Briciole di pane



6 stategie per migliorare la Gestione dell'Inventario

6 stategie per migliorare la Gestione dell'Inventario

05 Ottobre 2017 Se l’idea di utilizzare droni volanti nel tuo approccio di gestione dell’inventario di magazzino suona lontana e futuristica, ripensateci. In agosto, il Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha rivelato un nuovo modo di combinare droni e tecnologia RFID per migliorare i processi di stoccaggio. Denominato "RFly", il sistema permette ai piccoli e sicuri droni aerei di leggere le etichette RFID a decine di metri di distanza, identificando le posizioni delle etichette con un errore medio di circa 19 centimetri.

I ricercatori del MIT prevedono che il sistema venga utilizzato per il monitoraggio continuo, per evitare discrepanze nell'inventario e per individuare la posizione dei singoli articoli in grandi magazzini. Incorporando droni e RFID nel processo di gestione delle scorte, gli spedizionieri possono essere in grado di ottimizzare più efficacemente i livelli delle scorte, ridurle, migliorarne la visibilità, tenere traccia degli ordini e ridurre la possibilità di errore umano.

"Nel 2016, la U. S. National Retail Federation ha riferito che le differenze inventariali o la perdita di articoli nei negozi al dettaglio sono ammontate in media a circa 45,2 miliardi di dollari l'anno", ha dichiarato a MIT News Fadel Adib, career development assistant professor of media arts and sciences di Sony Corp., con cui il gruppo MIT Media Lab ha sviluppato il nuovo sistema. "Consentendo ai droni di trovare e localizzare oggetti e attrezzature, questa ricerca fornirà un progresso tecnologico fondamentale per risolvere questi problemi".

I DRONI NON FANNO PER VOI? PROVATE QUESTE STRATEGIE

Naturalmente, una gestione dell'inventario solida non richiede un veicolo aereo senza equipaggio e singoli tag RFID. Esistono infatti diverse best practice e tecnologie che, se utilizzate in modo autonomo o combinate con altre piattaforme, possono migliorare significativamente la gestione dell'inventario dei magazzini e dei DC di oggi. Di seguito ne riportiamo sei.

1.) Prima di investire, esplorare i sistemi attuali. "La gestione dell'inventario non deve essere troppo complicata", afferma Norm Saenz, amministratore delegato della società di consulenza della supply chain St. Onge Co. In molti casi, ad esempio, può essere semplice come avere un sistema di gestione dell'inventario che incorpora codici a barre e, a sua volta, consente la visibilità in tempo reale dell'inventario.

"Si può ottenere questo senza dover investire troppo denaro", dice Saenz. "Infatti, la maggior parte dei pacchetti software legacy e dei sistemi di pianificazione delle risorse aziendali (ERP) incorporano un certo livello di gestione dell'inventario. Non è come se avessi bisogno di un sistema Tier One per ottenere buoni sistemi di gestione dell'inventario e supporto".

2.) Iniziare con la creazione di controlli dell'inventario a livello di contenitore. Sembra abbastanza semplice in teoria, ma Ian Hobkirk, presidente del Commonwealth Supply Chain Advisors di Boston, dice che questo è un passo che molte aziende logistiche trascurano. "Concentratevi sempre e in tempo reale su cosa c'è esattamente in ogni contenitore del magazzino", Hobkirk afferma, osservando che un sistema di gestione del magazzino (WMS) è lo strumento migliore per il lavoro.

"Utilizzando un WMS per i controlli a livello di contenitore, tutto ciò che ne esce viene monitorato in tempo reale", aggiunge Hobkirk. "Quando si riesce a raggiungere questo obiettivo, si può iniziare a passare al conteggio ciclico invece di dover effettuare inventari fisici completi, quest'ultimo di solito è un evento enorme che impiega molte risorse e taglia la produttività".

3.) Contemplare anche la gestione della domanda e l'ottimizzazione delle scorte nel mix. Affinché i clienti siano soddisfatti, l'inventario deve essere nel posto giusto al momento giusto. Portate troppo di qualsiasi SKU nel posto sbagliato e si potrebbe finire per perdere soldi e avere un impatto negativo sul servizio clienti.

Per raggiungere questo equilibrio, Steve Banker, vice presidente della supply chain management di ARC Advisory Group, afferma che gli shipper possono utilizzare gli strumenti tradizionali di gestione delle scorte, le soluzioni di gestione della domanda e quelle per l'ottimizzazione delle scorte. Insieme, questi tre pacchetti rappresentano un potente colpo che i caricatori possono utilizzare per affrontare le loro sfide di gestione dell'inventario. "Quando si riuscirà a gestire correttamente la domanda", dice Banker, "si avrà l'inventario nel posto giusto e al momento giusto".

4.) Considerate l'aggiunta della tecnologia GPS alla vostra linea di gestione dell'inventario. Nella maggior parte dei casi utilizzati per la movimentazione dei veicoli, i sistemi di navigazione satellitare sono utilizzati anche per gestire le scorte nella catena di approvvigionamento. Saenz afferma di aver recentemente lavorato con un distributore di batterie che utilizzava questa tecnologia per tracciare l'inventario nella sua catena di fornitura e che il sistema GPS riporta lo stato e le prestazioni effettive dell'inventario per l'azienda.

"Volevano sapere dove si trovavano sul mercato le loro unità in affitto", dice Saenz, "ma anche gli stati di carica e la probabilità di guasto per quelle unità." Dopo aver testato un sistema RFID che non soddisfaceva le loro esigenze, l'azienda ha iniziato ad usare il GPS e si è accontentata dei risultati. "Stiamo vedendo aziende come Geoforce introdurre soluzioni che possono aiutare a tracciare l'inventario nella supply chain", dice Saenz,"dove la visibilità non è sempre facile da raggiungere".

5.) Considerare attentamente i dispositivi di scansione indossabili. I computer indossabili stanno aiutando il magazzino di oggi e i lavoratori dei centri di distribuzione a diventare più mobili, a lavorare a mani libere ed essere più precisi in un mondo in cui gli ordini più piccoli e frequenti rendono i loro lavori più impegnativi che mai. Ma anche con la proliferazione di dispositivi di scansione indossabili sul mercato, Hobkirk dice che molti professionisti della logistica stanno trascurando il vero valore della tecnologia.

"Questi dispositivi aiutano nei campi della precisione e del controllo, ma non li vediamo essere utilizzati così ampiamente come potrebbero essere", dice Hobkirk, che vede un alto volume di aziende di logistica che utilizzano scanner palmari per la gestione dell'inventario. Perché gli operatori devono prendere fisicamente questi dispositivi e poi guardarli e rimetterli al loro psoto, le aziende perdono i vantaggi che la tecnologia a mani libere offre.

"I dispositivi portatili sono ingombranti e spesso causano errori o situazioni in cui i lavoratori semplicemente non riescono a rintracciare tutte le transazioni che potrebbero essere tracciate", afferma Hobkirk, osservando che il costo degli scanner indossabili è ora in linea con quello dei dispositivi portatili. "Non c'è più motivo di non usarli".

6.) Iniziare a pensare all'intelligenza artificiale (AI) e al Machine Learning. Steve Banker di ARC dice che sta iniziando a vedere l'AI (sistemi informatici in grado di eseguire compiti che normalmente richiedono intelligenza umana) e Machine Learning (AI che dà ai sistemi la capacità di imparare e migliorare automaticamente dall'esperienza senza essere esplicitamente programmati) applicate alle soluzioni di gestione della domanda, una tendenza che potrebbe aiutare a migliorare la previsione per determinati periodi di tempo.

Ad esempio, se un magazzino o un'attività in DC non dispone del livello di SKU necessario per ogni fornitore, queste opzioni avanzate potrebbero aiutare a prendere decisioni più intelligenti in materia di allocazione delle scorte. Fa riferimento a Terra Technologies, acquisita da E2Open nel 2016 e uno dei primi pionieri di questa tecnologia. "In un mondo in cui molte più aziende stanno conducendo catene di approvvigionamento segmentate", dice Banker, "quando sono a corto di qualcosa, quelle aziende vogliono che lo stock vada ai loro clienti migliori e più redditizi".

Topic:
Supply Chain, Transport & Logistics, Machine Learning, Artificial Intelligence, Wearable

 

Multimac Srl  -   800 593 293  -   info@multimac.it  -   P.Iva 01281830289  -   Company info  -   Privacy  -   Sitemap  -   Copyright © 2019. All rights reserved.

Login

Per poter acquistare i prodotti sul nostro sito è necessario accedere con la propria email e password.

Accedi

Password dimenticata?
Non possiedi i dati di accesso? Registrati

Chiudi

Richiesta prezzo speciale
per progetto

» Leggi l'informativa sulla privacy Invia richiesta
Chiudi