pieno svolgimento. "Stiamo assistendo alla migrazione nei punti vendita (POS) verso l'utilizzo di tecnologie basate su imager e videocamere", spiega, "non solo per essere in grado di leggere i codici QR dagli schermi dei cellulari, ma anche per iniziative di tracciabilità".

Nell'industria farmaceutica, ad esempio, le tecnologie basate su telecamere vengono utilizzate per la serializzazione e per garantire alti livelli di visibilità dei prodotti mentre si muovono lungo la catena di fornitura.

"Presto, vedremo che l'utilizzo si incrocia con altre categorie di prodotti", prevede Krebs. "Ogni volta che un'azienda ha a che fare con un articolo deperibile (ad esempio, per le date di scadenza) o che rientra in un elevato grado di influenza normativa, si vedrà che si utilizzeranno più AIDC basate su videocamere".

Questa tecnologia offre il massimo valore quando la visione artificiale e l'acquisizione dei dati convergono. In futuro, ad esempio, i concept store di Amazon Go potrebbero potenzialmente utilizzare la tecnologia basata su telecamere per identificare i prodotti senza la necessità di codici a barre.

"Questo non è ancora fattibile, ma in futuro, quando i sensori e le telecamere costeranno ancora meno e saranno miniaturizzati ancora di più, la tecnologia potrebbe consentire molti tipi diversi di applicazioni e casi d'utilizzo", afferma Krebs, che indica la robotica collaborativa e guidata dalla visione come un'altra tecnologia avanzata che ha un solido potenziale nel magazzino mobile del futuro.

"Stiamo assistendo a una continua pressione nella distribuzione al dettaglio per ottenere velocità di adempimento più rapide e maggiori esigenze di precisione, in particolare grazie al fatto che l'adempimento a livello di articolo è guidato dall'e-commerce", afferma Krebs. "Queste forze si stanno unendo per guidare la necessità non solo di automazione, ma anche di una maggiore, più accurata e più veloce acquisizione dei dati a supporto di questi sviluppi".

Aprire l'AIDC a un pubblico più vasto

Dato che l'ambiente di fulfillment non cablato continua a focalizzarsi, e dato che ai responsabili di magazzino e dei centri di distribuzione viene chiesto di fare di più con meno e di soddisfare le richieste in continua evoluzione dei clienti, il mercato globale AIDC è destinato a crescere in modo esponenziale.

Allo stesso tempo, la definizione di AIDC e mobilità continuerà a trasformarsi di pari passo con il mercato, rendendo più difficile distinguere tra l'hardware e il software che una volta erano classificati in categorie distinte.
I computer portatili rugged di oggi, ad esempio, sono stati costruiti con capacità di acquisizione dati avanzate e integrate.

"Sia Zebra che Honeywell stanno progettando computer mobili appositamente costruiti per l'uso in una varietà di ambienti", afferma Krebs, "quando la loro vera pretesa di fama è quella di progettare strumentazioni in grado di resistere ad ambienti difficili (ad esempio, quelli focalizzati sulla lunga durata della batteria, le prestazioni wireless e il funzionamento in ambienti di grandi dimensioni di tipo campus)".

Fondamentalmente, il mercato AIDC è cresciuto al di là di queste esigenze, una realtà che ha spinto alcuni dei suoi maggiori player ad acquisire aziende più piccole negli ultimi uno o due anni. L'esplosione nell'uso degli smartphone, ad esempio, ha spinto i produttori di dispositivi a realizzare prodotti che possono essere utilizzati anche in ambienti industriali.

E mentre questi dispositivi possono non essere sufficienti nell'ambiente della catena del freddo, offrono buone funzionalità wireless, durata della batteria e opzioni di memoria. Hanno anche sofisticate fotocamere, aggiunge Krebs, e un software che trasforma i dispositivi in scanner capaci.

"Non vedrete qualcuno che utilizza uno smartphone per scansionare centinaia di oggetti in un turno, ma sono adatti per la scansione occasionale", osserva Krebs, "e possono servire come alternativa efficace a qualcosa che Zebra, Honeywell o Datalogic potrebbero vendere". Questo, a sua volta, apre il mercato della telefonia mobile alle organizzazioni più piccole che non possono permettersi di investire in dispositivi appositamente costruiti.

"Le linee sono sfocate", dice Krebs, "e il fatto che è possibile ottenere uno smartphone di base per un paio di centinaia di dollari ha sostanzialmente aperto il mercato a un pubblico più ampio".

Scarica la classifica completa.

Articolo tradotto da:
Material Handling 24/7

Topic:
AIDC

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2018. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi